Rins: "Meglio delle Yamaha nelle curve veloci"

Alex Rins si sente pronto per l'inizio di una stagione nella quale spera di dimostrare il suo potenziale e di lottare per la corona di campione del mondo.

Rins: "Meglio delle Yamaha nelle curve veloci"

Come la maggior parte dei piloti, Alex Rins non è stato in grado di sfruttare l'ultimo giorno dei test pre-stagionali in Qatar, a causa della tempesta di sabbia che ha peggiorato le condizioni del tracciato di Losail.

Nonostante abbia perso un buon numero di ore di test, il pilota spagnolo della Suzuki si sente pronto per iniziare il Mondiale, il 28 marzo sulla stessa pista, a differenza del suo compagno di squadra Joan Mir, che crede che perdere l'ultimo giorno gli impedirà di arrivare al 100% al primo round.

"Siamo pronti per iniziare il campionato, mi sento pronto per battagliare nella prima gara", ha detto Rins, quando gli è stato domandato come si sente a questo punto della stagione rispetto all'anno scorso.

"Daremo il 100% per stare davanti, ed essere davanti significa lottare, sorpassare, anche sul rettilineo, quindi spero di vedere una gara come nel 2019. Siamo pronti. Penso che abbiamo finito il test con delle buone conclusioni, informazioni molto positive. E' un peccato non aver potuto girare venerdì, perché avevamo previsto di provare di nuovo il telaio 2021. Pertanto, non sono sicuro di usarlo nel weekend di gara, perché non abbiamo avuto abbastanza tempo per confermarlo", ha argomentato.

In un'ipotetica griglia al termine del pre-campionato, Rins sarebbe scattato dall'ottava posizione, appena dietro dietro al suo compagno di squadra. Jack Miller, che è stato il più veloce, ha sostenuto che secondo lui i piloti della Suzuki abbiano nascosto le proprie carte durante i test.

"Beh, durante i test cerco sempre di dare il massimo, perché quando si guida al limite si può capire se le novità funzionano o meno. E' il modo migliore per capire le differenze. Tutte le parti che dovevamo provare, le abbiamo provate. Ci è mancata la simulazione di gara, e anche un po' di tempo per provare il nuovo telaio. Ma abbiamo testato tutto ed abbiamo fatto un passo avanti come sempre, quindi sono abbastanza contento".

Leggi anche:

Mentre Joan Mir crede di essere pronto solo al 70% in vista della prima gara, Rins si sente pronto per la battaglia.

"Il problema è che non abbiamo potuto fare molti test quest'anno, anche se la cosa positiva è che abbiamo fatto tutti gli stessi. Sono sicuro che se fossimo andati anche su altre piste, avremmo potuto capire se il telaio nuovo funziona meglio e magari lo avremmo usato nella FP1 del Gran Premio. Ma mi sento abbastanza preparato. Abbiamo spinto ogni giro per vedere se era tutto a posto. E lo era. Quindi mi sento pronto", ha insistito.

Con cinque giorni di test e due Gran Premi in Qatar, il ritorno in Europa del campionato potrebbe rappresentare una sorta di incognita per tutti.

"Sicuramente, queste due gare saranno molto interessanti per noi e per tutti i tifosi, perché saremo tutti molto vicimi. Quando torneremo in Europa, vedremo se possiamo essere più veloci degli anni precedenti. Quando finisci un Gran Premio, guardi i tempi e dici: 'wow, abbiamo tenuto un ritmo incredibile!'. Poi arriva l'anno successivo e migliori ancora questi tempi".

Nel 2020 Rins era considerato l'uomo di punta della Suzuki, ma alla fine è stato il suo compagno Mir a laurearsi campione del mondo.

"Ora siamo più consapevoli di poter vincere. L'anno scorso ci sono andato molto vicino, ho avuto delle opzioni fino alla fine. Devo riuscire ad essere più costante ed avere un po' più di fortuna. Per esempio, nel 2020 mi sono infortunato alla prima gara e me lo sono trascinato per tutto l'anno. Ma devo imparare da quello che mi è successo".

Guardando all'inizio del campionato, il pilota di Barcellona ha una strategia chiara.

"Non escluderei la Honda, perché Pol (Espargaro) si è adattato molto bene, e se non ci sarà Marc (Marquez), anche Bradl sta andando molto veloce. Dobbiamo spingere per tutta la pista e cercare di aprire un gap, per arrivare sul rettilineo con un po' di vantaggio ed evitare di essere superati. Abbiamo un po' più di velocità rispetto alle Yamaha, ma non molta. Possiamo sfruttare il vantaggio nelle curve veloci, ma dobbiamo stare attenti alla gestione delle gomme, soprattutto all'anteriore".

Come Mir, anche Rins ha deciso di rimanere in Qatar fino alla conclusione della seconda gara, per evitare i rischi legati al ritorno in Europa, che invece incontreranno gli altri piloti.

"E' un po' una seccatura, perché vorresti andare a casa a vedere la famiglia, ma siamo qui per correre e vogliamo ridurre i rischi. Guardate cosa è successo l'anno scorso ad Iker Lecuona, non ha potuto correre solo perché era stato a contatto con un positivo. Vogliamo ridurre i rischi ed evitare qualsiasi problema", ha detto Rins, che è in attesa di vaccinarsi contro il COVID-19.

"Sono felice che le persone nel paddock possano avere il vaccino. Io non l'ho ancora fatto, mi sto consultando con il mio medico per capire i pro ed i contro", ha detto venerdì sera.

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
2/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
3/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
4/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
5/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
6/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
7/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
13/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
14/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
15/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
16/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
17/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
18/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
19/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
20/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
21/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
22/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
23/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
24/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
25/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
26/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
27/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
28/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
29/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
30/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
31/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
32/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
33/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
34/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
35/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
36/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
37/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
38/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
39/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
40/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
41/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
42/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
43/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
44/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
45/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
46/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
47/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
48/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
49/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Yamaha ha un gran passo, Ducati la carta sorpasso

Articolo precedente

Yamaha ha un gran passo, Ducati la carta sorpasso

Prossimo Articolo

Puig: "La situazione di Marquez comincia a normalizzarsi"

Puig: "La situazione di Marquez comincia a normalizzarsi"
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021