Rea si interroga sulle difficoltà attuali della MotoGP

Jonathan Rea ha dato uno sguardo approfondito alla classe regina e ha analizzato lo stato attuale della MotoGP (con i suoi difetti) e la sua nuova generazione.

Rea si interroga sulle difficoltà attuali della MotoGP
Carica lettore audio

Il 2022 è il primo anno in cui la MotoGP ha aperto le sue tribune senza alcuna restrizione in seguito all'arrivo della pandemia del COVID-19, ma alcuni eventi hanno visto un calo significativo delle presenze, in particolare l'iconico Gran Premio d'Italia al Mugello.

L'evento italiano ha registrato numeri preoccupanti durante la gara, che hanno messo in allarme tifosi e organizzatori. Questo ha alimentato la domanda più ricorrente nel paddock: è finita l'età dell'oro della MotoGP?

Il pilota della WSBK Jonathan Rea si è espresso sulla questione. In un'intervista rilasciata a Motorsport-Total.com, il nordirlandese ha dichiarato che la situazione "non è così drammatica come sembra", tuttavia identifica la perdita di pubblico con il ritiro di Valentino Rossi.

"Valentino è stato un grande cavallo di battaglia. Anche senza di lui, il colore giallo domina le tribune. È Mister MotoGP", ha detto Rea. "Sono un fan della vecchia generazione: l'era di Nicky Hayden, Casey Stoner, Dani Pedrosa, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi e Marc Marquez. Ma non possiamo dire che la nuova generazione sia più lenta o peggiore", ha detto il pilota Kawasaki.

"I piloti attuali sono molto veloci. L'era di Quartararo, Alex Rins, Joan Mir e Bagnaia lascerà la sua eredità", ha detto, lasciando intendere che una delle ragioni del calo di interesse potrebbe essere anche la mancanza di rivalità in pista.

"C'erano problemi e rivalità con Rossi, ma anche con Marquez, Schwantz, Lorenzo e Casey. Ora nella MotoGP sembra esserci molta pace e tranquillità tra i rivali. Ciò significa che ci sono meno drammi rispetto al passato".

Leggi anche:

A maggio, il team Suzuki Ecstar ha annunciato che avrebbe lasciato la MotoGP alla fine dell'anno. Ciò significa che a partire dalla stagione 2023 del MotoGP saranno solo cinque i costruttori a competere. Pertanto, il numero di prototipi giapponesi sulla griglia si riduce a sei. 

"Non credo che l'uscita di scena della Suzuki influirà sulle gare. Il fattore più importante è la fine della carriera di Valentino Rossi", ha insistito Rea.

Mentre nella SBK ci sono tre piloti sempre in testa, il quadro è diverso nella MotoGP. Con Enea Bastianini, Fabio Quartararo, Pecco Bagnaia, Aleix Espargaró e Miguel Oliveira, ci sono stati cinque vincitori diversi in undici gare.

Per questo motivo, non è raro che il vincitore di una gara non arrivi tra i primi sei nel Gran Premio successivo. "È pazzesco. Non riesco a spiegarlo", ha dichiarato Jonathan Rea.

"Ho la sensazione che il pilota non faccia la differenza e che la moto sia più importante. La finestra delle prestazioni è molto piccola. In alcune gare Quartararo è in testa con dieci secondi di vantaggio. Una gara dopo deve lottare duramente per il sesto posto".

"È lo stesso per KTM. Vincono e poi, improvvisamente, si ritrovano in fondo alla lista dei tempi. È difficile da spiegare. Non lo capisco nemmeno io", ha ammesso il sei volte campione del mondo Superbike, che da tifoso dice di amare ancora la competizione. 

condivisioni
commenti
Alex Marquez: "Honda si è persa ascoltando commenti diversi da quelli di Marc"
Articolo precedente

Alex Marquez: "Honda si è persa ascoltando commenti diversi da quelli di Marc"

Prossimo Articolo

MotoGP | Taramasso: "Una sorpresa veder vincere l'anteriore soft"

MotoGP | Taramasso: "Una sorpresa veder vincere l'anteriore soft"