Pol Espargaró: "Sono in Honda anche per sfidare Marquez"

Pol Espargaro affronterà la nuova sfida in Honda nel 2021 ed è pronto a salire sulla RC213V, con obiettivi chiari in vista della stagione che inizierà a marzo.

Pol Espargaró: "Sono in Honda anche per sfidare Marquez"
Carica lettore audio

Nel 2021 Pol Espargaró formerà parte del team Repsol Honda, realizzando uno dei sogni di sempre. Lo spagnolo sostituisce Alex Marquez, passato al team LCR, e dà così una svolta alla propria carriera, con obiettivi chiari. Dovrà aspettare fino al 6 marzo prima di salire in sella alla RC213V, ma nel frattempo pregusta quello che sarà il primo contatto con la sua nuova moto.
Io pilota catalano ha parlato tramite i canali HRC di quello che lo attende e di come vive quella che sarà la sua avventura con la squadra più vincente degli ultimi anni: "Indossare questi colori è qualcosa di sorprendente. Da molti anni vedo i migliori piloti del mondo vincere titoli e gare con questi colori, che significano gloria per me. Significa che hai tutto nelle tue mani. Significano essere dove ogni pilota vuole avere successo e dove tutti i piloti vogliono trovarsi. Quando correvo in 125cc, Moto2 e anche MotoGP, questa squadra era sul podio praticamente ad ogni gara. Vedere questi colori accanto al tuo numero è incredibile. È qualcosa di davvero speciale".
"Fin dall'inizio sono stato molto chiaro su dove volevo andare per mettermi alla prova e vedere di cosa ero capace - prosegue Espargaró - Il modo migliore per farlo è quello di essere nella migliore squadra del mondo, con la migliore moto del mondo e accanto al miglior pilota del mondo. Penso di arrivare al Repsol Honda Team nel momento migliore della mia carriera. Essere dove si vuole essere, al momento giusto, significa realizzare un sogno, e quindi senza dubbio sto realizzando il mio sogno in questo momento".
Espargaro non ha ancora provato la RC213V, ma si è fatto un'idea in base a ciò che ha visto: "Ho visto questa moto molte volte in foto e video e vedo che è piuttosto piccola fisicamente. Queste moto più corte che possono essere gestite come si vuole, tendono a muoversi un po' di più ma è il tipo di moto che mi piace guidare. Hai un grande input sulla moto, sei tu che dici alla moto cosa fare. A volte è necessario forzare a fare una o due cose che la moto non vuole fare, ma è il mio modo di guidare. Mi piace frenare tardi, e ho visto che ogni pilota che sale sulla Honda riesce a frenare molto tardi e in modo molto aggressivo; questo mi favorisce molto per il mio stile di guida".
Sulla carta dunque la RC213V sembra la moto ideale per Polyccio, che si prefissa gli obiettivi: "L'obiettivo principale della stagione non può andare oltre il podio o il tentativo di vincere le gare, e nemmeno il titolo mondiale. Dobbiamo migliorare i risultati dell'anno scorso, ho avuto un buon anno, ma può essere migliore, e ci proverò con tutte le mie forze. Il primo anno non sarà facile, ma non sono venuto al Repsol Honda Team per lottare per i primi sei posti in campionato, sono venuto qui per raggiungere l'obiettivo più alto della mia carriera che è quello di diventare un giorno Campione del Mondo di MotoGP. Sicuramente vincere le gare e questo obiettivo può essere raggiunto qui alla Repsol Honda".
"Cercherò di dare con il mio atteggiamento propositivo; grande lavoro, grande sforzo, passione, amore per questo sport e risultati sicuri. Dire che siamo felici di finire nella Top 10 non è quello che la squadra si aspetta, e non è quello che mi aspetto io. Farò del mio meglio per raggiungere quello che questa squadra ha fatto negli ultimi anni".
Ma prima di puntare al titolo dovrà familiarizzare con la moto e questo avverrà nei prossimi test a marzo: "Posso già dire che sarò nervoso, super nervoso, tremante e non credo che dormirò il giorno prima! Questo è un capitolo della mia vita che ho sempre cercato di immaginare. Non vedo l'ora che arrivi il momento in cui salirò sulla moto per la prima volta, penso che sia un momento che ricorderò per il resto della mia vita e voglio davvero godermelo".
Espargaro però non sarà solo, condividerà il box con Marc Marquez. L'otto volte campione del mondo sta ancora recuperando dall'infortunio che lo ha tenuto fermo per tutta la stagione: "Condividere la squadra con Marc, penso che sia un'altra delle ragioni per cui ho voluto entrare nel Repsol Honda Team. Ho combattuto con Marc nelle categorie minori per molti anni e mi sono divertito così tanto, sono cresciuto con lui combattendo gara dopo gara e questo fa di me il pilota che sono oggi. Quando si combatte contro uno dei più grandi piloti del mondo si tende a migliorare molto più velocemente. Il modo migliore per migliorare se stessi è stare al fianco del ragazzo che è uguale, o addirittura migliore, di te. Per questo mi sono mosso, voglio vedere il mio livello rispetto a Marc che è sicuramente uno dei migliori in griglia".
"Quando immagini di indossare questi colori o di andare spesso in bici con una moto come questa e poi finalmente lo fai, è incredibile. Tu stai realizzando i tuoi sogni, io sto vivendo il mio sogno. Sì, al 100%", conclude Espargaró.

condivisioni
commenti
MotoGP, Petronas punta a restare con Yamaha per altri cinque anni
Articolo precedente

MotoGP, Petronas punta a restare con Yamaha per altri cinque anni

Prossimo Articolo

Ducati resta in MotoGP fino al 2026

Ducati resta in MotoGP fino al 2026
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021