Quartararo: "Spero che Yamaha voglia ascoltare la mia opinione"

Fabio Quartararo spera che Yamaha tenga in considerazione i suoi suggerimenti per sviluppare la moto del 2021, ora che arriva al team factory. Nonostante la sua poca esperienza, il francese pensa di sapere esattamente cosa dire per dare il suo contributo a migliorare.

Quartararo: "Spero che Yamaha voglia ascoltare la mia opinione"

La rapida ascesa di Fabio Quartararo prosegue nel 2021. Arrivato in MotoGP nel 2019 nel team Petronas, il francese si è mostrato competitivo da subito, salendo sul podio alla sua quarta gara dopo una prima pole position ed un terzo posto al settimo appuntamento del mondiale, a Barcellona. Yamaha ha da subito dato fiducia al giovane pilota di Nizza, affidandogli una delle moto ufficiali per il prossimo anno. A gennaio infatti è stato dato l'annuncio che Quartararo avrebbe corso nel team factory nel 2021. 

El Diablo ha continuato a progredire nel 2020, con tre successi che gli hanno permesso di essere al comando della classifica generale per molto tempo. Tuttavia, la fine della stagione è stata più complicata, a causa di una serie di risultati negativi che lo hanno fatto precipitare in ottava posizione. Mentre cerca il feeling su una Yamaha difficile da gestire in questo 2020, Quartararo mostra la sua intenzione di assumere il ruolo di leader al suo arrivo nel team factory, per diventare uno dei principali artefici dello sviluppo. 

Pertanto, quando gli è stato chiesto se vuole che Valentino Rossi, con cui si sono scambiati la moto, continui a partecipare al lavoro di sviluppo della M1, il pilota d'oltralpe ha risposto che vuole principalmente far sentire la propria voce. "Penso che meno persone ci siano e meglio è. Credo che quando ci siano troppe persone sullo sviluppo di una moto, ci genera confusione". 

"Darò la mia opinione a Yamaha - prosegue - spero che la ascoltino. Farò tutto il possibile per aiutare a portare la moto in alto, quindi bisogna che Yamaha comprenda che il mio obiettivo principale è di arrivare al top ma anche di poter guidare la moto. Dunque, credo che ci sia bisogno di fare un inverno molto buono, sia da parte mia sia per quanto riguarda il test-team. Questo sarà molto importante perché non si può modificare il motore e si dovrà quindi lavorare su tutte le altre aree". 

Quartararo pensa che Yamaha dovrà tenere in considerazione da subito le sue lamentele, dato che la M1 ha avuto poca costanza nel 2020: "Mi preoccupa, perché lo scorso anno abbiamo fatto 19 gare su 19 piste diverse e la moto andava bene ovunque. Quest'anno, abbiamo fatto 14 gare su sette circuiti differenti, ma la moto è andata bene su tre o quattro, mentre per il resto era un disastro. Ho qualcosa in mente per il prossimo anno, spero che Yamaha mi ascolti, ma sicuramente sono preoccupato perché sono molte gare che non mi diverto completamente". 

Le due parti dovranno darsi fiducia

Fabio Quartararo si augura di contare sulla fiducia reciproca tra lui e Yamaha, con la speranza che le sue richieste saranno ascoltato nonostante la poca esperienza rispetto a quella del futuro compagno di squadra Maverick Vinales, che invece corre in MotoGP dal 2015. El Diablo ha fiducia del fatto che il team possa migliorare la situazione, grazie alle prestazioni mostrate nel 2019 e alle informazioni portate dai piloti quell'anno. 

"Non ho molta esperienza in MotoGP, ma penso di sapere chiaramente cosa dire a Yamaha riguardo gli aspetti da migliorare. Credo che bisognerà anche credere in loro. Va bene dire che la moto non è così buona, che devono lavorare, ma bisogna anche credere nel fatto che abbiano fatto delle moto fantastiche in passato. Per me, la scorsa stagione è il migliore esempio, perché è stata la prima. Penso che dobbiamo dare fiducia al team, fornire le nostre idee ed è importante credere al progetto. Quindi credo che sia un vantaggio essere nel team ufficiale. Non vedo l'ora di stare con loro e riunirmi per esprimere le mie idee". 

Nell'ultima parte di campionato, Fabio Quartararo ha avuto l'idea di ispirarsi alle prestazioni più consistenti della versione 2019 della Yamaha, con la quale il suo compagno di squadra Franco Morbidelli ha avuto un finale di stagione decisamente migliore del suo, con due vittorie in tre gare. I piloti del team factory si sono mostrati più misurati. Maverick Vinales ha sottolineato la trazione fantastica della moto del 2019, affermando però che non fosse sufficiente a contrastare Marc Marquez, mentre Valentino Rossi ha ricordato che Yamaha aveva problemi già l'anno scorso. A fine anno, anche Vinales era arrivato alla conclusione che Yamaha fosse in una fase discendente dal 2016 e che nessuno trovasse la soluzione ai problemi riscontrati, cosa che Quartararo contesta. 

"Ovviamente ci sono delle soluzioni - risponde El Diablo - La moto dell'anno scorso andava veramente bene. Non ho guidato quella del 2016, ma dicevano che andasse forte. Quindi le soluzioni ci sono, bisogna solo capire come progredire nelle aree dove siamo più in difficoltà. Quando si guardano i dati di Franco, è evidente che ci manca qualcosa in curva e con il grip al posteriore. Bisogna lavorare su questo e fare delle analisi. Penso che Yamaha sia molto motivata perché vede che la moto del 2020 era un disastro per tutti nelle ultime gare". 

"Non abbiamo bisogno di dire continuamente che la moto non funziona - conclude il pilota francese - Lo vedono e ci lavorano duramente. Troveranno qualcosa e spero che potrà già debuttare nei test, compreso Cal Crutchlow. Spero che siano motivati e pronti ad identificare il problema". 

condivisioni
commenti
Poncharal: “Spero che Petrucci stia meglio in KTM che in Rosso”
Articolo precedente

Poncharal: “Spero che Petrucci stia meglio in KTM che in Rosso”

Prossimo Articolo

Zarco: "Con Pramac posso lottare per le vittorie"

Zarco: "Con Pramac posso lottare per le vittorie"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021