Petrucci: “Non riesco a fermare né a girare la moto”

Danilo Petrucci è solo undicesimo in qualifica ed afferma di essere stato condizionato da problemi di natura tecnica a cui ancora Ducati non riesce a venire a capo. Il problema principale risiede nella frenata, a suo dire molto complicata.

Petrucci: “Non riesco a fermare né a girare la moto”

Una qualifica da dimenticare quella di Danilo Petrucci, che nel secondo weekend a Jerez de la Frontera non va oltre l’undicesima posizione in griglia di partenza. Il pilota Ducati fa comunque meglio del compagno di squadra, ma i risultati negativi sono lo specchio di una situazione tutt’altro che rosea nei box della Casa di Borgo Panigale.

Il ternano ha agguantato il Q2 nel finale della terza sessione di prove libere, ma non è soddisfatto delle prestazioni avute nel pomeriggio, anzi. Mostra una certa preoccupazione riguardo il comportamento della moto, che non gli permette di esprimersi al meglio. Le nuove gomme portate da Michelin non sembrano favorire la Desmosedici, che fatica sotto molto aspetti ed è diventata ancora più complicata da guidare.

Petrucci è preoccupato anche in ottica gara, che verrà disputata con alte temperature e lo dovrà vedere autore di una grande partenza se vuole ricucire il distacco dai primi: “Sicuramente la gara sarà molto difficile. È chiaro che mi aspettavo di fare dei passi in avanti, ma le cose che abbiamo provato hanno funzionato fino ad un certo punto. Ho faticato un po’ a rendere ripetitiva la moto nei suoi comportamenti, quello che ci faceva andare forte l’anno scorso non è più possibile farlo, cioè frenare la moto con il posteriore. Sicuramente potevo fare una qualifica migliore, stamattina non sono andato abbastanza bene, ma nel pomeriggio dovevo fare di più. In gara dovrò fare una bella partenza e provare a stare il più avanti possibile e capire quale sarà il miglior modo di guidare”.

Cosa manca però alla Ducati perché possa permettere ai piloti di essere davanti? Petrucci non ha ancora le idee chiare: “Secondo me c’è qualcosa che secondo me non riusciamo a capire per rendere la moto costante nelle curve. Il mio problema principale è conoscere la moto e sfruttare al massimo quello che ha. L’anno scorso ci riuscivamo abbastanza perché c’è stato un percorso con Michelin. Quest’anno sono cambiate le gomme e non sono andate nella nostra direzione. Cia spettavamo di fare dei passi avanti, ma ne abbiamo fatti uno avanti ed uno indietro. È sempre una coperta corta ed è stata una sorpresa anche per noi faticare così tanto. Io fino a stamattina ero abbastanza contento, ma nel pomeriggio non sono stato per niente veloce”.

Mentre i due ufficiali faticano, Francesco Bagnaia e Jack Miller portano la Ducati del team Pramac in terza e sesta posizione rispettivamente. Petrucci spiega: “Sicuramente sono andati più forti di noi, ma questo non lo dico io, lo dicono i dati. Probabilmente Pecco ha capito come fare, anche Jack. Ma c’è un limite, io non riesco a frenare la moto, non riesco a fermarmi. Anche usando più freno non riesco a fermarmi ed a far girare la moto, è quello il problema principale. Comunque tirando il freno metto ancora più in difficoltà l’anteriore e rischio di cadere. C’è qualcosa da risolvere nel freno motore per conoscerla meglio in frenata. Io non riesco a fare una manovra che facevamo l’anno scorso per andare forte e da quanto ho capito nemmeno Andrea, ma dovreste chiedere a lui. Io comunque non riesco a fare una manovra per lasciare i freni e curvare veloce”.

Leggi anche:

Il pilota di Terni analizzerà i dati della qualifica e cercherà di capire anche dove sta la differenza fra lui ed i due alfieri Pramac: “Conosciamo quello che usano Jack e Pecco, vediamo anche quello che fanno sopra la moto. Quando non riesci ad fermare la moto usando più freno, il problema è abbastanza difficile da risolvere, perché si tratta di spostare i pesi in aree diverse. È difficoltoso cercare di frenare la moto con meno freno, ma è quello che dovremmo riuscire a fare. Si tratta forse di sensazioni e stile di guida che al momento stiamo faticando ad intuire. Io per esempio in qualifica ho avuto un problema con una gomma, quindi non è stata buona. Questa mattina eravamo abbastanza vicini e sapevamo dove migliorare. Ma con più grip le cose vengono un po’ più facile. Oggi pomeriggio la qualifica è stata infelice, ma ancora non ho visto i dati”.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
2/12

Foto di: MotoGP

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
4/12

Foto di: MotoGP

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Marquez si arrende: salta il Gran Premio di Andalusia

Articolo precedente

Marquez si arrende: salta il Gran Premio di Andalusia

Prossimo Articolo

Marquez: “Ho ascoltato il mio corpo, lo avevo promesso a Honda”

Marquez: “Ho ascoltato il mio corpo, lo avevo promesso a Honda”
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021