MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
84 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
112 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
161 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
252 giorni

Petrucci: “Contento della prima fila, in gara possiamo gestire”

Il pilota Ducati rimonta dopo il passaggio per la Q1 e torna in prima fila a Le Mans. Petrucci è soddisfatto del lavoro svolto sulla sua Desmosedici GP e punta a confermare il risultato della qualifica anche in gara.

Petrucci: “Contento della prima fila, in gara possiamo gestire”

È un Danilo Petrucci finalmente sorridente quello che si vede al termine delle qualifiche del Gran Premio di Francia. Il pilota Ducati ritrova la prima fila dopo le enormi difficoltà di questa stagione che lo ha visto sempre scattare dalle posizioni di rincalzo, ma nella gara di domani porterà la sua Desmosedici GP sulla terza casella della griglia. Il ternano paga 359 millesimi da Fabio Quartararo, imprendibile detentore della pole position e riesce ad essere il miglior ducatista dopo molto tempo.

Il risultato odierno non sorprende Petrucci, che ama particolarmente il Circuito di Le Mans, dove nelle ultime due stagioni ha collezionato un secondo ed un terzo posto in gara. Unico neo di questo sabato così soddisfacente è il passaggio per la Q1, che però lo ha reso autore di una bella rimonta: “Sono molto contento, perché sapevo di poter fare un buon weekend, ma nel mio ultimo run nelle FP4 avevo visto che non era possibile fare un buon giro perché c’era la bandiera gialla, quindi sono dovuto passare per il Q1. Mi è sempre piaciuto questo circuito, ma già da Barcellona mi sono trovato meglio, solo che qui a Le Mans non ci sono rettilinei così lunghi come a Barcellona”.

Leggi anche:

Petrux dunque è ottimista in vista del weekend, il tracciato si adatta particolarmente bene alle caratteristiche della propria moto e spera di ribaltare la situazione disastrosa di Barcellona, dove ha sofferto particolarmente anche nella velocità di punta, storicamente uno dei punti forti della Ducati: “La top speed è uno dei punti forti di Ducati, ma a Barcellona abbiamo notato che è stato un problema sul rettilineo. Non sappiamo perché, forse il mio peso è più importante rispetto a quello degli altri piloti, ma è lo stesso della scorsa stagione. Proprio a Barcellona lo scorso anno sono riuscito a difendere la mia posizione, ma quest’anno no. Non abbiamo capito esattamente perché. C’è da considerare che questo è uno dei punti deboli”.

Il Gran Premio di Catalogna però ha permesso di capire alcune cose e di arrivare a Le Mans con le idee chiare: “Già prima dell’inizio del weekend sapevamo che tipo di lavoro fare sulla moto, su questo tracciato bisogna andare forte con le frenate, abbiamo fatto degli aggiustamenti per avere maggiore stabilità. Ma penso che sia importante sapere che si può attaccare e difendere, anche se ci sono molti piloti che lotteranno per il podio. Tutti i piloti lotteranno, ma partire davanti permette di gestire meglio”.

“Non so perché sono veloce qui – prosegue Petrucci – il circuito mi è sempre piaciuto, c’è molto flow, non ci sono curve troppo strette. Quest’anno ho un po’ di difficoltà con le frenate, che in realtà sono uno dei miei punti forti. Ma a Barcellona abbiamo notato qualcosa di interessante e qui lo possiamo utilizzare per essere forti. Anche la temperatura bassa ci aiuta a non far andare esageratamente in temperatura le gomme. Forse questo è uno degli altri motivi per cui riusciamo ad essere efficaci”.

Danilo Petrucci, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing

Danilo Petrucci, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing
1/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Danilo Petrucci, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
2/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing Danilo Petrucci, Ducati Team

Jack Miller, Pramac Racing Danilo Petrucci, Ducati Team
3/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
4/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
5/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
6/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
7/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
8/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
9/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
10/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
11/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
12/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
13/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
14/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT Danilo Petrucci, Ducati Team

Jack Miller, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT Danilo Petrucci, Ducati Team
15/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
16/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Danilo Petrucci, Ducati Team

Jack Miller, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Danilo Petrucci, Ducati Team
17/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi: "Vorrei Marini con Avintia, ma VR46 non va in MotoGP"

Articolo precedente

Rossi: "Vorrei Marini con Avintia, ma VR46 non va in MotoGP"

Prossimo Articolo

Quartararo: "In gara sarò aggressivo ma userò la testa"

Quartararo: "In gara sarò aggressivo ma userò la testa"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Francia
Sotto-evento Qualifica 2
Location Le Mans Circuit Bugatti
Piloti Danilo Petrucci
Team Ducati Team
Autore Lorenza D'Adderio
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021