MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
17 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
31 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
45 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
52 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
66 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
73 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
87 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
122 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
136 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
150 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
157 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
171 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
178 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
192 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
213 giorni

Pol Espargaro: "Honda mi ha voluto per vincere e posso farlo"

Il team Repsol Honda ha presentato oggi la nuova moto e l'evento ha rappresentato la prima uscita ufficiale di Pol Espargaro come pilota HRC. Lo spagnolo dovrà adattarsi, ma ha già chiaro l'obettivo: vincere il prima possibile.

Pol Espargaro: "Honda mi ha voluto per vincere e posso farlo"

L’attesa è finita e finalmente Pol Espargaro ha svelato la moto con cui disputerà la stagione 2021 di MotoGP. Il pilota di Granollers inizia quest’anno la sua avventura con il team Repsol Honda, che ha presentato la RC213V proprio oggi. Si tratta così della prima apparizione ufficiale dello spagnolo, insieme al suo compagno di squadra Marc Marquez.

Con l’incertezza sul rientro del pluricampione del mondo, sarà proprio Espargaro l’uomo di punta dei test che avranno luogo ad inizio marzo sulla pista di Losail, dove lo vedremo per la prima volta in azione con la sua nuova moto. Certo, dovrà adattarsi dopo molte stagioni in KTM, ma la voglia di far bene da subito è tanta e si pone già obiettivi importanti.

Non compari tra i favoriti di quest’anno nelle scommesse degli altri piloti
“Tutto ciò che so è che proverò ad essere più avanti possibile il prima possibile. Non sono nella lista dei favoriti perché in passato i piloti che sono saliti sulla Honda non hanno ottenuto risultati, è una moto difficile e forse si pensa che l’adattamento sarà complicato. Ascolterò molte voci quest’anno, ma devo concentrarmi sul mio lavoro, fare un tutt’uno con il team e lavorare. Dovrò fare un po’ di ‘rodaggio’ e c’è molto da fare. Non essere nelle scommesse va bene, proveremo a fare una sorpresa”.

Hai idea di quanto saranno lunghi i tempi di adattamento?
“Non mi posso permettere di trascorrere un anno ad adattarmi alla moto senza ottenere risultati. Honda non ha pensato a me per sviluppare la moto, c’è un tester incaricato per questo. Honda vuole che io porti risultati e vinca, devo stringere i denti. Sicuramente l’anteriore è un punto critico, ma proverò a fornire la mia esperienza per migliorare questo aspetto. Però dalla prima curva del primo giro di test in Qatar andrò al limite per conoscere la moto e se devo cadere per trovare questi limiti, cadrò”.

Leggi anche:

Chi ti sarebbe piaciuto portare da KTM?
“Mi sarebbe piaciuto portare tutto il team di KTM. Costruire un progetto come quello che abbiamo costruito è possibile solamente facendo squadra e lavorando come abbiamo fatto. Dopo quattro anni erano la mia famiglia, soprattutto all’inizio lasciare quelle persone che mi hanno aiutato tanto è stata la cosa più difficile del lasciare KTM. Però, dall’altra parte, conosco le persone del team Honda, hanno molta esperienza, alcuni sono catalani e parlano la mia lingua. In momenti critici questo è un aspetto importante che mi può aiutare”.

Marquez ha ingaggiato l’ex tecnica di Pol in KTM, Jenny Anderson, per sostituire Gerold Bucher nel ruolo di telemetrista
“Jenny è la persona che mi conosce meglio, al cento per cento. Sa tutto, come mi piace la moto, ciò di cui ho bisogno per sentirmi bene in sella. Sportivamente mi conosce meglio dei miei genitori, ora Marc avrà una tecnica molto brava”.

Come sarà il primo giorno?
“Ora ciò su cui mi concentro maggiormente è l’anteriore, capire di quanto tempo avrò bisogno, le frenate sono la parte dove ho sempre guadagnato tempo. Non sono bravissimo nella velocità di percorrenza in curva, non mi piace questo stile, ho bisogno di fiducia sull’anteriore. Rischierò il necessario per acquisirla, è fondamentale per me”.

Leggi anche:

Peggio della quinta posizione nel mondiale è un risultato negativo?
“L’anno scorso è stato molto positivo, ho chiuso in quinta posizione attaccato a Dovizioso. Finire davanti al quarto è parlare di top 3, è una cosa molto complicata, ma è l’obiettivo che mi sono prefissato. Voglio essere campione del mondo con Honda un giorno e per questo devo lottare nelle gare e provare a salire sul gradino più alto del podio”.

Senti la pressione di dover ottenere risultati?
“Spero che sia ora di rompere la maledizione e che sia proprio io a farlo. Però il fatto che nessuno abbia vinto dopo l’addio di Pedrosa denota la complessità della moto, che rispecchia perfettamente lo stile di guida di Marc, leader del progetto con vittorie di gare e titoli. Bisogna replicare ciò che fa Marc e tutto in un arco di tempo molto breve, non posso aspettare metà stagione”.

Tutto o niente, non ci sono scuse
“Sì, senza dubbio per me è così. Quando ho pensato di passare al team Repsol Honda avevo le idee chiare, o tutto o niente. Ho visto piloti ottimi che non sono riusciti a portare risultati, non hanno vinto. Comprendo il significato di questi colori e la responsabilità che comportano. Inoltre può darsi che saremo senza Marc all’inizio, devo portare risultati sin da subito, ho gli strumenti per farlo e questi colori richiedono un livello di risultati che ti impongono di essere all’altezza”.

Ramon Aurin, obiettivo mondiale...un lancio nel vuoto
“È così, però non c’è altro modo. Questa è la situazione. Marc non sarà ai test, spero che però sia presente alla prima gara. L’altro pilota è un tester, è molto veloce, ma la squadra vuole vincere gare e titoli, questo team è sempre stato davanti con Marc e non possiamo aspettare mezza stagione. Avrò solamente cinque giorni per adattarmi alla moto, sarà complicato, ma come ha detto Ramon, i buoni risultati arrivano stando davanti e vincendo le gare. Tutto ciò che esula da questo non è buono per noi”.

Leggi anche:

“Tutto il processo di apprendimento di KTM è andato bene, con quel team sono diventato adulto. Ho costruito la moto. Ora invece guido una moto già fatta, che ha diversi punti forti. Devo imparare a conoscerla in poco tempo, nei test. Lì devo rischiare e spingere molto soprattutto sull’anteriore. Queste saranno le cadute, di più di quando ero in KTM. Non conosco i limiti della moto e questa cosa la pagherò, ma so dove vado, sono pronto a sentire questa pressione e ad ottenere buoni risultati per il marchio”.

Sei emozionato per il 2021?
“Al massimo, anche più del mio anno di debutto in MotoGP. Cercavo da tanto tempo una moto ufficiale che fosse vincente. Il mio DNA ha sempre detto che mi sarei legato a Honda, ho sempre voluto correre con questo team, ma le situazioni mi hanno portato in altri posti. Ora però sono qui. In questi anni mi sono potuto conoscere come persona e come pilota, sono diventato un adulto. Mi dicono che la pressione in Honda sia alta, ma lo era anche in KTM. Sono pronto, è una tappa che volevo viere, in qualche momento ho pensato che non sarebbe mai arrivata, ma ora sono qui e voglio affrontare questa sfida al massimo”.

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
1/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
2/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
3/16

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
4/16

Foto di: Repsol Media

Moto di Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Pol Espargaro, Repsol Honda Team
5/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
6/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
7/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
8/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
9/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
10/16

Foto di: Honda Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
11/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
12/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
13/16

Foto di: Repsol Media

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
14/16

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
15/16

Foto di: Repsol Media

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, Pol Espargaro, Repsol Honda Team
16/16

Foto di: Repsol Media

condivisioni
commenti
Marquez: "Niente test, a metà marzo il controllo decisivo"

Articolo precedente

Marquez: "Niente test, a metà marzo il controllo decisivo"

Prossimo Articolo

Dramma Gresini: Fausto continua a lottare

Dramma Gresini: Fausto continua a lottare
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Presentazione Repsol Honda
Piloti Pol Espargaro
Team Repsol Honda Team
Autore Lorenza D'Adderio
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021