Puig: “Marc avrebbe lottato per la vittoria in Qatar”

Il Team Manager HRC è convinto che, a differenza di ciò che molti pensano, Marc Márquez avrebbe lottato per la vittoria se fosse stata disputata la gara in Qatar.

Puig: “Marc avrebbe lottato per la vittoria in Qatar”

Alberto Puig porta avanti come può la quarantena decretata in Spagna. Proprio prima che iniziasse la ‘clausura’, il team manager Honda si è trasferito a casa dei suoi genitori, poco fuori Barcellona. Da lì segue l’evoluzione della crisi derivata dalla propagazione del COVID-19 ed i suoi effetti sul mondiale MotoGP. Raggiunto telefonicamente da Motorsport.com, risponde ad alcune domande. 

Hai avuto notizie di qualche caso di contagio in HRC?
Che io sappia no, per quanto riguarda il nostro team. Però non si sa mai.

Si può lavorare in qualche modo in un momento di quarantena o reclusione?
La cosa più produttiva che ora possiamo fare in una situazione come questa è essere vivi. Questo in un momento in cui ogni giorno possono morire 700 persone. So che suona un po’ apocalittico, ma la priorità è questa. Poi parlo con piloti e meccanici, provo a mantenere alto il morale. Parlo con la fabbrica, in Giappone, dove non sono stati chiusi gli stabilimenti e faccio poco altro. Siamo in attesa che l’organizzazione ci dia l’ok per ripartire e pianifichi un nuovo calendario, più di questo non possiamo fare.

Cosa sta facendo Honda in Giappone?
La moto del 2020 è già fatta ed è conforme al regolamento attuale. Il motore è congelato. Ma ovviamente nelle aree in cui si può lavorare, stiamo facendo dei piccoli miglioramenti. Parliamo di telaio, alcuni aspetti a livello aerodinamico, ma elementi specifici. La struttura di base non può cambiare.

Ci sono alcune direttive o ci sono state comunicazioni da parte di Honda?
All’inizio, nella sede giapponese di Honda non erano del tutto consapevoli della gravità del problema che c’è in Spagna. Con il passare dei giorni si sono resi conto che più che un problema, stiamo vivendo un vero dramma. Loro più o meno possono continuare con la propria quotidianità, o perché hanno saputo contenere meglio i contagi o perché il virus è meno virulento.

Questa situazione così eccezionale provoca dei malcontenti agli sponsor?
Abbiamo la fortuna di poter contare su Repsol, con cui lavoriamo da molto tempo. È un’azienda con una grande responsabilità sociale, che sta capendo la situazione in cui ci troviamo. Ovviamente a nessuno piace investire soldi in qualcosa che non sta portando frutto (in questo caso il campionato), per questo Repsol è molto generosa. Anche gli altri sponsor che abbiamo lo capiscono.

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Alberto Puig, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Alberto Puig, Repsol Honda Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Honda ha delle date pianificate, anche solo sul piano simbolico con effetto motivazionale, in cui crede che il campionato possa riprendere?
Noi siamo nelle mani di Dorna, che ha già dimostrato di saper gestire situazioni di crisi. Quando l’organizzazione fisserà un nuovo calendario, Honda pianificherà il tutto per la prima gara.

Le Olimpiadi sono state rimandate di un anno e questo ha condizionato la preparazione di quasi tutti gli atleti. L’incertezza attuale in che modo può influenzare un piloto che si è preparato durante l’inverno e che ha partecipato ai test?
Un pilota ed un atleta sono due profili di sportivi molto diversi. Il rendimento di un atleta dipende dalla maggior parte dei casi dalla sua preparazione fisica. Si allena sei giorni a settimana per sei ore al giorno e se manca un solo giorno non arriva preparato. Il motociclismo è un’altra cosa, perché non dipende solo dal proprio corpo. Stare tanto tempo fermi non fa bene, ma dopo aver girato uno o due giorni, i piloti torneranno ad andare veloce. Dovranno adattarsi un po’, perché sicuramente il campionato sarà un po’ più sprint. Ma non ci metteranno molto ad andare veloci. 

Che influenza ha questo stop su Marc, che sarebbe arrivato alla prima gara dell’anno molto al limite dopo l’operazione alla spalla?
Se avessimo cominciato in Qatar, Marc non sarebbe stato al 100%. Alla sua spalla questo stop ha fatto bene, ma non è per niente contento di questa inattività. Avrebbe preferito iniziare in Qatar, questo è scontato. Avrebbe corso al 65% o al 70% delle sue possibilità. Ma a differenza di quanto pensano molti, questo non gli avrebbe impedito di lottare per la vittoria. Voglio che questo sia chiaro. Molti si sfregavano le mani dicendo che Marc Márquez non era in forma. Ovviamente non era preparato. Ma da lì a pensare che in quella gara non avrebbe avuto un livello adatto alla categoria, c’è un abisso. Avrebbe vissuto un inferno, ma ne sarebbe uscito perché è una pilota speciale.

Alex come sta affrontando questa situazione?
Per Alex questa inattività è un male, ad essere sinceri. Perché stiamo parlando di un esordiente nella classe regina. La MotoGP richiede un grande allenamento per poterla guidare. Ha condotto l’inverno che ci aspettavamo e poco a poco troverà il suo spazio. Questo è il pensiero logico di chiunque arriva in MotoGP, a meno che non parliamo di un mostro. In condizioni normali si ha bisogno di piccoli passi ed Alex sta procedendo.

condivisioni
commenti
Petrucci: "Questo campionato sarà una sorpresa per tutti"

Articolo precedente

Petrucci: "Questo campionato sarà una sorpresa per tutti"

Prossimo Articolo

Dorna: aiuti a team indipendenti di MotoGP, Moto2 e Moto3

Dorna: aiuti a team indipendenti di MotoGP, Moto2 e Moto3
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021