MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
3 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
55 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
216 giorni

Red Bull Ring: per ora niente chicane per la MotoGP

Il Red Bull Ring non realizzerà alcuna chicane per la MotoGP alla curva 2. La FIM ha infatti omologato la pista con un letto di ghiaia più grande e con la conferma della recinzione prima della curva 3.

Red Bull Ring: per ora niente chicane per la MotoGP

Il Red Bull Ring non avrà una chicane alla curva 2 per le gare di MotoGP, almeno per il momento. L'anno scorso, c'era stato in quel punto un incidente molto pericoloso tra Johann Zarco e Franco Morbidelli, con le loro moto che erano tornate in pista come proiettili, evitando per miracolo Valentino Rossi e Maverick Vinales.

Trattandosi della prima delle due gare sul tracciato austriaco, c'era stata una reazione immediata, con l'erezione di una barriera con recizione all'interno della curva 3. Inoltre, era stata aumentata l'ampiezza del letto di ghiaia, perché le immagini dell'incidente avevano reso evidente che la moto di Morbidelli non aveva rallentato a sufficienza sull'erba.

 

"E' omologata così anche per il 2021 e sarà così nel weekend del Gran Premio", ha confermato Andy Meklau a Motorsport.com. L'ex pilota oggi è il direttore di gara locale a Spielberg. "Tutto è stato implementato secondo i requisiti della FIM".

Dunque, la realizzazione di una chicane è fuori discussione per il momento. L'ex campione del mondo della 500cc Franco Uncini, che lavora per la FIM come responsabile per la sicurezza ed approva i circuiti, ha omologato il Red Bull Ring con queste modifiche per il 2021.

"Il Red Bull Ring e Projekt Spielberg stanno facendo tutto il possibile per garantire lo svolgimento di gare sicure", ha sottolineato Meklau. "Come responsabile, tutto quello che posso dire è che una gara deve essere condotta in modo sicuro per tutte le persone coinvolte, compresi i commissari".

Spielberg Fangaun

Der Fangzaun in Kurve 3, der im Vorjahr für das zweite Rennen aufgestellt wurde, bleibt

Foto: Motorsport Images

"La sicurezza è la priorità assoluta. Se le moto diventano ancora più veloci, possiamo discutere di nuovo di una chicane. Vedremo, dipende dalla FIM. E' loro responsabilità assicurarsi che la pista sia sicura ed approvata".

"I circuiti si adattano nel corso degli anni. Una pista è sempre in evoluzione. Negli ultimi dieci anni, ho seguito ciò che è stato implementato sulla nostra pista in termini di sicurezza. Il Red Bull Ring è un circuito vetrina".

"Che il motorsport sia pericoloso, lo sappiamo. Ecco perché ci sono sempre molte discussioni su come renderlo sempre più sicuro. Tutto è stato fatto da Projekt Spielberg e anche per il 2021 siamo pronti per il grande spettacolo di agosto".

Andy Meklau: "C'è sempre un rischio residuo"

Nell'apertura della stagione in Qatar, Johann Zarco ha fatto notizia con il nuovo record di velocità della MotoGP, spingendo la sua Ducati fino a 362,4 km/h. Il Red Bull Ring è una delle piste più veloci del calendario, non c'è quindi il rischio che gli spazi di fuga possano farsi troppo piccoli per i "missili" della MotoGP?

"E' un processo", ha detto Meklau. "La tecnologia è sempre in evoluzione. Ecco perché ci sono sempre discussioni, anche per quanto riguarda le chicane. Cio che è fattibile, sarà attuato. Certe piste hanno certamente anche difficoltà di costruzione, avendo a dispozione aree limitate".

Andy Meklau, August Auinger

Österreichs Motorradlegenden: Andy Meklau (li.) und Gustl Auinger (re.)

Foto: Red Bull/GEPA

Negli anni '90, Meklau era considerato una delle grandi stelle del motociclismo austriaco. Ha corso nel Mondiale Superbike per molti anni ed ha festeggiato una vittoria in casa al vecchio Österreichring nel 1993. Quello stesso anno, completò la sua unica stagione nella classe 500cc.

"Credo di aver fatto 311 km/h a Monza ai tempi della Ducati", ha detto, ricordando i suoi giorni in Superbike. "E' inimmaginabile la velocità massima che le moto raggiungono ora. Sono moto di Formula 1, è pura tecnologia".

Non solo le moto della MotoGP sono sempre più veloci sul rettilineo, ma le gare sono sempre più serrate. Nel GP di Doha, la seconda corsa disputata in Qatar, i primi 15 sono stati racchiusi nello spazio di nove secondi alla bandiera a scacchi. E' stato il finale più ravvicinato di sempre e anche questo aumenta le possibilità di pericolo.

"Questo è il motorsport, si può discutere molto, ma lo sanno tutti", ha detto Meklau. "Non si può mai rendere sicuro al 100%, ma questi piloti sono i migliori che ci sono, sanno esattamente quello che stanno facendo. Vivono per il loro sport giorno e notte".

"Ogni pilota ha rispetto. Che sia primo, decimo o quindicesimo, parliamo sempre dei migliori piloti. Sanno cosa stanno facendo. Se pensiamo a quello che è successo a Simoncelli, è qualcosa che può accadere e non si può prevenire. Ma è quando si uniscono tra loro molti fattori".

"Ti fa capire quanto possa essere pericoloso questo sport. Ma è anche uno sport molto bello. Credo che tutti sappiamo di cosa tratta. Si possono fare piste migliori ed aumentare la sicurezza, ma bisogna convivere con il fatto che c'è sempre un fattore di rischio".

condivisioni
commenti
Ducati al lavoro al Mugello con Michele Pirro

Articolo precedente

Ducati al lavoro al Mugello con Michele Pirro

Prossimo Articolo

Chi sono i piloti più alti e più pesanti della MotoGP?

Chi sono i piloti più alti e più pesanti della MotoGP?
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andreas Meklau
Autore Gerald Dirnbeck
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021