MotoGP
18 set
FP1 in
01 Ore
:
27 Minuti
:
52 Secondi
09 ott
Prossimo evento tra
20 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
48 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
62 giorni

Petrucci: “Luca, il primo che ho abbracciato al Mugello”

condivisioni
commenti
Petrucci: “Luca, il primo che ho abbracciato al Mugello”
Di:

Alla fine del venerdì di libere del Gran Premio della Repubblica Ceca, Danilo Petrucci promuove la nuova carena portata da Ducati, anche se il suo primo pensiero va a Luca Semprini, suo amico ed addetto stampa scomparso tragicamente l’altra notte.

Nel primo giorno di azione in pista senza Luca Semprini, Ducati lavora in un silenzio assordante, ma i piloti sono comunque scesi in pista per disputare i due turni di libere. Sul circuito di Brno, Danilo Petrucci archivia il venerdì con un tredicesimo ed un decimo crono, ottenuti nel primo e nel secondo turno rispettivamente. Il ternano ha abbassato la visiera del casco ed è salito in sella alla sua Desmosedici GP, su cui ha provato alcune nuove componenti, tra cui la nuova carena.

Quello che però resta maggiormente impresso di questa prima giornata del Gran Premio della Repubblica Ceca sono gli animi degli uomini Ducati, sopraffatti da un’emotività che è piuttosto raro vedere all’interno del paddock della MotoGP, sempre frenetico, calcolatore e competitivo fino all’esasperazione.

Lo conferma Danilo Petrucci, che ricorda il suo addetto stampa, ma prima ancora amico Luca Semprini: “Ieri c’era un’aria molto pesante e c’è ancora. Non so se questo possa affliggere la mia guida, ma non credo. Di sicuro è stato un fulmine a ciel sereno. Come tutti sanno, io da quest’anno ero stato affidato a Luca, era lui che mi portava in giro qua, anche se lo conoscevo già da molto tempo. Al Mugello, quando ho vinto la mia prima gara, è stato il primo che ho abbracciato al parco chiuso”.

Leggi anche:

“La prima reazione è che diventa sempre tutto un po’ marginale quando è così – prosegue il pilota Ducati –  Perché mi sembra sempre che fare le corse diventi all’improvviso una cosa marginale rispetto a quello che è la vita. Soprattutto, è stato brutto che proprio Luca ci abbia ricordato che le cose più brutte sono quelle che non vengono dette. Purtroppo nel mondo di oggi ci si risparmia nel dire ‘ti voglio bene’, ‘bravo’ o ‘grazie’, magari perché ti vergogni. Magari se dici ad un tuo amico ‘ti voglio bene’ ti dicono ‘ma che è? Ma che hai cambiato sponda?’”.

“Poi quando le persone se ne vanno o comunque quando non le hai più vicino, non potergliele dire è la cosa più brutta che possa accadere. Purtroppo ce l’ha ricordato ieri Luca, che era troppo buono per stare qua dentro. E la maniera in cui se n’è andato è stata terribile. Si continua a lavorare, ma, ripeto, la prima sensazione è che mi sembra sempre tutto marginale quando è così. Sono comunque contento di aver vissuto questa prima parte di stagione al suo fianco”.

 

Nonostante l’atmosfera nel box della Rossa di Borgo Panigale sia tutt’altro che serena, il lavoro prosegue, tra gomme, carene e tempi cronometrati. Come il suo compagno di squadra, anche Petrucci ha portato in pista la carena che Ducati ha progettato e continuerà a provare anche domani. Le sensazioni sono positive, anche se il pilota vincitore del Mugello ha trovato qualche difficoltà con il degrado troppo elevato degli pneumatici.

Petrucci commenta così la nuova carena: “Ci sono molti dubbi sulle gomme e sul loro degrado. Questa mattina abbiamo provato la nuova carena, ma non abbiamo avuto una perfetta comparazione, perché il degrado della gomma posteriore è molto elevato. Mi sono sentito meglio, ma nel pomeriggio siamo tornati a quella vecchia per raccogliere altri dati”.

Leggi anche:

“Credo che comunque sia meglio rispetto alla vecchia, quindi probabilmente la useremo domani, Ducati ha fatto un gran lavoro durante la pausa estiva. Senti la moto più leggera e all’ingresso di curva è più stabile, la sensazione è proprio che sia meno pesante, per questo la preferisco. Ho fatto solo tre o quattro giri, quindi ancora non ho la situazione ben chiara e forse domani la riproveremo. Ma siccome siamo un po’ preoccupati per il meteo di domani, l’abbiamo provata anche oggi”.

Informazioni aggiuntive di David Gruz

Scorrimento
Lista

Danilo Petrucci, Ducati Team, accanto all'adesivo 'Ciao Luca'

Danilo Petrucci, Ducati Team, accanto all'adesivo 'Ciao Luca'
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team e Luca Semprini, addetto stampa

Danilo Petrucci, Ducati Team e Luca Semprini, addetto stampa
3/10

Foto di: Uncredited

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
4/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
6/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Dovizioso ci crede: "Io e Marc ci siamo per giocarcela"

Articolo precedente

Dovizioso ci crede: "Io e Marc ci siamo per giocarcela"

Prossimo Articolo

Rossi scherza: "Fossi 11esimo pioverebbe sicuro, ma sono nono..."

Rossi scherza: "Fossi 11esimo pioverebbe sicuro, ma sono nono..."
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP della Repubblica Ceca
Sotto-evento FP2
Location Brno Circuit
Piloti Danilo Petrucci
Team Ducati Team
Autore Lorenza D'Adderio