Petrucci: "Giornata complicata, abbiamo provato molte novità"

Danilo ha chiuso con il quarto tempo a due decimi di ritardo da RIns ma è apparso amareggiato per i pochi giri percorsi in pista a causa delle numerose novità provate oggi.

Petrucci: "Giornata complicata, abbiamo provato molte novità"
Carica lettore audio

Dopo una prima sessione di test a Sepang certamente non entusiasmante, Danilo Petrucci è giunto in Qatar con la necessità di dare delle risposte ai tanti interrogativi sorti in Malesia.

Stando a quanto recita la classifica dei tempi, Danilo è riuscito a raggiungere l’obiettivo. Il pilota della Ducati, infatti, ha chiuso la prima giornata di prove con il quarto tempo in 1’54’’634, a soli 2 decimi dal miglior crono firmato Rins, e si è tolto anche lo sfizio di essere il migliore dei piloti Ducati.

La classifica dei tempi, tuttavia, non rivela tutto. Danilo, insieme con Dovizioso, ha passato la prima giornata a provare numerose novità, tra le quali anche l’utilizzo del sistema holeshot durante la guida,  ma ha anche trascorso molto tempo fermo ai box percorrendo soltanto 41 giri.

“E’ stata una giornata abbastanza complicata perché non abbiamo avuto molto tempo per girare e dovevamo provare moltissime cose. Abbiamo avuto un po’ di problemi, però devo dire che il mio feeling con la moto era buono”.

Nonostante una sintonia con la sua Ducati che sembra essere decisamente migliorata rispetto ai primi test stagionali, Petrucci non ha nascosto la propria delusione nel non essere stato in grado di passare più tempo in sella alla sua Desmoseidici GP.

“Sono stato il primo a scendere in pista e l’ultimo ad uscire, ma sono anche stato quello che ha fatto il minor numero di giri perché sono rimasto molto tempo fermo ai box. Dovevamo provare delle cose nuove e non tutte hanno funzionato”.

Leggi anche:

Petrucci non ha proferito parola in merito alle prove riguardanti l’utilizzo del sistema holeshot durante la guida, ma ha invece parlato di una piccola modifica relativa al freno posteriore poi scartata.

“Volevo provare il nuovo freno posteriore a indice. Ci sono dei lati postivi e negativi. E’ molto difficile capire come usarlo, servirebbe un’intera giornata. Per questo motivo siamo tornati al freno al pollice”.

Il tempo di 1’54’’634 è stato certamente un segnale positivo, anche se il tracciato del Qatar è storicamente favorevole alla Ducati, ma Danilo non ha voluto focalizzarsi sul responso del cronometro.

“Sono riuscito a fare un buon tempo, ma non è questo quello che mi interessa. Preferisco concentrarmi sulla comprensione delle gomme. Credo che siamo andati meglio che a Sepang”.

Petrucci, infine, ha analizzato la concorrenza per la stagione 2020. Secondo Danilo quest’anno la lotta sarà molto serrata e tra i protagonisti ci saranno sicuramente i piloti della Suzuki e della Yamaha.

“Ci sono molti piloti veloci, è molto facile finire fuori dalla top ten. Dobbiamo migliorare sul passo gara e cercare di passare più tempo in pista. Vorrei girare un po’ di più per capire le condizioni reali. Sicuramente le Suzuki e le Yamaha sono molto veloci, però possiamo giocarcela”.

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Danilo Petrucci, Team Ducati
Danilo Petrucci, Team Ducati
1/6

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Team Ducati
Danilo Petrucci, Team Ducati
2/6

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
3/6

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
4/6

Foto di: motosport.com

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
5/6

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
6/6

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: la prima giornata dei test in Qatar
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: la prima giornata dei test in Qatar

Prossimo Articolo

Quartararo: "Nel 2019 6 pole e 0 vittorie, voglio invertire!"

Quartararo: "Nel 2019 6 pole e 0 vittorie, voglio invertire!"