Quartararo non fa calcoli: "Ad Austin per vincere"

Nonostante il rassicurante vantaggio di 48 punti a quattro gare dal termine, il pilota della Yamaha ha messo in chiaro di non voler pensare al campionato e che andrà in Texas per provare a vincere. Il suo compagno Franco Morbidelli invece lavorerà per cercare di ritrovare gli automatismi dopo il lungo stop per infortunio.

Quartararo non fa calcoli: "Ad Austin per vincere"

Mancano quattro appuntamenti al termine della stagione 2021 della MotoGP e quello di Austin avrebbe già potuto essere un primo match point per Fabio Quartararo, se solo il pilota del Yamaha Factory Racing non si fosse visto recuperare 5 punti da Francesco Bagnaia a Misano.

I due ora sono separati da 48 punti e questo vuol dire che "El Diablo", anche di fronte ad uno zero del rivale della Ducati, non potrebbe arrivare a toccare il fatidico +75 che vorrebbe dire titolo iridato con tre gare d'anticipo. Forse è anche per questo che, alla vigilia della tappa texana, il pilota francese ha ribadito di non voler cambiare minimamente il suo approccio, senza pensare al campionato, ma con l'obiettivo di provare a vincere se possibile.

"Iniziamo il weekend di Austin con un vantaggio di 48 punti. Dopo questa, ci saranno altre tre gare, quindi la mia mentalità rimane la stessa di Misano. Originariamente, il mio obiettivo era quello di non pensare al campionato fino al GP di San Marino, ma ho deciso di continuare così. Penso che sia la cosa giusta per me: vivere il momento e lottare per la vittoria se posso", ha detto Quartararo.

"A Misano ho quasi fatto venire un infarto a mia madre e sicuramente mio padre si è divertito molto. E' già dall'inizio dell'anno che il mio ragionamento è questo: non importa se io stia lottando per il campionato o meno, io voglio vincere. Ho corso così a Misano, e voglio che rimanga così", ha aggiunto.

Leggi anche:

Un passo alla volta per Morbidelli

Franco Morbidelli, Yamaha Factory Racing

Franco Morbidelli, Yamaha Factory Racing

Photo by: Yamaha MotoGP

Il suo compagno di squadra Franco Morbidelli invece arriva in Texas con obiettivi decisamente differenti. Sicuramente, quello di Misano non è stato il debutto che avrebbe sognato come pilota ufficiale della Casa di Iwata, visto che non è riuscito neppure a conquistare qualche punticino, ma senza ombra di dubbio c'erano parecchi fattori da tenere in considerazione.

Per prima cosa, per lui si trattava del rientro dopo una lunga assenza dovuta all'operazione al ginocchio sinistro, dalla quale non ha ancora recuperato al 100%. Poi per lui era anche l'esordio assoluto in sella alla M1 2021, visto che fino all'infortunio aveva corso con una vecchia "Spec-B" del 2019, e il tutto con una squadra completamente inedita per lui. Ecco quindi che per lui la trasferta in Texas servirà soprattutto a fare un passo avanti nel processo di adattamento alla nuova realtà.

"Mi piace correre ad Austin. E' una pista tosta, difficile, ma mi piace molto. Nel 2019, l'ultima volta che ci abbiamo corso con la MotoGP, ho fatto un buon risultato. Spero di essere lì, migliorare il feeling con la moto e migliorare le mie prestazioni in generale", ha detto Morbidelli.

"Abbiamo fatto un buon passo avanti durante il test di Misano. Ho avuto sicuramente più feeling nell'ultimo giro del secondo giorno rispetto a quello con cui avevo cominciato il primo. Questo è già positivo. Ci stiamo dando da fare e stiamo cercando di migliorare il più velocemente possibile", ha concluso il pilota italiano.

condivisioni
commenti
Marquez sarà ancora l'uomo da battere nella sua Austin?

Articolo precedente

Marquez sarà ancora l'uomo da battere nella sua Austin?

Prossimo Articolo

MotoGP, ad Austin c'è la staccata record: oltre 300 metri!

MotoGP, ad Austin c'è la staccata record: oltre 300 metri!
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021