Petrucci: "Sul rettilineo perdo tre decimi dalle altre KTM!"

Dopo il ritiro del GP del Qatar, in quello di Doha il pilota di Terni è riuscito a completare la sua prima gara in sella alla KTM, ma i riscontri sono stati preoccupanti: per via della sua stazza perde tanto in accelerazione e sui rettilinei, inoltre finisce per surriscaldare le gomme nello spazio di pochi giri. Urge una soluzione per Portimao.

Petrucci: "Sul rettilineo perdo tre decimi dalle altre KTM!"

La nuova avventura in KTM è iniziata decisamente in salita per Danilo Petrucci. Il GP del Qatar è durato appena poche centinaia di metri ed è terminato nella ghiaia della curva 2, in seguito ad un contatto con Alex Marquez. Nel GP di Doha almeno il nuovo arrivato in casa Tech 3 è riuscito a vedere la bandiera a scacchi, ma sicuramente il 19esimo posto non è il risultato a cui ambiva.

Soprattutto perché nel corso del weekend aveva iniziato ad avere indicazioni positive, mancando l'accesso diretto alla Q2 per appena 55 millesimi, nonostante la sua stazza si stia rivelando un bel problema nell'adattamento alla moto austriaca. La RC16 è molto compatta ed ha un'aerodinamica rastremata, dunque, anche se è stata omologata una carena leggermente più grande appositamente per lui, questo non è bastato per ridurre il grande gap che al momento paga sul rettilineo, non solo con la concorrenza, ma anche con le altre KTM.

In gara, su una pista con un rettilineo lungo come quello di Losail, si è ritrovato ad essere sorpassato più volte senza possibilità di replica. E a complicare tutto c'è stato anche un contatto con la Honda di Takaaki Nakagami, nella quale si è danneggiata la sua aerodinamica.

 

"Taka era più lento di me in tutta la pista, eccetto il rettilineo. Io lo passavo, ma poi quando arrivavamo sul rettilineo mi ripassava tutte le volte. Poi ad un certo punto ha chiuso la curva e mi ha rotto un'ala. Sapevo che avrebbe potuto essere una gara difficile, ma non pensavo così tanto", ha detto Petrucci.

"Tutti mi passano sul rettilineo perché sono troppo lento, e questo è un problema. Perdo tre decimi rispetto alle altre KTM sul rettilineo principale. Questo vuol dire che anche se sono più veloce di chi mi precede, perdo tanti metri in accelerazione e poi sono obbligato a forzare in frenata per riavvicinarmi. Ma per me è impossibile sorpassare", ha aggiunto.

C'è stato poi un secondo problema, perché anche a livello di assetto si è dovuto addentrare su strade inesplorate per la Casa austriaca, essendo molto più "ingombrante" dei suoi compagni di marchio. Se sui run corti sembrava aver trovato un buon compromesso, alla distanza si è ritrovato a surriscaldare le gomme e anche questo è un bel guaio.

Leggi anche:

"Nelle prove libere sembrava che avessimo trovato delle indicazioni positive, ma in gara poi è stato impossibile rimanere con i migliori, perché nei primi giri mi soprassavano tutti in accelerazione. In frenata il feeling era buono, ma questo mi portava ad entrare in curva con troppa velocità, quindi le gomme si sono surriscaldate fin dal terzo giro".

"Probabilmente, per via della mia stazza, abbiamo fatto un assetto troppo estremo per la KTM. Purtroppo la RC16 è molto piccola per me: ho visto alcune foto e sembra quasi che io sia una Moto3 (ride). Faccio fatica anche a rimanere nella scia e questo è un bel problema in gara, soprattutto se c'è un rettilineo lungo come quello di Losail", ha concluso.

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Danilo Petrucci, KTM Tech3
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Articolo precedente

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Prossimo Articolo

Miller operato con successo per sindrome compartimentale

Miller operato con successo per sindrome compartimentale
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Doha
Sotto-evento Gara
Location Losail International Circuit
Piloti Danilo Petrucci
Team Red Bull KTM Factory Racing
Autore Matteo Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021