Quartararo: "Non oso immaginare cosa farà Jorge al prossimo GP"

Il leader del campionato è rimasto impressionato dal giro che ha consentito a Jorge Martin di ottenere la pole, e per la gara punta al podio se il meteo dovesse rimanere clemente.

Quartararo: "Non oso immaginare cosa farà Jorge al prossimo GP"

Sulla carta il Red Bull Ring doveva essere un tracciato ostico per la Yamaha, ma Fabio Quartararo oggi è riuscito a compiere una piccola impresa mettendo la sua M1 in prima fila con il terzo crono alle spalle di un Jorge Martin super e di Pecco Bagnaia.

Il pilota francese ha regalato grandi emozioni in Q2 spingendo al limite la sua Yamaha per poi stupire tutti quando, a pochi minuti dal termine, è riuscito a mettere il proprio autografo in cima alla lista dei tempi.

L’entusiasmo per un risultato inatteso è durato poco. Jorge Martin prima, e Bagnaia poi, hanno fatto scivolare Quartararo in terza piazza complice anche una piccola sbavatura di Fabio nell’ultimo tentativo quando è andato leggermente oltre i limiti del tracciato in Curva 9 e si è visto così cancellare il suo miglior crono.

1’23’’075 è un tempo che comunque fa capire quanto Quartararo abbia spinto, specie se si considera il gap di soli 81 millesimi da Martin. Proprio del pilota del team Pramac ha voluto parlare il leader del campionato che non ha nascosto il proprio stupore nel vedere un rookie ottenere una pole del genere.

“Jorge è sempre stato forte in qualifica sia in Moto3 che in Moto2. Se alla prima uscita in MotoGP in Austria ha fatto subito la pole, voglio sapere cosa farà nella prossima gara su questo tracciato!”.

Quartararo si troverà in griglia braccato dalle Ducati. Davanti a lui, infatti, scatteranno Martin e Bagnaia, mentre alle sue spalle, dalla quarta e sesta casella, prenderanno il via Miller e Zarco. Fabio ha affermato di non essere rimasto sorpreso dalla supremazia delle moto italiane che al Red Bull Ring riescono sempre ad esprimersi al meglio.

“Sul rettilineo le Ducati vanno veramente veloce. Quando le hai davanti fanno paura. Mi aspettavo un risultato simile a quello di oggi”.

C’è delusione per aver visto il proprio miglior crono, ottenuto all’ultimo giro, cancellato? Quartararo ha negato ogni rimpianto.

“Sono soddisfatto. Ho dato il massimo. Anche se nel mio ultimo giro sono andato sul verde non ho guadagnato tempo. Ho spinto al limite, ma la cosa più importante è stata conquistare la prima fila”.

Il potenziale visto oggi in qualifica potrebbe far pensare che anche domani in gara Quartararo e la Yamaha possano essere della partita. Il francese, però, ha voluto sottolineare come tutto dipenderà dal meteo e se dovesse piovere i valori in campo potrebbero ribaltarsi.

“Sull’asciutto siamo messi bene, abbiamo un buon passo. Il problema arriverà se dovesse piovere. Dobbiamo lavorare e capire, qualora arrivasse la pioggia nel warm up, se riusciremo a trovare qualcosa”.

 “Bisognerà capire che condizioni ci saranno. Se sarà asciutto posso puntare al podio, ma se dovesse piovere non posso fare previsioni”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Sul bagnato possiamo fare meglio di Fabio"

Articolo precedente

Bagnaia: "Sul bagnato possiamo fare meglio di Fabio"

Prossimo Articolo

Petrucci: "A piedi? Lo sapevo. KTM non rispondeva al telefono"

Petrucci: "A piedi? Lo sapevo. KTM non rispondeva al telefono"
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.