Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Un anno dopo la gioia della vittoria con la Ducati, Petrucci prende atto della promozione di Jack Miller e ammette il suo disappunto, visto che le possibilità di mantenere il posto ora sono estremamente ridotte.

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Se ormai è ufficiale che Jack Miller entrerà a far parte del Factory Team Ducati nel 2021, tutti gli occhi sono puntati sui due attuali piloti della squadra, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Il compagno dell'australiano sarà probabilmente scelto tra loro due, e le voci su una partenza di Petrucci sono in crescita, con il suo stesso manager che ha suggerito che potrebbe andare in Superbike (per rimanere un pilota ufficiale Ducati) o nel team Aprilia in MotoGP.

"Al momento Danilo è fuori dal progetto Ducati in MotoGP. La Ducati ha deciso di puntare su un pilota come Miller, che da tempo è un pallino di Dall'Igna e per Danilo non c'è posto nel team ufficiale" ha detto il suo manager Alberto Vergani a GPOne, assicurando poi: "Dovizioso rimarrà in Ducati, questo è il mio punto di vista. Al 99% credo che Andrea non lascerà la Rossa, ma resterà lì dove è ora".

Riguardo al futuro di Petrucci, poi ha proseguito: "La Ducati potrebbe riposizionarlo in Superbike con Aruba e di conseguenza stiamo valutando la cosa. Al tempo stesso ho iniziato anche a parlare con Aprilia, però al momento non c'è nulla di concreto. Molto dipenderà da cosa farà Iannone nel 2021 e da come si evolverà la situazione legata alla squalifica".

Poi ha aggiunto: "Al momento non c'è una scadenza. Dico così perché il perno del mercato è Dovizioso e tutto ruota intorno a lui. Quando Dovi deciderà cosa fare, poi si sistemeranno tutti gli altri tasselli".

Se da una parte sembra rassegnato all'idea che il suo pilota perda il posto, Alberto Vergani ne difende i risultati, inclusa la vittoria del Gran Premio d'Italia, anche se la seconda metà della sua stagione da pilota ufficiale è stata più complicata.

"Quando Danilo è entrato nel team Factory, nessuno gli ha chiesto di vincere il Mondiale. Lui ha lavorato duramente e in modo onesto, al Mugello ha centrato una vittoria che rimarrà nella storia. Purtroppo il mercato si è deciso nella seconda parte della scorsa stagione".

Leggi anche:

Invitato ieri sera a partecipare ad una diretta su Facebook per Motosprint, Danilo Petrucci non si è fatto illusioni sul suo destino nella sua attuale squadra, alla vigilia dell'ufficializzazione di Jack Miller. Tuttavia, si è rammaricato del fatto che questa decisione sia stata presa prima dell'inizio del campionato, come aveva anticipato qualche giorno fa anche in un'intervista rilasciata a Motorsport.com.

"Sono un po' deluso dal fatto che si prendano certe decisioni quando non si corre. Vorrei che un marchio prendesse decisioni basate sulle prestazioni attuali e reali di un pilota" si è rammaricato. "In questo momento non abbiamo la nostra arma di difesa, che è il risultato, quindi non possiamo fare altro che aspettare senza poter mostrare i nostri risultati".

"Ho sempre avuto qualche difficoltà a capire come possano scegliere i piloti prima dell'inizio della stagione, quindi un anno prima del previsto e senza sapere cosa potrebbe succedere nell'anno in corso. Non sono nella politica di un team ufficiale, ma vedo che sono molto ansiosi di trovare i loro piloti il prima possibile. Non so perché. In passato prendevano queste decisioni ad agosto o a settembre".

Con un solo posto da assegnare nella squadra ufficiale, Petrucci ha detto di essere "dispiaciuto" di dover essere in competizione con il suo compagno di squadra Dovizioso, che è anche un amico.

"A parte il fatto che Andrea è un pilota molto forte, che è stato vice-campione del mondo negli ultimi tre anni, ho molto rispetto per lui e anche una forma di amicizia. Ma questo è anche il caso di Jack. Ci conosciamo da quando eravamo giovani, quando lui era in Moto3 e io ero praticamente l'ultimo in MotoGP. Ci divertivamo molto quando ci incontravamo fuori dalla pista e poi l'anno scorso siamo andati anche a fare motocross insieme. In pista tutti combattiamo l'uno contro l'altro, ma purtroppo è così, tutti devono pensare a ciò che è meglio per loro. Sia i piloti che i marchi".

"All'inizio c'è stata un po' di delusione, perché come ho detto, non posso mostrare i miei perché non corriamo, ma se le cose stanno così, ho ancora una grande opportunità quest'anno di correre con la Ducati e di meritarmi il posto con i risultati" ha detto, aggiungendo: "Dovranno scegliere tra me ed Andrea, ma non ho ancora ricevuto alcuna proposta, nessuna indicazione".

condivisioni
commenti
MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Articolo precedente

MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Prossimo Articolo

MotoGP, Álex Márquez: “Non è il momento migliore per il rinnovo”

MotoGP, Álex Márquez: “Non è il momento migliore per il rinnovo”
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021