Pirro: "Queste MotoGP potrebbero passare i 400 km/h!"

Il collaudatore della Ducati è convinto che, con i giusti spazi, le MotoGP odierne sarebbero già in grado di andare oltre a questa soglia. Anzi, se Gigi Dall'Igna glielo dovesse consentire, lui una prova in questo senso la farebbe volentieri...

Pirro: "Queste MotoGP potrebbero passare i 400 km/h!"

La scorso fine settimana, la Ducati ha scritto una pagina di storia della MotoGP, riuscendo per la prima volta in un weekend di gara a sfondare il muro dei 360 km/h. Nella FP4 del Gran Premio del Qatar, complice anche la scia dell'altra Desmosedici GP di Enea Bastianini, Johann Zarco è arrivato a toccare addirittura i 362,4 km/h, battendo di oltre 5 km/h il precedente primato registrato da Andrea Dovizioso al Mugello nel 2019.

Un nuovo primato che ha esaltato, ma anche spaventato un po' di persone nel paddock, convinte che forse l'asticella si sia alzata un po' troppo. Non ha scomposto minimamente però Michele Pirro, che la Ducati la guida spesso e volentieri per il suo ruolo di collaudatore, e che alla Gazzetta dello Sport ha detto: "E' un tipo di velocità che era già stata toccata in qualche test privato".

La Ducati ha impressionato per la potenza del suo motore desmodromico, anche se il pilota pugliese ha assicurato che questo nuovo record non dipende solo da quello, ma che a Borgo Panigale è stato affinato tutto il pacchetto in quella direzione.

"La cosa da capire è che non è solo una questione di potenza del motore. Quella l'abbiamo sempre avuta. Il di più che ci permette di arrivare a questi limiti è dato dal lavoro effettuato su tutto il pacchetto, quindi sull'aerodinamica che ti permette di non volare via, sull'elettronica e sul telaio".

Leggi anche:

Dal punto di vista del pilota, la difficoltà più grande è che vanno a cambiare i riferimenti: "Quando si va così forte in rettilineo è una figata, se si arrivasse anche a 370 noi piloti saremmo contenti. Il fatto è che la curva arriva prima, e cambia la forza che serve per frenare e curvare. Ci vogliono occhio e abitudine".

Le curve. Il problema che secondo Pirro impedisce di toccare delle velocità addirittura più elevate sono proprio le curve. Anzi, Michele è convinto che nelle condizioni giuste le MotoGP attuali siano già in grado di sfondare il muro dei 400 km/h.

"Se pensi che in Qatar il rettilineo è poco più di un chilometro e che la curva precedente è lenta, significa che in circa 800 metri passi da 80 a 360 km/h. Immagina se avessi 500 metri di accelerazione in più. Se a queste moto dai spazio, se allunghi i rapporti e se non hai la preoccupazione di curvare passi i 400 km/h. Senza problemi, facile".

Cosa che non ha nascosto che gli piacerebbe provare: "Se quest'anno riusciamo a vincere qualcosa di importante, chiedo a Gigi Dall'Igna di potermi lanciare su qualche pista da due o tre chilometri, magari di un aeroporto, per vedere a che velocità arriva la Desmo...".

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team
Michele Pirro, Ducati Team
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Ducati Team  
Michele Pirro, Ducati Team  
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: al GP di Doha Bagnaia e Miller vogliono il riscatto
Articolo precedente

Ducati: al GP di Doha Bagnaia e Miller vogliono il riscatto

Prossimo Articolo

Miller: “A Losail io e Ducati non abbiamo l’obbligo di vincere”

Miller: “A Losail io e Ducati non abbiamo l’obbligo di vincere”
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021