Rins ci crede: "Io e la Suzuki ora siamo pronti per la vittoria"

Dopo aver chiuso alla grande il 2018, con tre podi nelle ultime quattro gare, lo spagnolo è carichissimo in vista della sua terza stagione in sella alla Suzuki, che oggi ha presentato la GSX-RR in versione 2019.

Rins ci crede: "Io e la Suzuki ora siamo pronti per la vittoria"
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

"Fare esperienza, provare a migliorare i risultati dello scorso anno e provare a conquistare una vittoria". Alex Rins sembra avere le idee molto chiare su quelli che devono essere gli obiettivi suoi e della Suzuki nella stagione 2019.

Il pilota spagnolo è arrivato alla sua terza stagione in MotoGP e lo scorso anno ha mostrato una grande crescita, chiudendo quinto nel Mondiale con cinque podi all'attivo, tre dei quali nelle ultime quattro gare della stagione. Segno che anche la GSX-RR ha fatto grandi progressi nel corso dell'anno e che quindi è giusto avere ambizioni importanti per il 2019.

In attesa dei test collettivi, che inizieranno mercoledì a Sepang, oggi la Casa di Hamamatsu ha svelato la GSX-RR in versione 2019 e Rins non ha nascosto di essere impaziente di cominciare a fare sul serio: "Sì, non vedo l'ora che arrivi la prima gara in Qatar!".

Sulle aspettative per la sua nuova moto, ha aggiunto: "Spero che sia cresciuta molto... ma non per dimensioni e peso! Sono sicuro che avranno introdotto alcuni importanti progressi e sviluppi". Poi ha dato anche qualche indizio, spiegando le richieste fatte alla Suzuki: "Vorrei che avesse un po' più di velocità di punta e che possa essere un po' più forte in frenata".

Leggi anche:

Poi è tornato a parlare delle sue aspettative per il 2019 senza nascondersi: "L'anno scorso è stato fantastico per la Suzuki, siamo riusciti a sviluppare molto la moto e penso che l'obiettivo quest'anno sia quello di raggiungere la vittoria che ci è mancata nel 2018. E, nel mio caso, continuare a crescere come pilota ed accumulare ancora esperienza, ma penso che ora siamo pronti per la vittoria".

Con la partenza di Andrea Iannone e l'arrivo in squadra di un rookie come Joan Mir, è normale che Rins debba in un certo senso prendersi i galloni di pilota di riferimento, anche se questa cosa non sembra preoccuparlo affatto.

"Pressione? No, nessuna. Alla fine dell'anno scorso ero molto concentrato sulla mia moto e sullo sviluppo della GSX-RR. Quest'anno non posso contare su un pilota esperto al mio fianco, ma penso che non sia un grosso problema. Dobbiamo concentrarci sul nostro lavoro, sullo sviluppo e sul cercare di aiutare la Suzuki a realizzare una moto vincente" ha detto.

"La moto è migliorata molto dal 2017 al 2018 in termini di prestazioni del motore ed anche per quanto riguarda il telaio. Speriamo quindi che quest'anno la crescita sia simile o addirittura migliore" ha aggiunto.

Tra qualche giorno a Sepang inizieranno i test ed Alex sembra proprio impaziente di cominciare: "L'inverno è stato molto lungo e voglio davvero tornare in pista. In Malesia tornerò per la prima volta su una otoGP dopo alcuni mesi. Il primo giorno è sempre un po' complicato, ma mi sono allenato molto durante l'inverno per arrivare il più pronto possibile a questo appuntamento".

condivisioni
commenti
La Suzuki presenta la GSX-RR 2019, l'arma con cui vuole tornare alla vittoria

Articolo precedente

La Suzuki presenta la GSX-RR 2019, l'arma con cui vuole tornare alla vittoria

Prossimo Articolo

Mir: "Nessuno si aspetta grandi cose da un rookie, devo dimostrargli che hanno torto!"

Mir: "Nessuno si aspetta grandi cose da un rookie, devo dimostrargli che hanno torto!"
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021