Pirro: "Per Ducati sarebbe logico puntare su un giovane"

Il collaudatore della Ducati ha parlato dell'addio di Dovizioso, dicendo che forse la soluzione più in linea con la concorrenza sarebbe rimpiazzarlo con un giovane.

Pirro: "Per Ducati sarebbe logico puntare su un giovane"

Michele Pirro avrebbe sicuramente sperato in qualcosa in più per il suo rientro in MotoGP. Il collaudatore della Ducati è arrivato al Red Bull Ring per prendere il posto dell'infortunato Pecco Bagnaia sulla Desmosedici GP del Pramac Racing, ma la Casa di Borgo Panigale ha pianificato per lui delle prove utili per portare avanti la messa a punto con la nuova carcassa posteriore. E le ha portate avanti anche nelle qualifiche di oggi, quindi per il pugliese il verdetto è stato abbastanza scontato: 22esimo ed ultimo.

Il pluricampione italiano della Superbike però a fine giornata ha detto delle cose molto interessanti riguardo all'addio di Dovizioso alla Rossa a fine stagione, annunciato proprio nel paddock austriaco, ma anche su quali potranno essere le prospettive con cui a Borgo Panigale potranno andare sul mercato per rimpiazzare il forlivese, ipotizzando un salto generazionale.

"Dopo 8 anni, lui ha valutato che non c'erano più le condizioni per continuare. Sicuramente i risultati di queste prime gare non hanno aiutato, ma mi dispiace perché Dovizioso e Ducati hanno fatto grandi cose insieme. Magari entrambi hanno fatto un passo, ma alla fine non si sono trovati. Nel motociclismo però stiamo assistendo anche ad un cambio generazionale e magari anche Ducati, vedendo le condizioni o le cose che aveva chiesto Dovi, ha pensato di puntare magari sui giovani" ha detto Pirro.

Leggi anche:

Quando gli è stato chiesto chi pensa che ci perda di più tra le due parti, alla fine il suo discorso è andato a battere sempre in quella direzione: "In questo momento penso che ci perdano entrambi, perché Dovizioso comunque è riuscito ad esprimersi al massimo con la Ducati e viceversa. Ma se rimani sempre così, allora sarebbe sbagliata la politica di KTM o di Yamaha di provare a puntare sui giovani. In questo momento, per il regolamento che c'è l'anno prossimo, che mantiene tutto molto stabile, credo che possa essere anche un'opportunità da questo punto di vista".

Un discorso che quindi disegna Pecco Bagnaia come principale indiziato: "A parte gli episodi sfortunati, come l'infortunio e la rottura del motore, a livello di velocità aveva dimostrato di essere all'altezza. Però non è che è scritto che se prendi Lorenzo, piuttosto che tieni Dovi o promuovi Bagnaia vinci sicuramente. E' sempre un qualcosa da costruire come abbiamo fatto con Andrea. Escluso Marquez, non c'è un pilota che lo prendi ed hai la consapevolezza di vincere. Dovizioso ha fatto la storia della Ducati e magari riprovi a farla con degli altri piloti più giovani".

L'altro nome che circola con insistenza è quello di Jorge Lorenzo, del quale Pirro è amico, ma non nasconde i dubbi su un suo ritorno dopo un anno di stop: "Per come stanno andando le cose, sarebbe più logico puntare su un giovane, perché hai più potenziale. Io poi non so se Jorge ha veramente voglia di tornare e di rimettersi in gioco. Io lo sto vivendo sulla mia pelle questo weekend: se non sei a posto, se non hai il ritmo, non è facile perché qui il livello è altissimo e non ti aspettano. Con tre o quattro decimi di differenza puoi essere dove conta o molto indietro".

"La verità è che a lui è sempre rimasta l'idea di voler tornare, soprattutto per come è uscito l'anno scorso. Ma tra tornare ed essere competitivo, e soprattutto vincente, c'è una bella differenza e non è scontato. In un momento in cui il livello è così alto, essere fuori dalle corse da un anno è una cosa che può influire. Poi è chiaro che Lorenzo è fortissimo, ma non ha la bacchetta magica per dire che andrà forte, sarà vincente e potrà battere Marquez" ha concluso.

Guarda il Gran Premio myWorld d’Austria live su DAZN. Attiva ora

Michel Pirro Austrian MotoGP

Michel Pirro Austrian MotoGP
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team, Michele Pirro

Alex Marquez, Repsol Honda Team, Michele Pirro
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michele Pirro, Pramac Racing

Michele Pirro, Pramac Racing
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Yamaha, Vinales contraddice Rossi: "Regime del motore mai calato!"

Articolo precedente

Yamaha, Vinales contraddice Rossi: "Regime del motore mai calato!"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le Qualifiche del GP d'Austria

Fotogallery MotoGP: le Qualifiche del GP d'Austria
Carica commenti
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021