Quartararo: “Così troppo difficile, dobbiamo cambiare direzione”

Fabio Quartararo è solamente sedicesimo al termine del venerdì di libere a Valencia e lamenta mancanza di feeling e modifiche poco efficaci. Il sogno iridato sfuma per il pilota Yamaha, che non riesce ad individuare il problema sulla sua M1.

Quartararo: “Così troppo difficile, dobbiamo cambiare direzione”

Nel fine settimana del primo match point per Joan Mir, Fabio Quartararo vede le sue opzioni di titolo sempre più lontane. Nel Gran Premio di Valencia, il pilota del team Petronas cercava il riscatto dopo la delusione della scorsa settimana sempre al Ricardo Tormo, tracciato che attendeva con ottimismo. Ma il venerdì di libere è stato tutt’altro che soddisfacente, con un 16esimo sia nella prima sia nella seconda sessione, a sette decimi dalla vetta.

Il pilota d’oltralpe ha lamentato ancora una volta mancanza di feeling, oltre a non aver sentito alcuna differenza nelle modifiche apportare durante i due turni: “Il feeling non era buono ed è stato un po’ strano, perché generalmente quando facciamo grandi cambiamenti sulla moto li sentiamo. Ma stavolta li abbiamo fatti, ma il feeling era lo stesso, né meglio né peggio. Abbiamo iniziato le FP1 con la stessa base di domenica, poi abbiamo fatto qualche modifica, abbiamo provato qualche mappe, abbassata sul davanti, molte cose che generalmente non facciamo. Dobbiamo parlare bene con il team per i piani di domani, ma sicuramente dovremo provare qualcosa fuori dal normale che non abbiamo mai provato. Non è facile capire perché abbiamo questo problema, perché non lo abbiamo mai avuto. Dobbiamo capire che direzione prendere per la terza sessione di prove libere, ma sicuramente qualcosa di estremo”.

Leggi anche:

Quartararo vede sfumare il sogno iridato, trovandosi a 37 lunghezze da Mir e con un divario tecnico che al momento non gli permette di lottare: “Sono preoccupato? Sì, un po’, perché generalmente sappiamo il motivo per cui abbiamo problemi. Non abbiamo molti punti positivi che ci permettano di dire che possiamo fare la differenza. Uno dei problemi maggiori è che lo scorso anno si poteva adattare il setup di base, ma quest’anno il margine per far lavorare la moto è molto ristretto. Si passa dal lottare per la vittoria al lottare per i punti e questo è difficile da capire. Inoltre nelle gare doppie vediamo che tutti migliorano, ma noi no”.

“Abbiamo avuto un venerdì davvero complicato – prosegue il portacolori Petronas – forse è il primo in cui faccio così tanta fatica. Perché normalmente quando proviamo il time attack con le gomme nuove vediamo un miglioramento, invece stavolta non è stato così. Ho avuto molte difficoltà, ma è molto più complicato adattarsi alla moto rispetto allo scorso anno”.

Nonostante i problemi, Fabio Quartararo afferma di avere una moto con un grande potenziale: “Per Yamaha è stato un anno difficile, per il Covid, per altri problemi sulla moto. Non è stato un anno facile per nessuno nel team, posso capirlo. Ma sento che comunque il supporto c’è stato. Per quanto mi riguarda, il mio modo di lavorare deve cambiare un pochino, devo essere più aggressivo, prendere più rischi. Vedremo dopo Portimao, ma dobbiamo andare in una direzione diversa, per avere più regolarità e costanza sulla moto. C’è da dire che Yamaha ha comunque un buon potenziale, perché quando tutto va bene, vince. Abbiamo conquistato sei successi, che è quasi la metà delle gare del campionato, quindi non possiamo dire che la moto non sia buona, ma ci manca qualcosa per migliorare”.  

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP, Valencia, FP2: Miller vola, bene le Ducati. Cade Mir

Articolo precedente

MotoGP, Valencia, FP2: Miller vola, bene le Ducati. Cade Mir

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Causa a Ducati? Se parlo il mio manager mi uccide..."

Dovizioso: "Causa a Ducati? Se parlo il mio manager mi uccide..."
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021