Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Un anno dopo la gioia della vittoria con la Ducati, Petrucci prende atto della promozione di Jack Miller e ammette il suo disappunto, visto che le possibilità di mantenere il posto ora sono estremamente ridotte.

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Se ormai è ufficiale che Jack Miller entrerà a far parte del Factory Team Ducati nel 2021, tutti gli occhi sono puntati sui due attuali piloti della squadra, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Il compagno dell'australiano sarà probabilmente scelto tra loro due, e le voci su una partenza di Petrucci sono in crescita, con il suo stesso manager che ha suggerito che potrebbe andare in Superbike (per rimanere un pilota ufficiale Ducati) o nel team Aprilia in MotoGP.

"Al momento Danilo è fuori dal progetto Ducati in MotoGP. La Ducati ha deciso di puntare su un pilota come Miller, che da tempo è un pallino di Dall'Igna e per Danilo non c'è posto nel team ufficiale" ha detto il suo manager Alberto Vergani a GPOne, assicurando poi: "Dovizioso rimarrà in Ducati, questo è il mio punto di vista. Al 99% credo che Andrea non lascerà la Rossa, ma resterà lì dove è ora".

Riguardo al futuro di Petrucci, poi ha proseguito: "La Ducati potrebbe riposizionarlo in Superbike con Aruba e di conseguenza stiamo valutando la cosa. Al tempo stesso ho iniziato anche a parlare con Aprilia, però al momento non c'è nulla di concreto. Molto dipenderà da cosa farà Iannone nel 2021 e da come si evolverà la situazione legata alla squalifica".

Poi ha aggiunto: "Al momento non c'è una scadenza. Dico così perché il perno del mercato è Dovizioso e tutto ruota intorno a lui. Quando Dovi deciderà cosa fare, poi si sistemeranno tutti gli altri tasselli".

Se da una parte sembra rassegnato all'idea che il suo pilota perda il posto, Alberto Vergani ne difende i risultati, inclusa la vittoria del Gran Premio d'Italia, anche se la seconda metà della sua stagione da pilota ufficiale è stata più complicata.

"Quando Danilo è entrato nel team Factory, nessuno gli ha chiesto di vincere il Mondiale. Lui ha lavorato duramente e in modo onesto, al Mugello ha centrato una vittoria che rimarrà nella storia. Purtroppo il mercato si è deciso nella seconda parte della scorsa stagione".

Leggi anche:

Invitato ieri sera a partecipare ad una diretta su Facebook per Motosprint, Danilo Petrucci non si è fatto illusioni sul suo destino nella sua attuale squadra, alla vigilia dell'ufficializzazione di Jack Miller. Tuttavia, si è rammaricato del fatto che questa decisione sia stata presa prima dell'inizio del campionato, come aveva anticipato qualche giorno fa anche in un'intervista rilasciata a Motorsport.com.

"Sono un po' deluso dal fatto che si prendano certe decisioni quando non si corre. Vorrei che un marchio prendesse decisioni basate sulle prestazioni attuali e reali di un pilota" si è rammaricato. "In questo momento non abbiamo la nostra arma di difesa, che è il risultato, quindi non possiamo fare altro che aspettare senza poter mostrare i nostri risultati".

"Ho sempre avuto qualche difficoltà a capire come possano scegliere i piloti prima dell'inizio della stagione, quindi un anno prima del previsto e senza sapere cosa potrebbe succedere nell'anno in corso. Non sono nella politica di un team ufficiale, ma vedo che sono molto ansiosi di trovare i loro piloti il prima possibile. Non so perché. In passato prendevano queste decisioni ad agosto o a settembre".

Con un solo posto da assegnare nella squadra ufficiale, Petrucci ha detto di essere "dispiaciuto" di dover essere in competizione con il suo compagno di squadra Dovizioso, che è anche un amico.

"A parte il fatto che Andrea è un pilota molto forte, che è stato vice-campione del mondo negli ultimi tre anni, ho molto rispetto per lui e anche una forma di amicizia. Ma questo è anche il caso di Jack. Ci conosciamo da quando eravamo giovani, quando lui era in Moto3 e io ero praticamente l'ultimo in MotoGP. Ci divertivamo molto quando ci incontravamo fuori dalla pista e poi l'anno scorso siamo andati anche a fare motocross insieme. In pista tutti combattiamo l'uno contro l'altro, ma purtroppo è così, tutti devono pensare a ciò che è meglio per loro. Sia i piloti che i marchi".

"All'inizio c'è stata un po' di delusione, perché come ho detto, non posso mostrare i miei perché non corriamo, ma se le cose stanno così, ho ancora una grande opportunità quest'anno di correre con la Ducati e di meritarmi il posto con i risultati" ha detto, aggiungendo: "Dovranno scegliere tra me ed Andrea, ma non ho ancora ricevuto alcuna proposta, nessuna indicazione".

condivisioni
commenti
MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Articolo precedente

MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Prossimo Articolo

MotoGP, Álex Márquez: “Non è il momento migliore per il rinnovo”

MotoGP, Álex Márquez: “Non è il momento migliore per il rinnovo”
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021