Rins: "Il nuovo motore Suzuki ha più potenza, dobbiamo lavorare per scaricarla a terra"

condivisioni
commenti
Rins:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
23 nov 2018, 08:27

La Casa di Hamamatsu ha trovato i cavalli che cercava con il nuovo propulsore. Questi però hanno generato un po' di spinning, quindi bisognerà lavorare sul fronte dell'elettronica per riuscire a sfruttarli.

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki Ecstar
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins ha chiuso i test di Valencia al settimo posto assoluto, staccato di poco meno di mezzo secondo dalla miglior prestazione di Maverick Vinales. Dopo il filotto di podi delle ultime quattro gare (uno con Andrea Iannone in Australia), c'erano molti occhi puntati sulla Suzuki, anche se gli uomini di Hamamatsu hanno dato quasi la sensazione di essersi nascosti un po', senza voler mostrare tutto il loro potenziale.

Mentre l'esordio di Joan Mir, arrivato in MotoGP dopo appena una stagione in Moto2, ha catalizzato l'attenzione dei media, sulla GSX-RR c'è stato un altro debutto importante: quello del nuovo motore. Tutti ricorderanno che puntare sul propulsore sbagliato è stato ciò che ha rovinato la stagione 2017, quindi gli uomini in blu vogliono essere sicuri di fare la scelta corretta per quella che deve essere l'annata delle definitiva consacrazione di Rins.

Lo spagnolo ha avuto un'impressione positiva, perché ritiene che il nuovo propulsore abbia più potenza, che era quello che i giapponesi stavano cercando. Il problema semmai è che i cavalli in più hanno generato un po' di pattinamento. Ora quindi sarà fondamentale lavorare con l'elettronica per scaricarla per terra.

Leggi anche:

"La prima impressione sul nuovo motore è stata molto buona. Abbiamo fatto tanti giri con questo, ma anche con quello vecchio. Alla fine, il tempo l'ho fatto con il motore vecchio, quindi dobbiamo lavorare su quello nuovo. A primo impatto, è molto veloce, ha tanta potenza, ma dobbiamo riuscire a trovare il modo di sfruttarla" ha detto Rins.

"L'unica grande differenza che ho sentito è la potenza. Penso che abbia più potenza in basso, quindi si sente la differenza con ogni marcia e c'è più wheelie. Questa è la cosa più evidente che si sente" ha aggiunto.

La settimana prossima si torna in pista a Jerez per l'ultimo test del 2018, dove dovrebbe esserci già qualche aggiornamento di elettronica per provare a sfruttarlo meglio: "Non so ancora i piani definitivi per Jerez. Sicuramente utilizzeremo ancora il motore nuovo con alcune modifiche a livello di elettronica, perché ora abbiamo un po' di spinning, quindi dobbiamo cercare un po' di trazione in più per scaricare la potenza extra".

Informazioni aggiuntive di Carlos Guil Iglesias

Prossimo Articolo
Michele Pirro sarà operato alla spalla il 28 novembre a Modena

Articolo precedente

Michele Pirro sarà operato alla spalla il 28 novembre a Modena

Prossimo Articolo

Motorsport Report: ecco cosa hanno detto i test MotoGP di Valencia in vista del 2019

Motorsport Report: ecco cosa hanno detto i test MotoGP di Valencia in vista del 2019
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento Test di novembre a Valencia
Sotto-evento Mercoledì
Location Valencia
Piloti Alex Rins
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Matteo Nugnes