Petrucci: "Grazie Ducati! Ora sono curioso di scoprire la KTM"

L'addio è stato deludente con il 16esimo posto di Portimao e, nonostante qualche rimpianto, Danilo è grato alla Ducati per averlo portato fino alla vittoria in MotoGP. Dopo sei anni in Rosso, è impaziente di iniziare la nuova avventura con la KTM

Petrucci: "Grazie Ducati! Ora sono curioso di scoprire la KTM"

La domenica di Portimao è stata quella di tanti addii e quello in casa Ducati è stato doppio. Oltre ad Andrea Dovizioso, anche Danilo Petrucci ha infatti concluso la sua avventura in Rosso, un percorso durato ben sei anni, quattro sotto l'insegna del Pramac Racing e due con il Factory Team di Borgo Panigale.

Un capitolo che si è chiuso con più dolori che gioie in questo strano 2020, nel quale comunque "Petrux" è riuscito a piazzare la zampata della sua seconda vittoria in carriera sotto alla pioggia di Le Mans, dopo quella strepitosa dello scorso anno al Mugello. Due successi a cui ha saputo aggiungere altri otto podi e la ciliegina del titolo Costruttori 2020 conquistato dalla Ducati.

Come è normale che sia in un lasso di tempo così ampio, ci sono anche dei rimpianti per il pilota di Terni, che però è soprattutto grato ai vertici della Rossa per avergli permesso di mostrare le sue capacità in MotoGP.

"A posteriori, rimpianti ce ne sono tanti. Avrei potuto vincere la mia prima gara molto prima. La prima volta che sono andato in testa, ad Assen nel 2017, la gara è stata interrotta e poi mi si è rotta la moto. Nella gara dopo al Sachsenring, sono caduto quando ero in testa" ha detto Petrux dopo la gara di Portimao, conclusa solamente al 16esimo posto.

"A posteriori è facile dire dove si poteva fare meglio, ma ho dato sempre il massimo. A volte mi è venuto bene, tante altre volte no. Comunque non posso che ringraziare Ducati per questi sei anni, soprattutto per le due vittorie, perché vincere in MotoGP è un sogno che rincorrevo da quando ero un bambino" ha aggiunto.

Il suo 2020 probabilmente è stato in parte condizionato dalla decisione della Ducati di non confermarlo ancora prima che iniziasse il campionato. Il rovescio della medaglia è che questa bocciatura molto anticipata gli ha permesso di accasarsi alla KTM Tech 3 per il 2021.

Leggi anche:

"Sicuramente è stata una situazione molto strana, ma lo è stato quello che è successo in tutto il mondo quest'anno. Guardando indietro, il giorno che Gigi (Dall'Igna) mi ha chiamato e mi ha detto che non sarei più stato nel Factory Team è stato brutto, perché mi sono sentito come se avessi fallito la mia missione".

"Ripensandoci, però, devo dirgli grazie perché questo mi ha permesso di trovare posto in un altra Casa molto competitiva, come la KTM, quindi sono contento che Gigi mi abbia licenziato all'inizio della stagione (ride)".

Per provare la RC16 dovrà attendere il prossimo anno, ma la sua avventura con la Casa austriaca inizierà subito, perché andrà a lavorare in galleria del vento per ottimizzare la posizione sulla sua nuova moto.

"Sono molto curioso di provare la KTM, anche se purtroppo potrò farlo solo l'anno prossimo perché hanno perso le concessioni. La settimana prossima faremo già un po' di lavoro in galleria del vento, perché comunque quest'anno abbiamo già visto che la velocità di punta è stata un problema per me. Ma sono molto curioso, perché sicuramente avevo bisogno di cambiare aria".

La KTM ha dimostrato di essere una moto molto versatile, riuscendo a vincere due gare con un pilota dalla guida molto fluida e pulita come Miguel Oliveira, ma essendo spesso e volentieri da podio anche con Pol Espargaro, che invece ha uno stile piuttosto aggressivo. Questo è uno dei motivi che hanno spinto Danilo a puntare sulla Casa di Mattighofen.

"Una delle cose che mi hanno convinto quando sono stato in fabbrica è che Mike Leitner mi ha detto che hanno fatto un grandissimo step da quando è arrivato Pedrosa, che è un pilota molto fine, ma non frena forte come Pol Espargaro. Questo vuol dire che si può guidare in entrambi i modi. Quest'anno hanno fatto dei risultati importanti, hanno vinto tre volte, quindi sono molto curioso di provarla".

Il 2021 sarà un anno fondamentale per la carriera di "Petrux", nel quale dovrà assolutamente riscattare questo 2020 al di sotto delle aspettative, altrimenti rischia che le prove di appello siano terminate per lui.

"Cambiare marchio è una cosa che in una carriera succede poche volte, ma per me sarà un anno cruciale. Ho cominciato nel 2012 che ero il più giovane sulla griglia, ma l'anno prossimo sarò il terzo più vecchio, quindi sarà una stagione un po' 'lascia o raddoppia': se non faccio bene, non credo che avrò troppe occasioni. Ma credo che mi farà molto bene cambiare aria, cambiare metodo di lavoro, e sono molto curioso".

La moto non sarà la sua sola novità, visto che approderà nel team Tech 3, una squadra completamente inedita per lui, che non ha ancora avuto modo di conoscere.

"Non conosco molte persone, ma conosco bene Hervé (Poncharal), che è sempre una persona molto gentile e simpatica. Sono molto ansioso di poter lavorare con la squadra, anche se ancora non conosco tutti i ragazzi, perché sono stato alla KTM, ma non sono mai stato in Tech 3. Ma ci sarà tempo, per ora ci tengo solo a ringraziare la Ducati".

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo Costruttori. Luigi Dall'Igna, General Manager di Ducati Corse, Johann Zarco, Avintia Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team, Jack Miller, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo Costruttori. Luigi Dall'Igna, General Manager di Ducati Corse, Johann Zarco, Avintia Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team, Jack Miller, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo costruttori. Luigi Dall'Igna, Direttore Generale Ducati Corse, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team
Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo costruttori. Luigi Dall'Igna, Direttore Generale Ducati Corse, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: il palmarès completo della stagione 2020
Articolo precedente

MotoGP: il palmarès completo della stagione 2020

Prossimo Articolo

Report LIVE MotoGP: commentiamo il GP Portogallo

Report LIVE MotoGP: commentiamo il GP Portogallo
Carica commenti
Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez Prime

Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez

Fabio Quartararo può a ben ragione essere considerato l'alternativa del presente a Marc Marquez. Il francese, neo iridato MotoGP, ha conquistato il titolo a Misano dopo una stagione in cui ha dato spettacolo in lungo e in largo. Ed in vista del 2022...

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre” Prime

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Valentino Rossi è stato la star indiscussa del fine settimana di MotoGP dove comunque è stato incoronato il nuovo campione del mondo, Fabio Quartararo. Il pilota di Tavullia ha ricevuto un'ovazione clamorosa dal suo pubblico - e non solo - e, come ha ammesso scherzando

MotoGP
27 ott 2021
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021