Quartararo: “La media resta la gomma giusta per la gara”

Fabio Quartararo ha avuto un venerdì di alti e bassi ad Aragon, dove è passato dal 17esimo crono del primo turno al quarto tempo del pomeriggio. Il pilota Yamaha conferma la mescola più adatta alla gara, nonostante i problemi accusati la scorsa settimana e spiegati da Michelin.

Quartararo: “La media resta la gomma giusta per la gara”

Il venerdì del Gran Premio di Teruel non è stato esplosivo per Fabio Quartararo, che è rimasto attardato soprattutto nella prima sessione di prove libere, dove non è andato oltre il 17esimo tempo. Nel secondo turno, il pilota del team Yamaha Petronas si è ripreso, chiudendo in quarta posizione grazie ad un buon giro secco.

Al termine della prima giornata di questo secondo fine settimana sul tracciato di MotorLand Aragon, il francese spiega per quale motivo si è trovato a chiudere il turno mattutino così indietro rispetto ai suoi rivali: “La giornata è stata difficile, ma alla fine è stata buona perché nelle FP1 abbiamo provato tantissime cose che non hanno funzionato ed ero completamente perso. Oggi abbiamo provato molte cose, alcune positive, altre meno. Ma nelle FP2 abbiamo montato due medie nuove, il passo non è stato malissimo, perché il mio tempo era di 42”9 al 15esimo giro”.

“In generale sono contento del mio secondo run nelle FP2 – prosegue Quartararo – Per noi è piuttosto buono, perché la scorsa settimana il crollo della gomma è stato importante dopo dieci o 12 giri, invece oggi dopo 15 giri era ancora in buone condizioni. Dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione, però bisogna concentrarsi sul passo, perché sul giro secco siamo veloci. Comunque sono contento delle FP2 nel complesso”.

Leggi anche:

Proprio la questione gomme è stata al centro dell’attenzione in questi giorni, avendo condizionato la gara del portacolori Petronas. Taramasso ha poi spiegato a Motorsport.com le cause del risultato negativo e Quartararo afferma: “La media era la corretta da usare in gara e posso confermarlo anche oggi, è meglio della morbida. La gomma che avevamo scelto era giusta. Solo che non avevamo molta esperienza, non avevamo identificato degli elementi molto chiari, ma credevamo fosse una cosa legata al mio stile di guida. Franco Morbidelli ed io abbiamo un protocollo che ci obbliga a partire con una pressione minima, quindi siamo partiti entrambi con la stessa pressione. Quella di Franco però è rimasta in buone condizioni, la mia è diventata ingestibile”.

Ad ogni modo, il pilota d’oltralpe è proiettato verso un nuovo weekend, dove afferma di non avere nulla da perdere in ottica mondiale: “Non ho niente da perdere, sono solo al mio secondo anno in MotoGP. Se mi avessero detto che sarei stato secondo in classifica a quattro gare dal termine alla mia seconda stagione, non ci avrei creduto. Farò del mio meglio e se avremo il potenziale per essere lì, lotteremo. Lo abbiamo e non ci arrenderemo. Per noi questa è una pista difficile, ma sappiamo che a Portimao e Valencia saremo forti”.

I principali rivali in questo momento sono i piloti Suzuki, con Joan Mir al comando della classifica generale. Quartararo ha approfittato delle sessioni di prove libere per seguirli e carpire qualche informazione che gli potesse essere utile ai fini della gara: “Per me è stato buono seguire i piloti Suzuki, perché è chiaro dove perdiamo tempo, abbiamo visto che siamo molto simili su quasi tutta la pista, ma ci sono due o tre punti in cui perdiamo rispetto a loro. Questo aspetto è da migliorare per quanto riguarda il passo gara ed è molto importante”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco

Articolo precedente

MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Q2 possibile, ma sul passo siamo lontani"

Dovizioso: "Q2 possibile, ma sul passo siamo lontani"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021