Petrucci: "Col caldo la Ducati fatica sul passo gara"

Il pilota della Ducati ha faticato in entrambe le sessioni e soprattutto nelle FP2 ha lamentato una scarsa aderenza sul passo gara dovuta sia alle nuove gomme che alle temperature elevate dell'asfalto.

Petrucci: "Col caldo la Ducati fatica sul passo gara"

E’ stato un venerdì complicato quello vissuto a Jerez da Danilo Petrucci. Il pilota della Ducati si è ristabilito fisicamente, ma i problemi della sua moto non sembrano essere ancora risolti ed oggi ha chiuso entrambe le sessioni fuori dalla top ten con un gap dalla vetta di 9 decimi al mattino ed 8 al pomeriggio.

Il caldo sembra essere il fattore che mette maggiormente in crisi le moto di Borgo Panigale e Petrucci ha ammesso come la gestione gomme sulla lunga distanza sia uno dei problemi che inficiano le sue prestazioni.

“Sia il caldo che la nuova gomma hanno influito nelle prestazioni della moto. Jerez non è mai stata una pista favorevole a Ducati, ma lo scorso anno nelle FP3 col fresco ho chiuso con il quinto tempo. Le gomme sono cambiate e sicuramente non ci hanno aiutato per risolvere il problema di grip con il caldo”.

Il pilota della Ducati ha poi voluto sottolineare come per riuscire a tenere il passo dei migliori sia costretto a stressare eccessivamente la gomma posteriore.

“Dovremo essere rapidi senza consumare la gomma, ma per seguire Vinales o Quartararo dovremo usare tutte le nostre armi come la trazione o la frenata. Purtroppo possiamo tenere il loro passo soltanto per i primi giri, non per tutti e venticinque. Il problema principale è il caldo che ci mette in difficoltà. Dovremo cercare di far girare di più la moto per insistere di meno sulla gomma”.

 “I primi tre giri la situazione è sotto controllo ma poi le temperature si alzano tantissimo e non riusciamo a mantenere un passo costante”.

Secondo Danilo sarà fondamentale lavorare al massimo domani mattina per avere una moto maggiormente guidabile in qualifica. Petrucci ha poi ammesso che per riuscire a passare il turno sarà fondamentale scendere sotto l’1’37’’ per non avere problemi.

“Dobbiamo togliere quei tre decimi che costano parecchie posizioni sulla griglia ed il momento chiave sarà domani mattina. Il lavoro che si svolgerà domani varrà il 30% della gara”.

“Credo che non sarà sufficiente fare un 37 basso per entrare in Q2 come dice Pecco. Bisogna considerare anche quanto è successo la scorsa settimana quando ho fatto un 37’’3 e non sono entrato per un decimo e mezzo. Credo che il limite massimo sarà 37’’1”.

Tra i piloti che oggi hanno stupito ci sono certamente i portacolori della KTM. Pol Espargaro ha chiuso la FP2 con il terzo crono ed identico risultato è stato ottenuto al termine delle FP1 da Binder, mentre nella seconda sessione di libere il sudafricano ha centrato l’undicesimo riferimento piazzandosi davanti sia alla Ducati di Dovizioso che a quella di Petrucci.

Le moto austriache potranno essere un avversario in più anche nelle prossime gare che, sulla carta, sono favorevoli alla Ducati?

“La KTM ha il vantaggio di aver provato sia in Austria che in Repubblica Ceca e questo è certamente un vantaggio, ma anche ad Jerez tutti e quattro i piloti sono davanti. E’ una Casa che è arrivata a giocarsela con i top. Espargaro è arrivato ad un secondo dal podio la scorsa settimana, Binder ha avuto un passo gara impressionante, Oliveira mi è arrivato davanti ed ho avuto Lecuona per tanto tempo dietro”.

“Sicuramente è una moto che va forte, ma loro possono sfruttare alcune agevolazioni e saranno un problema in più per noi sia a Brno che in Austria”.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/18

Foto di: Honda Racing

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Danilo Petrucci, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/18

Foto di: MotoGP

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

 

condivisioni
commenti
Quartararo: “Venerdì usato come test, mi sento forte e pronto”

Articolo precedente

Quartararo: “Venerdì usato come test, mi sento forte e pronto”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP di Andalusia

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP di Andalusia
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021