Pirro: "Queste MotoGP potrebbero passare i 400 km/h!"

Il collaudatore della Ducati è convinto che, con i giusti spazi, le MotoGP odierne sarebbero già in grado di andare oltre a questa soglia. Anzi, se Gigi Dall'Igna glielo dovesse consentire, lui una prova in questo senso la farebbe volentieri...

Pirro: "Queste MotoGP potrebbero passare i 400 km/h!"

La scorso fine settimana, la Ducati ha scritto una pagina di storia della MotoGP, riuscendo per la prima volta in un weekend di gara a sfondare il muro dei 360 km/h. Nella FP4 del Gran Premio del Qatar, complice anche la scia dell'altra Desmosedici GP di Enea Bastianini, Johann Zarco è arrivato a toccare addirittura i 362,4 km/h, battendo di oltre 5 km/h il precedente primato registrato da Andrea Dovizioso al Mugello nel 2019.

Un nuovo primato che ha esaltato, ma anche spaventato un po' di persone nel paddock, convinte che forse l'asticella si sia alzata un po' troppo. Non ha scomposto minimamente però Michele Pirro, che la Ducati la guida spesso e volentieri per il suo ruolo di collaudatore, e che alla Gazzetta dello Sport ha detto: "E' un tipo di velocità che era già stata toccata in qualche test privato".

La Ducati ha impressionato per la potenza del suo motore desmodromico, anche se il pilota pugliese ha assicurato che questo nuovo record non dipende solo da quello, ma che a Borgo Panigale è stato affinato tutto il pacchetto in quella direzione.

"La cosa da capire è che non è solo una questione di potenza del motore. Quella l'abbiamo sempre avuta. Il di più che ci permette di arrivare a questi limiti è dato dal lavoro effettuato su tutto il pacchetto, quindi sull'aerodinamica che ti permette di non volare via, sull'elettronica e sul telaio".

Leggi anche:

Dal punto di vista del pilota, la difficoltà più grande è che vanno a cambiare i riferimenti: "Quando si va così forte in rettilineo è una figata, se si arrivasse anche a 370 noi piloti saremmo contenti. Il fatto è che la curva arriva prima, e cambia la forza che serve per frenare e curvare. Ci vogliono occhio e abitudine".

Le curve. Il problema che secondo Pirro impedisce di toccare delle velocità addirittura più elevate sono proprio le curve. Anzi, Michele è convinto che nelle condizioni giuste le MotoGP attuali siano già in grado di sfondare il muro dei 400 km/h.

"Se pensi che in Qatar il rettilineo è poco più di un chilometro e che la curva precedente è lenta, significa che in circa 800 metri passi da 80 a 360 km/h. Immagina se avessi 500 metri di accelerazione in più. Se a queste moto dai spazio, se allunghi i rapporti e se non hai la preoccupazione di curvare passi i 400 km/h. Senza problemi, facile".

Cosa che non ha nascosto che gli piacerebbe provare: "Se quest'anno riusciamo a vincere qualcosa di importante, chiedo a Gigi Dall'Igna di potermi lanciare su qualche pista da due o tre chilometri, magari di un aeroporto, per vedere a che velocità arriva la Desmo...".

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: al GP di Doha Bagnaia e Miller vogliono il riscatto

Articolo precedente

Ducati: al GP di Doha Bagnaia e Miller vogliono il riscatto

Prossimo Articolo

Miller: “A Losail io e Ducati non abbiamo l’obbligo di vincere”

Miller: “A Losail io e Ducati non abbiamo l’obbligo di vincere”
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021