Petrucci: "Ieri avrei firmato per chiudere a tre decimi da Vinales"

Il pilota della Ducati Pramac è soddisfatto della bella rimonta fino al settimo posto sfoderata nella gara di Jerez. Ora però l'obiettivo è migliorare in qualifica con la gomma morbida per tornare ad entrare in Q2.

Petrucci: "Ieri avrei firmato per chiudere a tre decimi da Vinales"
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Valentino Rossi, Yamaha Fact
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Danilo Petrucci, Pramac Racing

La giornata positiva che ha vissuto la Ducati a Jerez, con il primo podio di Jorge Lorenzo, si è completata con la bella rimonta sfoderata da Danilo Petrucci. Scattato dalla 13esima posizione, il portacolori del Pramac Racing è risalito fino alla settima, chiudendo davvero ad un soffio dalla Yamaha di Maverick Vinales e battagliando anche con l'altra M1 di Valentino Rossi, che ha finito alle sue spalle.

La sua partenza purtroppo non è stata particolarmente brillante e, sommata alla posizione arretrata in griglia, ha reso subito in salita la sua corsa: "La mia posizione di partenza non mi ha aiutato, ma sono due gare che manco l'accesso alla Q2, perché lavoro soprattutto in ottica gara e poi faccio fatica a sfruttare la gomma morbida. Così ero 15esimo alla prima curva e non è stato facile".

La sua Desmosedici GP però oggi aveva un buon ritmo e quindi ne è nata una bella rimonta, oltre al duello con il "Dottore": "Avevo una buona moto, specialmente in frenata, quindi ho avuto modo di fare diversi sorpassi, arrivando a prendere anche Valentino. L'ho passato all'ultima curva, ma lui mi ha infilato di nuovo alla prima staccata. Questo ha creato un piccolo gap nei confronti di Vinales, quindi ho dovuto spingere per cercare di riprenderlo".

Poi ci ha provato in tutti i modi ad andare a riprendere Vinales, ma non è stato possibile. "Petrux" comunque sembra soddisfatto: "A due giri dalla fine avevo mezzo secondo di distacco, perché lui riusciva sempre a copiare i miei tempi sul giro. Ci ho provato fino alla fine, ma all'ultimo settore ero a quattro decimi, quindi non l'ho potuto attaccare all'ultima curva. Comunque sono contento, perché se ieri mi avessero detto che sarei arrivato a tre decimi da Vinales, avrei risposto: 'ok, dove devo firmare?'".

La gara odierna rappresenta un passo nella direzione giusta, ma ora bisogna continuare a migliorare, soprattutto in qualifica: "Ho chiuso ad un paio di secondi da Dovizioso e a circa dieci da Lorenzo. Questo significa che c'è ancora del margine per migliorare. Sicuramente devo lavorare sul sabato per cercare di migliorare la mia posizione di partenza. Il format non mi piace, ma è lo stesso per tutti, quindi è colpa mia se non riesco ad entrare in Q2".

Informazioni aggiuntive di Mitchell Adam

condivisioni
commenti
Aprilia: un problema al selettore del cambio ha rallentato Espargaro

Articolo precedente

Aprilia: un problema al selettore del cambio ha rallentato Espargaro

Prossimo Articolo

Fotogallery: il successo di Dani Pedrosa nel GP di Spagna di MotoGP

Fotogallery: il successo di Dani Pedrosa nel GP di Spagna di MotoGP
Carica commenti
Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria Prime

Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria

Marc Marquez ha attraversato l'inferno ed è tornato nei 581 giorni trascorsi tra la sua vittoria nella gara conclusiva del 2019 e il ritorno al successo di domenica scorsa al Sachsenring. Nonostante stia ancora lottando con i suoi limiti fisici ed una Honda 2021 difficile da guidare, il Sachsenring ha fornito allo spagnolo la tempesta perfetta per tornare sul gradino più alto del podio.

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021