Petrucci sollevato: “Per un momento ho pensato di fare podio”

Danilo Petrucci si dimostra specialista del bagnato e porta la sua KTM in quinta posizione nel Gran Premio di Francia. A Le Mans il ternano è il migliore delle KTM e spera di continuare a migliorare in vista del Mugello, sua gara di casa.

Petrucci sollevato: “Per un momento ho pensato di fare podio”

La nuova avventura di Danilo Petrucci non è iniziata nel migliore dei modi, ma Le Mans era il posto giusto per il riscatto. Così è stato e il pilota ternano è riuscito a trarre il meglio dalla sua KTM in una condizione insidiosa ma in cui si trova sempre a proprio agio.

Petrux è stato autore di una solida gara, in cui la pioggia ha fatto capolino cambiando le carte in tavola e complicando la situazione per molti. Il portacolori KTM però non si è lasciato intimorire e ha affrontato la gara flag-to-flag in maniera eccellente, riuscendo a tagliare il traguardo in quinta posizione ed essendo la prima KTM alla bandiera a scacchi del Gran Premio di Francia.

Il risultato odierno solleva molto l’animo di Petrucci, che sa di dover migliorare ancora, ma è soddisfatto di quanto ottenuto: “Sicuramente venerdì abbiamo fatto un bel reset, perché la direzione che avevamo preso non funzionava. C’è stata una riunione in cui ho detto la mia su quello che si poteva migliorare ed effettivamente qualcosa è cambiato subito. Chiaramente siamo ancora abbastanza distanti da dove vorremmo essere. Abbiamo capito qual è il problema, però per la soluzione ci sono tante piccole cose da mettere a posto e non si arriverà subito. Però almeno essere competitivi è una buona cosa. È chiaro, qui a Le Mans siamo competitivi e per un momento ho anche pensato di fare podio, però sono contento lo stesso”.

 

“Il problema è che comunque con il mio peso io scaldo di più le gomme – commenta il pilota KTM parlando della gara – con le medie i primi tre giri è stato un incubo stare in piedi. Ho fatto un errore alla Curva 8, si è chiuso tutto e cadere era facilissimo. Sarebbe dovuto rimanere bagnato per cercare di fare podio. Nel cambio moto ho avuto un problema a mettere la prima, queste due tre cose non sono state perfette. Ma sapevamo che quando l’asfalto si fosse asciugato avremmo sofferto, per quello ho scelto le medie. È stato un azzardo perché all’inizio era faticoso stare in piedi, ma sarebbe stato il massimo e possibile finire sul podio se fosse rimasto bagnato”.

Come ormai è noto, Petrucci è uno specialista del bagnato e Le Mans ne ha rappresentato l’ennesima prova. Il ternano spiega perché: “Penso di essere uno dei migliori piloti con la pioggia, ma non so il motivo. Probabilmente perché fino ai 16 anni ho guidato solo moto off-road e mai moto da pista. Quindi potrei dire di avere più esperienza con le off-road che con le altre. Sicuramente sul bagnato tutto è più calmo e il mio peso non diventa un problema. Con le gomme di uno o due anni fa il mio peso diventava un grosso problema. Con la pioggia invece questo svantaggio diminuisce e a volte diventa anche un vantaggio. Mi piace molto guidare sotto la pioggia e anche stamattina mi sono divertito ad essere in testa dopo tanto tempo”.

Dopo Le Mans arriva il Mugello, dove Danilo Petrucci ha conquistato una vittoria stratosferica nel 2019 in sella alla Ducati ufficiale. Quest’anno sarà un’altra storia e spera di continuare a migliorare per ottenere buoni risultati: “A livello di setup diciamo che la direzione in cui siamo andati è al limite. Non possiamo fare di più. È una questione di peso sulle due ruote, ci vuole qualcosa di strutturale e altre cose da fare. A Le Mans sono l’ultimo vincitore e magari porta bene. Ci devo mettere del mio come ho fatto nel 2019 per fare una bella gara al Mugello e per fare un altro bel risultato con KTM”.

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
1/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
2/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
3/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
4/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
5/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
6/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
7/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
8/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
9/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
10/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
11/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
12/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
13/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
14/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
15/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
16/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
17/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
18/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
19/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
20/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
21/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
22/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
23/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
24/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
25/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
26/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, KTM Tech3
Danilo Petrucci, KTM Tech3
27/27

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Miller: "Forse non sono il migliore, ma spero di continuare così"
Articolo precedente

Miller: "Forse non sono il migliore, ma spero di continuare così"

Prossimo Articolo

Bagnaia fiero della rimonta: "Riesco sempre a reagire"

Bagnaia fiero della rimonta: "Riesco sempre a reagire"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021