Pol Espargaró: “Sappiamo che possiamo lottare per il titolo”

Il pilota Honda non è andato oltre la 13esima posizione in gara, tuttavia ha chiuso il weekend contento della velocità e assicura che lascia il Qatar convinto di poter lottare per il mondiale.

Pol Espargaró: “Sappiamo che possiamo lottare per il titolo”

Una serie di errori in pista durante la gara hanno condannato Pol Espargaro, che ha chiuso il Gran Premio di Doha il 13esima posizione, ma a soli sei secondi dal vincitore. La settimana scorsa invece ha concluso la sua prima gara con Honda in ottava posizione a 5.9 secondi, praticamente la stessa distanza dal vincitore.  

Il pilota Honda ha pagato caro il fatto di partire indietro in griglia di partenza, come la scorsa settimana. È stato così costretto a rimontare, con l’obbligo di prendere rischi e commettere errori che alla fine gli hanno impedito di progredire ed arrivare al gruppo dei piloti davanti.

“Lascio il Qatar con buone sensazioni, sul ritmo siamo stati tra i migliori, per lottare per la gara o per il podio. Non abbiamo fatto bene le cose il sabato, partendo 14esimi non si può lottare per niente – si è lamentato Pol – ho commesso errori e sono arrivato a 6 secondi dal primo. Volevo finire davanti a Mir, settimo), e alla fine un errore in frenata me lo ha impedito. La cosa buona è che vado via da qui sapendo che siamo i più veloci, avremmo potuto fare molto di più se avessimo fatto un sabato buono”.

Anche se è rimasto fuori dalla top 10, Polyccio è stato il primo dei piloti Honda al traguardo in entrambe le gare di Losail, con una moto che nella seconda metà della stagione scorsa ha lottato per i podi e che ora non riesce ad essere davanti con nessun pilota: “Essere la prima Honda non è la priorità, non provo ad essere il primo dei piloti Honda. Io voglio essere il primo di tutti”.

“Su questa pista le cose sono andate molto male per tutto il fine settimana, prove libere pessime, dal 12esimo in giù. Ma in gara, se fossi partito dalle prime due file, avremmo lottato per la vittoria in entrambi i weekend. Ero più veloce di tutti i piloti davanti, alla fine giravo in 55 basso e quelli davanti giravano in 55 e mezzo. Non abbiamo messo insieme i pezzi come dovevamo e abbiamo commesso errori molto brutti”, ha ammesso.

Però è convinto: “La moto è veloce, non mi preoccupa perché la velocità c’è, siamo veloci e penso che possiamo fare una stagione fantastica. Però questo succede se cambiamo le cose il sabato, se miglioriamo la qualifica e partiamo dalle prime file, potremo lottare per il podio per tutta la stagione”.

Dopo molti giorni e tanti giri in Qatar, Espargaro, a cui viene messa un po’ di pressione addosso, è contento di tornare in Europa: “È un insieme di emozioni molto strane. Da una parte dobbiamo essere contenti, su un circuito complicato come questo per noi e alla mia seconda gara abbiamo lottato per la vittoria. Ma l’altra faccia della medaglia è che non siamo stati capaci ci fare un buon tempo con la gomma nuova in qualifica e non siamo riusciti a non commettere errori in gara. Queste cose le abbiamo pagate care”.

Tuttavia, il pilota spagnolo fa un bilancio positivo di questo inizio di stagione: “Me ne vado sapendo che possiamo essere candidati al titolo, ma anche consapevole del fatto che abbiamo lasciato per strada molti punti. Sappiamo ciò che abbiamo fatto bene e ciò che invece abbiamo fatto male. A Portimao, penso che possiamo fare meglio”.

Tra due settimane, in Portogallo, è atteso il ritorno di Marc Marquez, con cui si può trovare un nuovo focus per la messa a punto: “Non so cosa succederà quando rientrerà Marc, ma la moto poteva lottare per il podio. Sabato non poteva. Lo sappiamo e lavoreremo su questa cosa per il prossimo gran premio. Se non fosse per un errore in frenata, avrei chiuso sesto. La moto è a livello e ha molto potenziale”.

Pol Espargaro, Repsol Honda Team, Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team, Stefan Bradl, Repsol Honda Team
1/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
2/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Honda HRC

Pol Espargaro, Honda HRC
3/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
4/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
5/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
6/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
7/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
8/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
9/29

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
10/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
11/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
12/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
13/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
14/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
15/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
16/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
17/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
18/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
19/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
20/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
21/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
22/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
23/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team Qatar

Pol Espargaro, Repsol Honda Team Qatar
24/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
25/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
26/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
27/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team, Qatar

Pol Espargaro, Repsol Honda Team, Qatar
28/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
29/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Viñales: “Il problema è stato la partenza. È colpa mia”

Articolo precedente

Viñales: “Il problema è stato la partenza. È colpa mia”

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Deluso da me stesso, non posso fare certi errori"

Bagnaia: "Deluso da me stesso, non posso fare certi errori"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Doha
Sotto-evento Gara
Location Losail International Circuit
Piloti Pol Espargaro
Team Repsol Honda Team
Autore Germán Garcia Casanova
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021