Quartararo: “Basta con la storia che Yamaha sia una moto facile”

Fabio Quartararo ha conquistato la seconda posizione nelle prime qualifiche della stagione a Losail. Il pilota Yamaha ha battuto il record della pista ma è stato beffato da Bagnaia. Per vincere domani sarà importante la strategia, secondo El Diablo, che dovrà sopperire alla poca velocità rispetto a Ducati.

Quartararo: “Basta con la storia che Yamaha sia una moto facile”

Il suo tempo record sembrava irraggiungibile eppure Francesco Bagnaia è riuscito a beffarlo prendendosi la prima pole position della stagione: Fabio Quartararo si accontenta a Losail della seconda posizione in griglia di partenza, a 266 millesimi dal pilota Ducati. L’avventura del transalpino nel team Factory Yamaha inizia con una prima fila che però lo lascia più che soddisfatto, consapevole del fatto che può ambire alla posizione più alta del podio.

Non sarà facile lottare con le Ducati, in particolare con quella di Bagnaia, apparso davvero in forma. Quartararo non è equipaggiato della moto più veloce della griglia, anzi. Losail è storicamente favorevole alla Desmosedici, ma il pilota francese punta a fare una buona strategia per poter sopperire alla differenza di velocità. El Diablo dovrà però confrontarsi con una Yamaha che non ritiene più semplice come si pensa: “Con la moto 2019, più spingevo e più andavo piano. Con il 2020 e il 2021, devi spingere come una bestia per ottenere i tempi. Non è il modo in cui mi piace guidare, ma è il modo in cui la moto funziona meglio. La storia che la Yamaha è una moto facile è finita. Ora dobbiamo spingere come animali per ottenere i tempi. Dobbiamo lavorare su questo per le qualifiche e il ritmo di gara, perché richiede due diversi tipi di guida e dobbiamo adattarlo ad ogni circostanza”.

Sei soddisfatto della qualifica di oggi?
“È stata difficile, abbiamo fatto un po’ di tentativi nelle FP3, ma le condizioni erano completamente diverse rispetto alle FP4. Speravo che le cose potessero andare bene, ma in realtà il passo non andava. Nel passaggio dalle FP4 alle qualifiche  non ero soddisfatto e abbiamo deciso di tornare indietro al setup dei test, che era quello migliore e più veloce che avevamo trovato, con cui avevo fatto i tempi migliori. Quindi alla fine sono contento. Non ho potuto usare il secondo set di gomme, Franco era davanti a me, ho preso la bandiera a scacchi per un secondo. Ma oggi il risultato migliore che ci potessimo aspettare era la seconda posizione, quindi va bene così”.

Con la velocità di punta inferiore alle Ducati, quanto è cruciale essere in prima fila?
“Credo che sia davvero importantissimo, perché non so se tutti i costruttori abbiano gli interventi per l’anteriore, per la partenza. Sia io sia Maverick abbiamo fatto tantissime prove per la partenza migliore possibile, però è molto difficile fare una buona partenza ed è facile sbagliarla. Siamo lenti rispetto agli altri piloti, per questo cercheremo di gestire questa cosa nel miglior modo possibile. Proverò a sfruttare al meglio il nostro potenziale e quindi domani ce la metterò tutta”.

Morbidelli nei test aveva detto che la M1 può vincere ma non lottare. Cosa pensi?
“Credo che sia vero. In qualche modo ha ragione, se pensiamo alle vittorie dell’anno scorso, la Yamaha ne ha accumulate tante, sempre partendo davanti e costruendo un vantaggio durante la gara. Sappiamo che abbiamo difficoltà a stare dietro a moto diverse dalle Yamaha. A Barcellona quando ho vinto ero dietro a Franco e Vale. Lottare tra Yamaha va bene, ma quando dobbiamo lottare con altri è diverso. L’idea è di essere sempre davanti e imporre il ritmo, però anche se non è la moto perfetta per battagliare cercherò di fare la differenza”.

La partenza è molto importante, quindi sapremo già al primo giro se potete vincere?
“Dipende. Il mio obiettivo è quello di fare una buona partenza e dei buoni primi giri, dobbiamo essere aggressivi sin dall’inizio. Io ho fatto un po’ di sorpassi nei test, credo che siamo in grado di farlo bene. Penso che i primi 5 giri saranno importantissimi, poi vedremo. Dalla seconda posizine spero di non ritrovarmi troppo in fondo, ma nei primi giri le cose saranno importanti, il primo giro sarà aggressivo come sempre e dobbiamo cercare di non perdere posizioni anzi di guadagnarle.

C’è qualche possibilità di collaborare con il tuo compagno di squadra in gara?
“Maverick ed io ne abbiamo parlato nei test. Dal mio punto di vista credo che si può sfruttare la scia, superare se c’è un aiuto di questo tipo, non perdere tempo sulle curve. Questo va benissimo come strategia, ma sarà difficile. Però l’idea sarebbe ottima”.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Top 3, Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing parc ferme

Top 3, Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing parc ferme
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: lo spettacolare sabato del GP del Qatar

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: lo spettacolare sabato del GP del Qatar

Prossimo Articolo

Rossi: "Tempo impressionante, peccato per la prima fila"

Rossi: "Tempo impressionante, peccato per la prima fila"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Sotto-evento Q2
Location Losail International Circuit
Piloti Fabio Quartararo
Team Yamaha Factory Racing
Autore Lorenza D'Adderio
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021