Petrucci su Dovizioso: "Due piloti non possono essere amici"

Il pilota di Terni è tornato sulle tensioni con Dovizioso che hanno segnato la parte conclusiva dell'avventura in Ducati, dopo che i due erano stati a lungo buoni amici.

Petrucci su Dovizioso: "Due piloti non possono essere amici"

L'amicizia tra Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso sembrava di quelle vere, destinate a durare nonostante fossero "costretti" a battagliare in pista. Ancora una volta però la rivalità si è messa di mezzo ed ha incrinato un rapporto che sembrava veramente bello e non creato solo per reciproche convenienze.

Una volta arrivato nel team ufficiale Ducati, Danilo è stato preso sotto la sua ala da Dovizioso, che lo ha aiutato nella sua transizione a top rider, trovando un alleato importante in pista. Ma, a parte questo, i due davano davvero la sensazione di andare d'amore e d'accordo.

Le prime incrinature si sono iniziate a vedere al Mugello lo scorso anno, quando "Petrux" ha sfoderato un ultimo giro da campione ed è andato a prendersi la sua prima vittoria in MotoGP, con un attacco che però ha fatto chiudere Andrea terzo, alle spalle anche del rivale Marc Marquez.

Una fiammella che si è riaccesa quest'anno a Le Mans, quando i due si sono ritrovati nuovamente a battagliare per la vittoria e ancora una volta è stato il pilota di Terni a spuntarla. L'incendio poi è divampato definitivamente ad Aragon, dove Petrucci si è guadagnato la Q2 sfruttando la scia di Dovizioso, con il forlivese che quindi si è ritrovato in quinta fila, quando era ancora virtualmente in corsa per il titolo.

Quel giorno volarono parole grosse, con Dovizioso che si disse deluso dal punto di vista umano, parlando di un Danilo "poco intelligente". Da allora però le cose sono cambiate definitivamente, come lo stesso Petrucci ha confermato in un'intervista rilasciata a Speedweek.

Leggi anche:

"Il rapporto con Andrea è cambiato dopo Aragon. Quello è stato sicuramente un momento difficile perché Dovi stava ancora lottando per il Mondiale. Io venivo da una buona gara a Le Mans e ho fatto di tutto per ottenere un altro buon risultato", ha detto Petrucci.

"Purtroppo in questi due anni in Ducati è diventato evidente che possiamo essere amici in privato, ma non in pista. Ora lo so: è difficile che due piloti possano continuare ad essere amici, soprattutto quando combattono nello stesso campionato".

Il futuro pilota del Team Tech 3 ha spiegato poi che non c'è stato un chiarimento vero e proprio dopo l'episodio di Aragon, pur ammettendo di essere dispiaciuto per quanto successo in quell'occasione.

"Non abbiamo parlato molto di questo incidente dopo. Per me Andrea rimane davvero un bravo ragazzo e un pilota di prima classe, e mi dispiace molto per quanto è successo. Tuttavia, sono stato spesso criticato perché non sono riuscito ad essere più veloce, e anche quando ero dietro e ho mostrato un certo riguardo per lui sono stato criticato lo stesso".

Ma non ha nascosto neanche un pizzico di dispiacere per quanto accaduto, perché Dovizioso gli aveva dato un grande aiuto nel momento del suo approdo nel factory team della Rossa.

"Dovi mi ha aiutato molto, soprattutto dall'inizio del 2019 all'inizio del 2020. Mi ha sempre dato tanti consigli, mi ha supportato molto, soprattutto dal lato mentale. Ho notato subito che è mentalmente molto forte e può sopportare la pressione di questo sport in modo esemplare, quindi ho provato a copiare il suo atteggiamento. Mi ha sicuramente aiutato a calmarmi e concentrarmi sulle questioni importanti del lavoro", ha concluso.

condivisioni
commenti
Zarco scommette su Martin: "Si adatterà subito alla MotoGP"

Articolo precedente

Zarco scommette su Martin: "Si adatterà subito alla MotoGP"

Prossimo Articolo

Poncharal: "Arrabbiato per i rumors su Dovizioso"

Poncharal: "Arrabbiato per i rumors su Dovizioso"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso , Danilo Petrucci
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021