Petrucci furioso con Lecuona: “Manovra stupida, fa sempre così”

Danilo Petrucci ha gettato alle ortiche la gara al Sachsenring ma non per colpa sua. Finito a terra a causa di un contatto con Alex Marquez al quarto giro, il pilota Tech 3 sostiene che la colpa di quanto accaduto sia da attribuire a Iker Lecuona, sempre troppo aggressivo e recidivo in manovre che definisce 'stupide'.

Petrucci furioso con Lecuona: “Manovra stupida, fa sempre così”

Continua senza sosta il calvario di Danilo Petrucci, che in Germania sperava di trarre qualcosa di buono eppure si è visto costretto a terminare la gara con largo anticipo a causa di una caduta di cui si è reso incolpevole protagonista. Al Sachsenring infatti il pilota Tech 3 è finito nella ghiaia al quarto giro a seguito di un contatto con Alex Marquez, episodio che la Direziona Gara ha messo subito sotto investigazione salvo poi non prendere alcun provvedimento.

Tuttavia, il ternano afferma di non essere arrabbiato con lo spagnolo del team LCR, ma con Iker Lecuona. Petrucci sostiene infatti che la perdita di controllo della Honda da parte di Marquez è stata dovuta a una manovra aggressiva dell’altro pilota Tech 3, che al contrario dei due ha proseguito la gara, pur terminando nelle retrovie.

Petrucci spiega l’incidente: “In poche parole, Marquez è caduto e sono caduto sopra la sua moto, ma il problema è che lui ha frenato forte come ha fatto Lecuona. Lui per me ha fatto una manovra molto stupida in pochi giri, perché tutti aspettavamo, eravamo tutti in fila. Avevo fatto una buona partenza ed ero lì, sicuramente avrei avuto la possibilità di passare i piloti davanti a me. Ma se vedi tutti gli altri piloti, nessuno passava perché mancavano 25 giri alla fine della gara quando sono caduto e in questa gara bisognava solo aspettare”.

“Ma lui spingeva tanto – prosegue – mi ha sorpassato due volte, alla Curva 1 eravamo in fila. Ha frenato più forte, Marquez era dietro di lui e ha frenato con il suo riferimento. Iker è andato largo, Marquez è andato largo e io mi sono trovato la sua moto sotto le mie ruote. Ci sono parole per descriverlo, perché avevamo fatto un buon weekend, una buona partenza e stavamo solo aspettando. Sono molto deluso da Iker, perché deve capire che ci sono altri 21 piloti intorno a lui e continua ad essere molto aggressivo già nei primi giri. Fa così in tutte le gare e non serve a niente, perché fa tutto questo per poi finire in fondo a non so quanti secondi dal vincitore.  Se ho parlato con lui? No, credo che l’unica cosa che posso fare è qualificarmi meglio e stare lontano da lui, così lui farà tutto da solo nella prossima gara”.

Leggi anche:

La domenica di Petrucci è finita nella ghiaia di Curva 1 nelle fasi iniziali di gara, gettando via di fatto la possibilità di ottenere un buon risultato dopo molto tempo. Su una pista tortuosa e dove non ci sono troppi rettilinei lunghi come il Sachsenring, la KTM sembrava andare molto meglio e il ternano si sentiva decisamente meglio, puntando anche alla top 10.

Il risultato invece è tutt’altro che positivo e il pilota Tech 3 lo sottolinea: “Facendo così rovina il lavoro di un weekend di un team intero, perché eravamo all’inizio, poteva solo aspettare. Se fosse stato buono avremmo perso la top 10 o conquistato qualche punto, invece ora collezioniamo uno zero anche come team e non c’è molto altro da dire. Il mio obiettivo in gara era quello di fare la top 10 ed ero 12esimo quando sono caduto, quindi era un target possibile. Eravamo tutti uno dietro l’altro per gestire le gomme, perché non sono un campione del mondo ma corro al Sachsenring da dieci anni, quindi so come funzionano le cose qui. Si tratta di gestire le gomme senza attaccare, bisogna spingere negli ultimi dieci giri se ti restano gomme. È un po’ deludente essere messo sul suo stesso livello”.

A dispetto del risultato finale però, Petrucci fa un bilancio generale del Gran Premio di Germania e ritiene che tutto sommato non sia così negativo, anzi: “Sono contento più che altro perché mi sto avvicinando a guidare la moto andando nella direzione in cui stanno andando i due piloti del team ufficiale. Mi sono sentito bene e anche nel warm-up con gomme usate siamo stati competitivi. Sono contento della moto, è il primo weekend in cui mi sono risentito bene in moto, infatti fortunatamente corriamo subito ad Assen. Certo, sarebbe stato bello festeggiare finendo il weekend in top 10 come avevo detto il sabato dopo la qualifica. Però niente, non è andata così”.

condivisioni
commenti
MotoGP 2021: orari TV di Sky, TV8 e DAZN del GP d'Olanda

Articolo precedente

MotoGP 2021: orari TV di Sky, TV8 e DAZN del GP d'Olanda

Prossimo Articolo

Bastianini: "Petrucci dorme da inizio stagione, deve stare calmo"

Bastianini: "Petrucci dorme da inizio stagione, deve stare calmo"
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021