Petrucci: "Gara difficile, si è sfilata la manopola del manubrio"

Danilo Petrucci ha chiuso il GP di Valencia in quindicesima posizione, ma la gara già difficile è stata resa più complessa da un imprevisto: ha corso infatti senza manopola del manubrio.

Petrucci: "Gara difficile, si è sfilata la manopola del manubrio"

Una stagione già complicata continua ad essere un calvario per Danilo Petrucci, che a Valencia non riesce a raccogliere quanto sperato e non va oltre il quindicesimo posto finale.

La gara del pilota Ducati è stata resa più dura non solo dagli ormai noti problemi che si porta dietro, ma da un imprevisto che non gli era mai capitato. Dal quinto giro infatti ha lottato contro la manopola del manubrio sinistro che si è sfilata: "Speravo di fare un po' meglio, sinceramente non ho fatto una buona partenza, sono rimasto imbottigliato alla seconda curva. Il problema principale è che dal quinto giro ha cominciato a sfilarsi la manopola dal manubrio sinistro e al 12esimo si è sfilata del tutto. Quindi già, a parte che era una cosa che non ho mai visto".

"Non mi era mai capitato di fare una gara MotoGP senza una manopola, già le condizioni erano abbastanza difficili, così è stata veramente dura. Ho una spalla e la schiena a pezzi. Se non altro sono riuscito a capire che si stava sfilando e man mano ho cercato di rimetterla, ma figuriamoci. Si è sfilata del tutto e ho continuato, ma la gara è stata veramente difficile finirla. Più che altro il positivo è che non si è sfilata in una curva a sinistra e non sono caduto".

Leggi anche:


Archiviata anche la doppia gara di Valencia, Petrucci si proietta ora verso Portimao. In Portogallo infatti, la MotoGP approderà per la prima volta e disputerà l'ultimo appuntamento della stagione, che il ternano attende con entusiasmo: "Non sappiamo se Portimao sia adatta ed effettivamente cosa potrà succedere. Sicuramente è una pista nuova che mi piacerebbe provare con la MotoGP, per questo ho sempre detto che non vedo l'ora, è una delle piste più belle dove ho mai girato e sono veramente curioso, ma è un punto interrogativo per tutti".

"Non abbiamo mai girato lì con la MotoGP, abbiamo un po' di dati di Pirro, quindi magari sappiamo la direzione che possiamo prendere, ma sono fiducioso. Anche perché quella di oggi è stata una sfortuna grande, non ho mai visto succedere una cosa del genere, non so se sia stata una manopola difettosa, ma non credo sia stata colpa del team".

La gara di Portimao sarà anche l'ultima con la Ducati, prima di passare in KTM. L'italiano però ricorderà questa esperienza con grande piacere: "È stata sicuramente una grandissima avventura, sono contento di quello che ho fatto, sono felice che Ducati mi abbia dato la possibilità per la prima volta nella mia carriera di correre con una moto ufficiale. Ci ho vinto due volte, sono cntento di quello che ho fatto. Chiaro, a volte sarei potuto andare meglio, ma io ho fatto sempre il meglio che potevo. A posteriori è molto più facile dire cosa si poteva fare di meglio, ma ringrazio sempre Ducati che mi ha permesso di salire sul podio tante volte e di vincere gare in MotoGP. Per questo sarò sempre riconoscente, mi hanno dato tanto e spero che in loro ci sia un ricordo bello".

Alla luce di una stagione difficile, ma comunque con qualche soddisfazione, qual è stato il vero problema di Ducati? Petrucci spiega: "Se vedo la gara che ha fatto Jack, direi che comunque la moto può vincere delle gare, quest'anno le abbiamo anche vinte. Però è chiaro che tutti gli altri, nel 2017 la moto era superiore, si sono avvicinati. Che cosa fare di megio sinceramente non lo so, perché comunque penso che questo sia un aspetto riservato agli ingegneri. Quest'anno la gomma nuova ci ha messo molto in difficoltà e ha favorito pregi di altre moto. Ma bene o male c'è stato sempre qualcuno che in Ducati è andato forte, Zarco, Miller, Dovi, Pecco in qualche gara, io a Le Mans. Magari c'è da massimizzare tutto quello che c'è da ottimizzare. Più che altro ne abbiam provate tante in questi anni, ma quello che è più cambiato quest'anno è stata la gomma e siamo stati fermi senza fare test e non c'è stata occasione di provare pezzi nuovi almeno per me". 

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Mir apre una nuova era con Suzuki
Articolo precedente

Report MotoGP: Mir apre una nuova era con Suzuki

Prossimo Articolo

MotoGP: Mika Kallio sostituisce Lecuona a Portimao

MotoGP: Mika Kallio sostituisce Lecuona a Portimao
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021