Quartararo: "Yamaha altalenante. Così il titolo non me lo gioco"

Il leader del Mondiale di MotoGP ora ha appena 3 punti di vantaggio su Dovizioso e le M1 hanno guai a motore e freni. Ecco perché Fabio teme di non poter lottare per il Mondiale 2020.

Quartararo: "Yamaha altalenante. Così il titolo non me lo gioco"

In meno di un mese le prospettive di Fabio Quartararo sono completamente cambiate. Dopo aver dominato le prime due uscite del Mondiale 2020 di MotoGP a Jerez, ora il leader del Mondiale è in crisi dopo esser stato costretto a correre in difesa le tre gare disputate a Brno e al Red Bull Ring.

Al Gran Premio di Stiria Quartararo ha avuto un momento difficile, condizionato dalle debolezze della Yamaha. Come se la mancanza di cavalli nel motore della Yamaha non fosse già un handicap sufficiente, ora si scopre che i freni potrebbero dare problemi. Questa è una circostanza decisiva sulla guida e la fiducia del pilota e che, in un certo senso, spiega il 13esimo posto ottenuto ieri.

Nelle ultime 2 gare il francese ha visto Andrea Dovizioso recuperare 25 punti nella classifica mondiale e ora il forlivese della Ducati è appena a 3 punti dalla vetta. Andrea ha vinto a Spielberg una settimana fa, ma ieri non è stato all'altezza delle aspettative arrivando appena quinto.

"In queste gare sono usciti tutti i limiti della Yamaha, la moto ha mostrato problemi in aree inattese. oltre ai freni, abbiamo altri problemi seri da risolvere. Il primo è la mancanza di velocità massima".

Anche i freni lo hanno preoccupato non poco. Vinales è rimasto senza nel corso della gara e Fabio ha faticato per tutto il fine settimana, come ha ammesso lui stesso a fine giornata: "Nel warm up ho finito i freni un'altra volta. Quando questo accade ha un impatto molto grande sulla tua fiducia, perché ha la sensazione che qualunque momento sia buono per finire i freni. E' molto pericoloso e ti condiziona molto. Al momento siamo troppo irregolari, quindi è impossibile lottare per il Mondiale".

il prossimo evento si terrà a Misano nel fine settimana del 13 settembre. La pista, almeno sulla carta, dovrebbe essere molto favorevole alle Yamaha. Poi, per completare il quadro, sulla pista romagnola Michelin riporterà il pneumatico posteriore "convenzionale", che ben si adatta alle moto della Casa di Iwata.

"Misano sarà una pista migliore per noi, ma la Yamaha dovrà lavorare per risolvere i problemi della moto. Spero che con la carcassa normale che sarà utilizzata su quella pista potremo tornare nuovamente competitivi", ha concluso Quartararo.

condivisioni
commenti
Petrucci: "Non vedo l'ora di andare in KTM e provare la moto"

Articolo precedente

Petrucci: "Non vedo l'ora di andare in KTM e provare la moto"

Prossimo Articolo

Report MotoGP: Il Mondiale che non vuole vincere nessuno

Report MotoGP: Il Mondiale che non vuole vincere nessuno
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.