Red Bull Ring, Libere 2: sotto al diluvio brilla Marquez e stupisce Redding, ma anche le Ducati sono lì

condivisioni
commenti
Red Bull Ring, Libere 2: sotto al diluvio brilla Marquez e stupisce Redding, ma anche le Ducati sono lì
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
10 ago 2018, 13:20

Il leader del Mondiale prende le redini del gruppo con la sua Honda sul bagnato, precedendo il britannico dell'Aprilia. Seguono poi le GP18 di Petrucci, Lorenzo e Dovizioso, mentre Rossi è decimo a 2"3 e rischia la Q1.

Un vero e proprio acquazzone si è abbattuto sul Red Bull Ring proprio prima dell'inizio della seconda sessione di prove libere della MotoGP, ritardando l'accensione del semaforo verde e obbligando tutti quanti a ripiegare sulle gomme da bagnato.

Questa FP2 quindi rischia di non avere troppo valore in ottica gara, se come dicono le previsioni dovesse svolgersi con l'asciutto domenica, ma potrebbe avere dato delle indicazioni interessanti nel caso in cui la qualifica di domani dovesse andare in scena sotto alla pioggia. E anche questo è uno scenario molto probabile al momento.

Con la pista veramente molto bagnata, sono bastati appena 7 giri a Marc Marquez per mettere tutti in fila e spingere la sua Honda fino ad un crono di 1'33"995. Una prestazione che gli ha permesso di distanziare di ben 543 il diretto inseguitore, che a sorpresa è stato Scott Redding con l'Aprilia.

Sorpresa comunque fino ad un certo punto, perché se da una parte è vero che il britannico in questa stagione sta faticando tantissimo a trovare il feeling con la RS-GP, dall'altra è sempre stato un grande specialista del bagnato.

Anche in queste condizioni le Ducati hanno dato la sensazione di essere particolarmente a loro agio sul Red Bull Ring, perché le tre GP18 sono andate ad occupare le posizioni tra la terza e la quinta con nell'ordine Danilo Petrucci, Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso. Solo "Petrux" comunque paga meno di un secondo nei confronti di Marquez, mentre le due Desmosedici GP del Factory Racing sono più distanziate.

In sesta posizione troviamo un altro specialista del bagnato come Bradley Smith, che almeno in queste condizioni è riuscito a portare in alto il vessillo della KTM sulla sua pista di casa, precedendo la Suzuki di Alex Rins ed altri due "sottomarini" come Jack Miller e Cal Crutchlow.

Solo decima la prima delle Yamaha, quella di Valentino Rossi. Il "Dottore" è stato tra i piloti che sono rimasti in pista più a lungo e infatti con i suoi 14 giri è il più attivo insieme a Rins, Johann Zarco ed Hafizh Syahrin. Questo però non gli ha permesso di girare su tempi vicini a quelli dei migliori, visto che paga 2"3 su Marquez. Tra le altre cose, se dovesse piovere anche domani mattina, il pesarese si ritroverà in Q1, visto che stamattina aveva chiuso con l'11esimo tempo.

Subito alle spalle di Rossi c'è l'altra Suzuki di Andrea Ianonne, mentre Franco Morbidelli, che domenica dovrà arretrare di tre posizioni in griglia per aver ostacolato un rivale in FP1, è 13esimo con la sua Honda della Marc VDS, alle spalle anche un sorprendente Xavier Simeon.

Alla grande prestazione di Redding ne corrisponde invece una deludente di Aleix Espargaro, solo 16esimo ad oltre 3" con l'altra Aprilia. Attardatissimi, infine, Maverick Vinales e Dani Pedrosa, che però hanno preferito entrambi girare solamente il minimo indispensabile.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 7 1'33.995     165.685 289
2 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 13 1'34.538 0.543 0.543 164.733 277
3 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 8 1'34.981 0.986 0.443 163.965 291
4 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 6 1'35.488 1.493 0.507 163.094 281
5 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 9 1'35.514 1.519 0.026 163.050 294
6 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 8 1'35.970 1.975 0.456 162.275 286
7 42 Spain Alex Rins Suzuki 14 1'35.985 1.990 0.015 162.250 277
8 43 Australia Jack Miller Ducati 10 1'36.135 2.140 0.150 161.997 292
9 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 11 1'36.202 2.207 0.067 161.884 276
10 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 14 1'36.327 2.332 0.125 161.674 276
11 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 10 1'36.384 2.389 0.057 161.578 277
12 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 8 1'36.950 2.955 0.566 160.635 277
13 21 Italy Franco Morbidelli Honda 10 1'37.105 3.110 0.155 160.378 280
14 53 Spain Tito Rabat Ducati 10 1'37.296 3.301 0.191 160.064 271
15 5 France Johann Zarco Yamaha 14 1'37.361 3.366 0.065 159.957 272
16 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 5 1'37.552 3.557 0.191 159.644 276
17 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 9 1'37.772 3.777 0.220 159.284 278
18 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 13 1'37.876 3.881 0.104 159.115 271
19 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 14 1'38.072 4.077 0.196 158.797 276
20 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 8 1'38.174 4.179 0.102 158.632 272
21 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 11 1'38.892 4.897 0.718 157.480 282
22 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 12 1'39.349 5.354 0.457 156.756 274
23 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 4 1'39.911 5.916 0.562 155.874 273
Prossimo articolo MotoGP
Morbidelli penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza del GP d'Austria

Previous article

Morbidelli penalizzato di tre posizioni sulla griglia di partenza del GP d'Austria

Prossimo Articolo

Petrucci: "Siamo veloci su asciutto e bagnato grazie a cose provate nei test a Brno. Il problema? E' Marquez!"

Petrucci: "Siamo veloci su asciutto e bagnato grazie a cose provate nei test a Brno. Il problema? E' Marquez!"
Carica commenti