Quartararo ha sorpreso Yamaha con la sua maturità

Massimo Meregalli, team manager del team ufficiale Yamaha MotoGP, è stato sorpreso dal modo in cui lavora Fabio Quartararo.

Quartararo ha sorpreso Yamaha con la sua maturità
L'arrivo di Fabio Quartararo nel team factory Yamaha quest'anno gli ha permesso di fare un passo avanti. Il francese ha dominato la prima parte della stagione, vincendo quattro delle prime nove gare ed è il chiaro leader del campionato. Queste prestazioni hanno naturalmente lasciato soddisfatto il suo capo squadra Massimo Meregalli.
"Penso che se Fabio non avesse avuto il problema a Jerez avrebbe potuto vincere cinque gare e non quattro", ha detto il team manager del Monster Yamaha al sito ufficiale della MotoGP. "Quattro vittorie e due terzi posti sono molto buoni. Penso che abbia sofferto un po' nel primo Gran Premio, forse ha sentito un po' di pressione, ma dal secondo ha iniziato a vincere. Penso che abbia dimostrato di non averne più quando ha vinto in Qatar".
“Ha vinto in Portogallo, ha quasi vinto a Jerez, dove ha avuto il problema della sindrome compartimentale al braccio. Ha vinto al Mugello. Le sue prestazioni sono molto buone e coerenti, perché è stato anche in grado di finire sul podio in una gara bagnata [a Le Mans], che probabilmente non erano le sue condizioni preferite fino a quel momento".
Meregalli apprezza il metodo di lavoro di Quartararo, ma anche la sua capacità di divertirsi in sella alla Yamaha: "Penso che sia molto maturo per avere 22 anni. Vedo come lavora, come prepara le gare con la sua squadra. È stata una sorpresa molto buona. Al momento è molto determinato, ma ciò che mi impressiona di più è che si sta divertendo. Sta lottando in ogni sessione, ma si sta divertendo. Questo è positivo per me.
La buona forma di El Diablo è dovuta anche al miglioramento della Yamaha.
Inconsistente nel 2020, la M1 è ormai una moto regolare su tutti i terreni. Il pilota di Nizza ha vinto su piste opposte come il Mugello - dove privilegia la potenza a causa del suo lunghissimo rettilineo - e Assen - una pista dove l'agilità della moto fa la differenza.
"Dopo la delusione dell'anno scorso, volevamo davvero avere un pacchetto migliore nel 2021, più veloce e più consistente, perché abbiamo sofferto di questo l'anno scorso. Penso di poter dire [...] che abbiamo raggiunto entrambi gli obiettivi. Siamo stati in grado di vincere le gare su circuiti veloci, ma anche su circuiti come Assen, dove è necessario un buon inserimento in curva. Abbiamo fatto del lavoro di sviluppo. Abbiamo introdotto il sistema di uscita anteriore, che ci ha dato buoni risultati. Nel complesso, siamo soddisfatti.
condivisioni
commenti
KTM: “Sosterremo l’approdo di Petrucci alla Dakar”
Articolo precedente

KTM: “Sosterremo l’approdo di Petrucci alla Dakar”

Prossimo Articolo

Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP

Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021