Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"

Razlan Razali, team principal della Yamaha Petronas, ed il direttore sportivo Johan Stigefelt, analizzano l'arrivo in squadra di Valentino Rossi nel 2021.

Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"
Carica lettore audio

Dopo 20 anni , Valentino Rossi non sarà più in una squadra ufficiale in MotoGP e tornerà in un team satellite. L'italiano ha debuttato nella classe regina - allora 500cc - con la Honda Nastro Azzurro nel 2000 e con loro ha vinto il titolo un anno dopo. Da lì, si è trasferito alla Honda Repsol l'anno successivo, rimenendovi fino al 2004, quando poi è passato in Yamaha.

Da allora, è sempre stato con il factory team della Casa di Iwata, ad eccezione del 2011 e del 2012, anni in cui ha difeso i colori della Ducati, quindi al Gran Premio del Portogallo ha chiuso un avventura di bene 15 anni con la sua squadra.

Nel 2021, il "Dottore" si unirà alla Petronas SRT, il team satellite della Yamaha in MotoGP. Il #46 manterrà il suo status di pilota ufficiale ed avrà una M1 identica a quelle di Maverick Vinales e Fabio Quartararo. Tuttavia, sebbene abbia negoziato a lungo per portarsi dietro buona parte del suo staff tecnico, alla fine lo accompagneranno solo il capo tecnico David Munoz, il telemetrista Matteo Flamigni ed il suo coach Idalio Gavira.

Gli altri meccanici che hanno lavorato con lui dal suo debutto nella classe regina nel 2000, che aveva ereditato da Mick Doohan, saranno sostituiti da membri già presenti nel box della Yamaha Petronas.

"Valentino Rossi qui avrà un'atmosfera molto diversa, perché siamo una vera famiglia e corriamo in tutte e tre le categorie, sostenendoci a vicenda", ha detto Razali, team principal del Team Petronas.

"Spero di imparare molto da lui e allo stesso tempo sono sicuro che anche lui potrà imparare qualcosa da noi. Quindi penso che il prossimo anno sarà molto emozionante".

Johan Stigefelt, che sarà il suo nuovo direttore sportivo, è fiducioso che Rossi possa essere competitivo anche nel nuovo ambiente che si troverà ad affrontare.

"L'arrivo di Valentino sarà una sensazione incredibile, diversa, perché viene da una squadra ufficiale. E' passato molto tempo dall'ultima volta che ha corso con un team satellite, quindi lo sosterremo e speriamo che si senta a suo agio. Penso che se lo faremo sarà molto veloce" ha detto l'ex pilota svedese.

condivisioni
commenti
Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"
Articolo precedente

Morbidelli: "La M1 ‘A-spec’ non sarà un vantaggio nel 2021"

Prossimo Articolo

Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo

Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021