Quartararo: “Non devo pensare a ciò che si aspettano da me”

Fabio Quartararo vorrebbe togliersi di dosso le aspettative che pesano su di lui come promessa francese, e rimanere concentrato sul suo sogno: “Sono solo un ragazzo che vuole vincere un titolo MotoGP”.

Quartararo: “Non devo pensare a ciò che si aspettano da me”

Primo francese ad aver vinto una gara di MotoGP da quando è nata la categoria nel 2002 e primo transalpino a salire sul gradino più alto del podio della classe regina dei prototipi dopo 20 anni di digiuno: Fabio Quartararo sa che i propri connazionali attendono l’ultima consacrazione con un titolo che sarebbe assolutamante inedito. Tuttavia, il giovane pilota di Nizza ammette di volersi togliere di dosso la pressione che la nazione ha messo sulle sue spalle e concentrarsi solamente sulla sua prestazione.

“Penso che devo solo fare il mio lavoro, fare del mio meglio. Devo dimenticare un po’ il passato, come il fatto che sono francese: voglio solo essere il pilota che vince il campionato – spiega – Al momento sono completamente concentrato su questo, sto lavorando per realizzare quello che per me è un sogno. Sarebbe molto importante per la Francia vincere un titolo, ma al momento sono solo un ragazzo che vuole vincere un titolo in MotoGP”.

Dopo aver suscitato molto entusiasmo nel 2019, suo anno d’esordio, Quartararo ha inaugurato la stagione 2020 vincendo le prime due gare e rifacendosi della vittoria gli era sfuggita più volte l’anno precedente. In questo modo ha raccolto il testimone di Regis Laconi, ultimo francese a vincere.

Leggi anche:

“Il 2019 è stato un anno in cui non ho avuto alcuna pressione, ma ogni volta che ho fatto un podio hanno detto 'Il prossimo francese a vincere una gara, sono passati 20 anni’. Dopo un po', sono francese ma voglio pensare anche per me stesso. Voglio rappresentare la Francia, ma voglio anche evitare di pensare alla pressione extra, cioè evitare di ricordarmi questa cosa ogni volta”.

“Credo di essere riuscito a togliermelo un po’ dalla testa. Io mi considero una persona neutrale. Voglio vincere il campionato e, naturalmente, sarebbe straordinario essere il primo francese a vincere un titolo in MotoGP, ma al momento sono concentrato su me stesso e non sul pensare che potrei essere l'unico francese ad essere campione del mondo MotoGP”.

Quest’anno Fabio Quartararo debutta come pilota ufficiale Yamaha ed è stato presentato ufficialmente nel team factory di Iwata questa mattina. El Diablo non ha nascosto la propria emozione per questo grande momento della sua giovane carriera: “È sempre incredibile, difficile da credere, perché ricordo di aver visto correre Valentino Rossi quando avevo sei o sette anni, e ora essere un pilota ufficiale Yamaha è davvero speciale. Sono davvero felice!”.

Questa promozione può in molti casi essere accompagnata da una pressione ulteriore, legata ad aspettative logicamente più alte. Ma il pilota francese vuole anche evitare di aggiungere pesi sulla sua mente. Ha infatti ammesso di essersi un po’ perso per strada quando ha visto che i problemi tecnici hanno interrotto la sua lotta per il titolo nel 2020.

“L'anno scorso abbiamo avuto qualche problema, mi mancava un po’ di esperienza, era solo il mio secondo anno e ho imparato molto – ricorda – Non ho mai combattuto per il campionato prima, tranne che nel CEV, ma la differenza è enorme. In Moto3 e Moto2 ero abbastanza lontano dalla lotta per il mondiale e l'anno scorso è stata la prima volta che sono stato in testa in un campionato del mondo”. 

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

“Mi sentivo benissimo, anche a Barcellona: ho fatto due gare strane a Misano, poi sono tornato a Barcellona e ho vinto. Così non ho sentito tanta pressione, ma la moto ha funzionato bene. Poi il potenziale della moto è sceso e ho visto che stavo perdendo il campionato. Volevo spingere ancora di più, ma a volte quando si spinge di più, si va giù ancora più forte”.

“In questo momento non sono frustrato perché penso di aver imparato molto. Naturalmente, l'anno scorso ero arrabbiato con me stesso perché ho perso la grande opportunità di vincere il campionato, ma ora quando guardo indietro penso, 'OK, ho perso un'opportunità, ma questo è qualcosa che mi dà un sacco di esperienza per quest'anno e per il futuro”.

Leggi anche:

“L'anno scorso facevo fatica ad accettare di fare settimo oppure ottavo, ma per il campionato è quello che serve. Se non puoi fare meglio, allora accumula punti! Alla fine, questo è ciò che mi ha fatto perdere molte posizioni in campionato. Penso che si impari ancora di più nei momenti difficili. È stato un po' un peccato, ma sono molto felice di aver fatto questa esperienza per quest'anno".

Fabio Quartararo non ha difficoltà a dire quali sono le sue aspettative per questa stagione: “Il mio obiettivo personale è abbastanza chiaro: voglio lottare per il campionato”.

condivisioni
commenti
 Viñales: “Non sono Rossi, ma so che ruolo e peso ho in Yamaha”
Articolo precedente

Viñales: “Non sono Rossi, ma so che ruolo e peso ho in Yamaha”

Prossimo Articolo

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021