MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
84 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
112 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
161 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
252 giorni

Petrucci su Dovizioso: "Due piloti non possono essere amici"

Il pilota di Terni è tornato sulle tensioni con Dovizioso che hanno segnato la parte conclusiva dell'avventura in Ducati, dopo che i due erano stati a lungo buoni amici.

Petrucci su Dovizioso: "Due piloti non possono essere amici"

L'amicizia tra Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso sembrava di quelle vere, destinate a durare nonostante fossero "costretti" a battagliare in pista. Ancora una volta però la rivalità si è messa di mezzo ed ha incrinato un rapporto che sembrava veramente bello e non creato solo per reciproche convenienze.

Una volta arrivato nel team ufficiale Ducati, Danilo è stato preso sotto la sua ala da Dovizioso, che lo ha aiutato nella sua transizione a top rider, trovando un alleato importante in pista. Ma, a parte questo, i due davano davvero la sensazione di andare d'amore e d'accordo.

Le prime incrinature si sono iniziate a vedere al Mugello lo scorso anno, quando "Petrux" ha sfoderato un ultimo giro da campione ed è andato a prendersi la sua prima vittoria in MotoGP, con un attacco che però ha fatto chiudere Andrea terzo, alle spalle anche del rivale Marc Marquez.

Una fiammella che si è riaccesa quest'anno a Le Mans, quando i due si sono ritrovati nuovamente a battagliare per la vittoria e ancora una volta è stato il pilota di Terni a spuntarla. L'incendio poi è divampato definitivamente ad Aragon, dove Petrucci si è guadagnato la Q2 sfruttando la scia di Dovizioso, con il forlivese che quindi si è ritrovato in quinta fila, quando era ancora virtualmente in corsa per il titolo.

Quel giorno volarono parole grosse, con Dovizioso che si disse deluso dal punto di vista umano, parlando di un Danilo "poco intelligente". Da allora però le cose sono cambiate definitivamente, come lo stesso Petrucci ha confermato in un'intervista rilasciata a Speedweek.

Leggi anche:

"Il rapporto con Andrea è cambiato dopo Aragon. Quello è stato sicuramente un momento difficile perché Dovi stava ancora lottando per il Mondiale. Io venivo da una buona gara a Le Mans e ho fatto di tutto per ottenere un altro buon risultato", ha detto Petrucci.

"Purtroppo in questi due anni in Ducati è diventato evidente che possiamo essere amici in privato, ma non in pista. Ora lo so: è difficile che due piloti possano continuare ad essere amici, soprattutto quando combattono nello stesso campionato".

Il futuro pilota del Team Tech 3 ha spiegato poi che non c'è stato un chiarimento vero e proprio dopo l'episodio di Aragon, pur ammettendo di essere dispiaciuto per quanto successo in quell'occasione.

"Non abbiamo parlato molto di questo incidente dopo. Per me Andrea rimane davvero un bravo ragazzo e un pilota di prima classe, e mi dispiace molto per quanto è successo. Tuttavia, sono stato spesso criticato perché non sono riuscito ad essere più veloce, e anche quando ero dietro e ho mostrato un certo riguardo per lui sono stato criticato lo stesso".

Ma non ha nascosto neanche un pizzico di dispiacere per quanto accaduto, perché Dovizioso gli aveva dato un grande aiuto nel momento del suo approdo nel factory team della Rossa.

"Dovi mi ha aiutato molto, soprattutto dall'inizio del 2019 all'inizio del 2020. Mi ha sempre dato tanti consigli, mi ha supportato molto, soprattutto dal lato mentale. Ho notato subito che è mentalmente molto forte e può sopportare la pressione di questo sport in modo esemplare, quindi ho provato a copiare il suo atteggiamento. Mi ha sicuramente aiutato a calmarmi e concentrarmi sulle questioni importanti del lavoro", ha concluso.

condivisioni
commenti
Zarco scommette su Martin: "Si adatterà subito alla MotoGP"

Articolo precedente

Zarco scommette su Martin: "Si adatterà subito alla MotoGP"

Prossimo Articolo

Poncharal: "Arrabbiato per i rumors su Dovizioso"

Poncharal: "Arrabbiato per i rumors su Dovizioso"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso , Danilo Petrucci
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021