Rins, caduta evitata in extremis: "E' stato super spaventoso"

Alex Rins ha raccontato cosa ha causato la chiusura d'anteriore "super spaventosa", che lo ha visto rendersi protagonista di un grande salvataggio durante il Gran Premio di Doha.

Rins, caduta evitata in extremis: "E' stato super spaventoso"

Rins ha provato subito ad inserirsi nella lotta per la vittoria, scattando bene dalla settima casella dello schieramento e portandosi in terza piazza in appena tre giri. Poi però ha dovuto fare i conti con la Ducati di Johann Zarco in un lungo duello per la seconda posizione.

Il francese è stato in grado di utilizzare la potenza brutale della Ducati per tenere a bada Rins, con il pilota della Suzuki che provava invece a sfruttare l'agilità della GSX-RR nelle sezioni più tortuose della pista di Losail.

Uno di questi punti è la curva 9, nella quale però lo spagnolo forse è andato anche oltre al limite, rischiando seriamente di concludere la sua gara con una caduta, ma riuscendo miracolosamente a rimanere in piedi ed a mantenere il terzo posto.

"E' stato super spaventoso", ha detto Rins. "Nei due o tre giri dopo sono passato ad uno o due metri da quella linea".

"E' una curva che ero in grado di fare velocemente, recuperando un po' del divario con le Ducati. E' stato un momento in cui ho spinto molto con il corpo e sono andato sulla linea bianca. E' stato davvero spaventoso da sopra alla moto".

"Non so come sia sembrata da fuori, ma sulla moto è stato spaventoso".

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Rins alla fine ha mancato il podio, ma è riuscito ad avere la meglio in un duello per la quarta posizione con la Yamaha di Maverick Vinales.

Ma data la grande velocità delle Ducati sul rettilineo, Rins ha ammesso che probabilmente il quarto posto è il massimo a cui potesse ambire.

"E' stato bello, sono stato in grado di fare una buona gara", ha aggiunto. "Ho gestito le gomme abbastanza bene. Ad un certo punto, quando ho visto che era impossibile andare davanti e scappare, ho cercato di gestire le gomme e di studiare gli altri piloti".

Leggi anche:

"Ma alla fine ho ottenuto il massimo, che era il quarto posto. Era impossibile fare di più, e dico impossibile perché è davvero difficile superare le Ducati sul rettilineo".

"Ho spinto per tutto il pre-campionato per ottenere più punti e salire sul podio. Ma facendo un bilancio delle prime gare, penso che torniamo in Europa in maniera positiva, quinti in campionato".

"Nella prima gara ho pagato un errore commesso al via, quando mi sono dimenticato di attivare il launch control. Ora vediamo se anche la Suzuki introdurrà l'abbassattore posteriore per permetterci di essere più veloci anche sul rettilineo", ha concluso.

condivisioni
commenti
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Articolo precedente

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Prossimo Articolo

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021