Petrucci pronto a iniziare il percorso di avvicinamento alla Dakar

La delusione per il weekend difficile vissuto ad Austin è stata mitigata in parte dall'imminente inizio del percorso da affrontare in vista della Dakar: prima di Misano frequenterà un corso per imparare i segreti della navigazione, poi prima di Portimao avrà la sua prima presa di contatto con la KTM nel deserto di Dubai.

Petrucci pronto a iniziare il percorso di avvicinamento alla Dakar

Il fine settimana di Austin è stato particolarmente duro per Danilo Petrucci. Il pilota della KTM si è ritrovato al fondo del gruppo praticamente sempre e anche in gara non è riuscito ad andare oltre al 18esimo posto, con alle sue spalle solamente il convalescente Franco Morbidelli.

Le tante buche presenti sul fondo del Circuit of the Americas hanno amplificato alcuni dei problemi del pilota di Terni. Vista la sua stazza in rapporto alle dimensioni molto minute della RC16, "Petrux" utilizza sempre una moto lunga per distribuire il più possibile il peso. In questo modo però si è ritrovato a fare i conti con un assetto piuttosto rigido, che non si sposava troppo con il fondo sconnesso del tracciato texano, e infatti negli ultimi giri ha accusato un mal di schiena che gli ha impedito di attaccare la zona punti.

"Io tendo ad ancorarmi alla moto con le gambe, quindi di solito non faccio fatica con le braccia e con le spalle, però mi sono bloccato con la schiena, quindi non riuscivo più a muovermi sulla moto negli ultimi cinque giri ed ero diventato molto rigido. Il fatto è che si scivolava moltissimo rispetto alle prove, quindi ero ancora di più in tensione ed ancorato alla moto", ha spiegato Petrucci dopo la gara.

"Ho fatto veramente una gran fatica, ma sapevo che sarebbe stato così, quindi ho fatto il mio passo. Ad un certo punto sono arrivato vicino alla zona punti, ma poi negli ultimi cinque giri ho dovuto mollare perché non riuscivo davvero più a guidare", ha aggiunto.

Leggi anche:

A consolare Danilo però c'è il programma che lo attende nelle prossime settimane, visto che il suo avvicinamento alla Dakar 2022 entrerà nel vivo, cominciando con un corso di navigazione che seguirà a Barcellona prima del prossimo appuntamento della MotoGP.

"Prima di Misano andrò a fare un corso a Barcellona, da Jordi Viladoms, che è il team manager della KTM ed ha una scuola dove si imparano i regolamenti e tutto quello che serve per la navigazione. Saranno due giorni di teoria e due giorni di pratica, quindi mi insegneranno la maggior parte delle cose che ci sono da sapere e poi arriverò a Misano direttamente da Barcellona".

Dopo il Gran Premio dell'Emilia Romagna e del Made in Italy poi avrà modo di toccare con mano per la prima volta la KTM 450 Rally con cui sarà impegnato all'inizio di gennaio in Arabia Saudita.

"Il primo test sulla moto invece lo farà prima di Portimao, e quello sarà nel deserto. Questo dobbiamo ancora un po' definirlo, ma credo che andrò due o tre giorni a Dubai prima di Portimao. Ma poi ci saranno due gare di MotoGP impegnative, quindi il vero allenamento inizierà dopo la fine del campionato".

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3

Photo by: Dorna

condivisioni
commenti
Martin: "Non ha senso che io sia stato penalizzato, è ingiusto"

Articolo precedente

Martin: "Non ha senso che io sia stato penalizzato, è ingiusto"

Prossimo Articolo

Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"

Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021