Quartararo: “Sarà una gara come le altre, non penso al titolo”

Fabio Quartararo può vincere il mondiale già domenica a Misano, presentandosi con 52 punti di vantaggio su Pecco Bagnaia. Tuttavia non si concentra su questo aspetto ma punta a lavorare già dal venerdì per poter arrivare pronto alla gara, a cui approccerà con cautela ma senza concentrarsi troppo sul campionato.

Quartararo: “Sarà una gara come le altre, non penso al titolo”
Carica lettore audio

Il mese scorso Misano è stato teatro del capolavoro di Pecco Bagnaia, ma a distanza di un mese la MotoGP torna sulla pista dedicata a Marco Simoncelli con delle condizioni diverse: Fabio Quartararo arriva al Gran Premio dell’Emilia Romagna con il primo match point e potrebbe laurearsi campione del mondo già domenica. Il leader del mondiale arriva all’ultima tappa in Italia di questa stagione con 52 punti di vantaggio su Bagnaia, vincitore della scorsa gara a Misano.

Nonostante la grande occasione che gli si presenta, il pilota Yamaha non si concentra troppo sul mondiale: “Io mi sento molto bene, devo dire che sinceramente non mi sto concentrando sul campionato e sulla possibilità di diventare campione qui, anche perché sappiamo che la domenica può succedere di tutto. Al momento però mi voglio pianificare tutto come se fosse l’inizio della stagione, almeno per venerdì e sabato. Poi domenica vedremo quanti rischi potremo prenderci”.

Leggi anche:

A proposito di rischi, se pensiamo a Misano viene subito in mente il duello con Pecco Bagnaia, poi vinto da quest’ultimo che ha trovato la sua seconda affermazione mondiale. In quell’occasione Quartararo si era piegato al pilota Ducati e sulla stessa pista potrebbe ripresentarsi l’occasione di lottare. Tuttavia, la situazione in campionato del francese è diversa e ha già dichiarato di voler usare più l’intelligenza: “Non so se prenderemo dei rischi, vedremo. Così è come mi piace gareggiare, non mi ero trovato in questa situazione prima. L’anno scorso ho imparato non tanto a lottare per un campionato, ma essere stato leader per un po’ di gare è stato importante per farmi le ossa. Quindi quest’anno è un po’ più semplice, ma staremo a vedere. È una gara come le altre e poi vedremo se mi potrò prendere dei rischi domenica”.

Mancano ormai tre gare alla fine di questa stagione e a Misano Quartararo può chiudere i giochi. Però è inevitabile gettare uno sguardo a quello che sarà il 2022, con un calendario molto denso che comprende 21 appuntamenti. Si tornerà fuori dall’Europa in maniera costante e pian piano sembra che si stia tornando alla normalità, dopo gli stravolgimenti delle ultime due stagioni. Tuttavia, il leader del mondiale e molti altri piloti ritengono che 21 sia il numero massimo di gare da disputare, per evitare di rendere la stagione sfiancante.

“Penso che sarà fantastico – afferma Quartararo in riferimento al calendario del 2022 – A me piace girare e andare in posti diversi, è un po’ strano tornare sulla stessa pista, ma sappiamo che con questa situazione era difficile uscire dall’Europa e avere più varietà nel calendario. Ma questo è un passo per tornare alla normalità e voglio provare i nuovi circuiti, come l’Indonesia. Spero anche che questo calendario non cambierà più. Ma penso che non si debba andare oltre le 22 gare, inizia ad essere davvero troppo. Bisogna considerare che dobbiamo spostarci e così diventa davvero lunga”.

Leggi anche:

I piloti della MotoGP, si sa, sono chiamati a dare il buon esempio ai ragazzi più giovani e si arriva a Misano reduci dalla durissima penalità inflitta a Deniz Oncu per l’incidente provocato ad Austin tre settimane fa. In tema di sanzioni e sicurezza, ci si sta battendo molto per evitare le tragedie e la squalifica inflitta al pilota turco rappresenta per Quartararo un modo giusto per iniziare ad educare i più giovani.

“Quest’anno è stato difficile per il motociclismo – ricorda il pilota transalpino – abbiamo perso tre ragazzi nelle categorie più leggere. L’ultimo incidente è stato terribile, niente è stato fatto apposta, lo abbiamo detto sin dall’inizio. Ma adesso c’è proprio bisogno di cambiare totalmente. È un peccato per Oncu, che è il primo pilota ad aver ricevuto questa grande penalità, ma credo che queste sanzioni siano necessarie per fare in modo che queste cose non succedano più. Non è stato bello vedere l’incidente, ma la cosa più importante è che nessuno si fosse fatto male”.

condivisioni
commenti
Pirro: “Sono contento della GP22, in Ducati siamo agguerriti”
Articolo precedente

Pirro: “Sono contento della GP22, in Ducati siamo agguerriti”

Prossimo Articolo

Bagnaia: “A Misano darò tutto per tenere aperto il mondiale”

Bagnaia: “A Misano darò tutto per tenere aperto il mondiale”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021