Quartararo e la tuta aperta: "Penalità inaccettabile"

Fabio Quartararo ha concluso il Gran Premio di Catalogna con la tuta aperta, tagliando il traguardo a petto nudo e senza paracostole. Il pilota Yamaha è passato sotto la bandiera a scacchi in terza posizione, ma la Direzione Gara gli ha inflitto 3 secondi di penalità per un taglio della pista e perde il podio, una penalità inaccettabile secondo il francese.

Quartararo e la tuta aperta: "Penalità inaccettabile"

Sembrava l’uomo da battere a Barcellona, eppure Fabio Quartararo lascia la Catalogna con l’amaro in bocca, dopo una gara andata non secondo le aspettative. Il pilota Yamaha scattava dalla pole position, ma si è dovuto piegare a un Miguel Oliveira stratosferico, che si è imposto conquistando il primo successo stagionale.

Negli ultimi giri inoltre è avvenuto l’inimmaginabile: la tuta di Fabio Quartararo si è aperta, lasciando il pilota a petto nudo. Il francese inoltre ha perso anche il paracostole, finendo di fatto la gara senza alcune protezione: “Non so cosa sia successo, so solo che mi si è aperta completamente la tuta alla prima curva quando mancavano cinque giri al termine. Ho provato a rimetterla nella giusta posizione, ma non ci sono riuscito. È stato difficile guidare, ma sfortunatamente sono cose che succedono. Oggi è accaduto, quindi credo che Alpinestars cercherà di capire come sia stato possibile, perché alla fine della gara sono riuscito a chiuderla di nuovo. Ma va così, oggi non era la nostra giornata, ma posso essere contento della quarta posizione. Beh, terza, ma quarta”.

 

Già, quarta posizione. Perché, come se non bastasse, la Direzione Gara ha deciso di infliggere una penalità a Quartararo per aver tagliato la pista nel duello con Johann Zarco. Il pilota della Yamaha è andato largo nel momento in cui ha subìto il sorpasso del connazionale, rientrando ma incappando in una penalità di 3 secondi sul tempo finale, che di fatto lo scalza via dal podio relegandolo in quarta posizione.

Quella odierna però è una penalità che non accetta: “Ho perso sette decimi. Sembra che ora dobbiamo fare i calcoli e perdere un secondo. alla fine questo è un regolamento per tutti, ma inizia a essere troppo. Non è che ho guadagnato sette decimi, li ho persi. Stavo quasi per cadere. Non voglio parlare troppo né mettermi nei casini. Non sono andato in Direzione Gara, ho commesso un errore in passato andandoci direttamente, ma stavolta l’ho presa con tranquillità”.

Oltre alla penalità già inflitta, c’è chi invoca anche la squalifica per aver concluso la gara con la tuta aperta e senza paracostole. Quartararo replica: “Penso di aver già ricevuto la mia penalità. Aver perso il podio passando da terzo a quarto è una penalità grave, non sono d’accordo e non la accetto. Credo sia abbastanza. Non penso alla bandiera nera. Si sono resi conto tardi, la gara è finita. La sicurezza...beh, abbiamo concluso la gara e tutto era sicuro. Quindi credo che al momento non serva parlare ulteriormente di altre cose possibili, perché la gara è terminata”.

Quartararo conclude dando uno sguardo alla gara, in cui sembrava nettamente favorito, ma ha chiuso alle spalle di quelli che ora sono i suoi diretti rivali in classifica, Zarco e Miller, a loro volta piegati da Oliveira: “Stavo risparmiando le gomme, ma onestamente Miguel era fortissimo e io con la gomma dura non avevo lo stesso feeling di questa mattina o del weekend in generale. Credo che tutte le Yamaha avessero problemi, perché per me Franco era uno dei contendenti alla vittoria ma ha chiuso lontano. Sembra che anche Maverick non fosse a suo agio. Quindi è un feeling strane, ma con tutte le cose che ci sono successe oggi un quarto posto va bene”.

condivisioni
commenti
Oliveira: “Sapevo che distrubare Fabio era la chiave"
Articolo precedente

Oliveira: “Sapevo che distrubare Fabio era la chiave"

Prossimo Articolo

Rossi: "Non avevo grip al posteriore"

Rossi: "Non avevo grip al posteriore"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021