Petrucci attacca: "Giudizi diversi su incidenti uguali"

Il pilota della Ducati mette nel mirino l'operato dei commissari FIM, sottolineando che non c'è una linea univoca che viene seguita nel giudicare gli episodi.

Petrucci attacca: "Giudizi diversi su incidenti uguali"

La stagione 2020 è iniziata in salita per Danilo Petrucci. La nuova costruzione posteriore della Michelin ha creato dei bei grattacapi ai piloti della Ducati, ma quello che sembra averne risentito di più è proprio il ternano, che nelle prime quattro uscite ha raccolto appena 20 punti, con un settimo posto come miglior risultato.

E' normale quindi che ci sia un po' di malumore per "Petrux", accentuato dal doppio podio della settimana scorsa delle altre due Desmosedici GP di Andrea Dovizioso e Jack Miller.

"E' un po' un mix di emozioni, sono molto motivato a tornare davanti. Un po' deluso perché ce n'è sempre una che esce fuori. Però voglio riprovare a vincere con la Ducati ed è il mio obiettivo per quest'anno, quindi è chiaro che sono deluso dei miei risultati, ma sono molto motivato a cercare di risolvere i miei problemi. Mi dispiace molto non essere competitivo come gli altri che hanno la mia moto, specialmente nell'ultima gara" ha detto Petrucci.

"Non è che a Brno ero più contento perché eravamo andati tutti male, però al Red Bull Ring le due Ducati che erano sul podio sono come la mia, quindi mi aspetterei di riuscire a lottare con loro e se non ci riesco sono deluso, ma voglio trovare il bandolo della matassa" ha aggiunto.

Leggi anche:

Negli ultimi giorni, dopo l'incidente di Johann Zarco e Franco Morbidelli, si è parlato del fatto che i commissari FIM spesso hanno dei tempi di reazione troppo lunghi e prendono decisioni differenti su episodi simili. Su questo, il ducatista è stato piuttosto critico.

"Nessuno dei piloti di MotoGP è contento del loro operato. Non è facile mettere tutti d'accordo e questo è chiaro, però di sicuro noi ci lamentiamo perché vengono dati dei giudizi diversi per la stessa tipologia di incidente. I top rider vengono giudicati in una maniera, quelli della Moto3 in un'altra e quelli che magari sono più indietro in un'altra ancora".

"Viene posta l'attenzione su cose come se stai mezzo centimetro fuori da una linea piuttosto che su comportamenti più o meno sbagliati. Ne discuteremo domani in Safety Commission, ma non è facile mettere d'accordo tutti. Anzi, è impossibile, perché ognuno ha le proprie opinioni, però almeno se si sceglie una linea è giusta mantenere quella, anche se non credo che sia facile fare il loro lavoro".

Poi ha detto la sua anche sul luogo dell'incidente, l'ormai famigerata piega della curva 2 del Red Bull Ring, che secondo lui andrebbe "raddrizzata" proprio per favorire la sicurezza delle MotoGP.

"Le MotoGP sono gli unici veicoli che devono frenare per fare la curva 2. Per noi è una curva vera e propria, quindi io penso che fare la staccata un po' più dritta, come alla curva 4, potrebbe aiutare. Anche perché, frenando piegati, non lo facciamo tutti alla stessa maniera, quindi c'è chi sta più stretto e chi sta più largo. Poi, essendo un punto di frenata, è un punto in cui si può provare a sorpassare e un pilota se può passare ci prova".

Guarda il Gran Premio BMW M di Stiria live su DAZN. Attiva ora

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Danilo Petrucci, Ducati Team, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
13/15

Foto di: MotoGP

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: nessuna sanzione per Pol Espargaro e Oliveira

Articolo precedente

MotoGP: nessuna sanzione per Pol Espargaro e Oliveira

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Pene più severe per chi va oltre i limiti della pista"

Dovizioso: "Pene più severe per chi va oltre i limiti della pista"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021