MotoGP
25 mar
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
45 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
72 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
93 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
107 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
114 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
128 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
163 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
177 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
191 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
198 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
219 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
240 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
254 giorni

Petronas: "l'eccezione" per Rossi frutto della pandemia

Il team Petronas doveva essere una squadra mirata a lanciare i giovani piloti, eppure è questa squadra che schiererà il veterano della griglia MotoGP nel 2021. Ma per il suo team principal, è una distorsione giustificata dalla situazione eccezionale causata dal Coronavirus.

condivisioni
commenti
Petronas: "l'eccezione" per Rossi frutto della pandemia

Il suo arrivo nella classe regina del Motomondiale nel 2019 aveva reso il team Petronas una delle nuove strutture adatte alla fioritura dei giovani piloti della MotoGP.

Succedendo a Tech 3 come un team Yamaha satellite, la squadra malese era stata introdotto sulla griglia con Franco Morbidelli, che aveva un anno di esperienza al momento, e il giovane Fabio Quartararo, che era stato promosso dalla classe Moto2 con sorpresa di molti.

Alla fine di questa prima stagione, i risultati ottenuti avevano definitivamente convalidato il progetto agli occhi dei più scettici, grazie soprattutto a Quartararo, Rookie of the Year e nuovo "sassolino" nello stivale di Marc Márquez.

Con il francese già in grado di essere ingaggiato dal team ufficiale Yamaha per il 2021, la fine del 2019 aveva spianato la strada al trasferimento del veterano Valentino Rossi nella squadra malese, in uno scambio Quartararo-Rossi ideale per il costruttore ma non così ovvio per la struttura satellite.

Razlan Razali è stato coinvolto nelle trattative che sono durate otto mesi, ma non ha fatto mistero della sua intenzione di non stendere il tappeto rosso a Valentino, resistendo fermamente al fatto che il pilota potrebbe essere percepito come superiore alla sua nuova squadra, al punto che avrebbe finito per privare la stella italiana di gran parte del suo fedele staff tecnico una volta che il trasferimento è stato finalmente concordato.

Leggi anche:

"Abbiamo fatto un'eccezione per Valentino Rossi, soprattutto a causa della pandemia", ha detto il boss malese a GPOne per spiegare il contesto in cui il 9 volte campione del mondo è stato reclutato. "Yamaha ci ha parlato di Valentino alla fine del 2019, e in una situazione normale lo avremmo valutato come qualsiasi altro pilota della Moto2 o della Moto3".

"Siamo sempre alla ricerca di giovani piloti, come abbiamo fatto con Fabio Quartararo. Ma avere Valentino è un'altra cosa, perché per noi nel 2021 sarà essenziale avere stabilità e prestazioni, è importante per la continuità della squadra. In uno scenario normale avremmo potuto prendere un pilota della Moto2, ma dato quello che stava arrivando, avrebbe significato avere un pilota che avrebbe iniziato la stagione con pochi test".

"Era troppo rischioso da considerare, quindi abbiamo preso la decisione con Valentino perché conosce la moto, ha un sacco di esperienza. E poi c'è anche la sfida di scoprire insieme quanto possiamo andare lontano con lui sulla moto".

Valentino Rossi, che ha firmato per un anno, ha immediatamente dichiarato il suo desiderio di attivare l'opzione che ha potenzialmente rimanere per un'altra stagione se gli indicatori saranno positivi. Ma nulla è meno certo, sia in termini di piani propri, quando il 2022 potrebbe aprire la possibilità di un proprio team in MotoGP per il "Dottore", o in termini di piani di Petronas.

Come sottolinea Razlan Razali, l'ingaggio di un pilota molto esperto per il 2021 è e rimarrà un'eccezione: "Abbiamo fatto un'eccezione per Valentino, ma i nostri piani sono sempre quelli di scoprire nuovi talenti e farli crescere per noi e per Yamaha in futuro".

Se la situazione sarà eccezionale, le ambizioni sono reali. "Sarà divertente avere un 'esordiente' come Valentino Rossi con noi! Correrà con Franco e sarà un anno emozionante per noi", si entusiasma Razlan Razali.

"Devo ringraziare Valentino per la fiducia che ha mostrato in noi. Devo dire che la decisione non è stata diretta, immediata. Un pilota come Valentino meritava di continuare la sua carriera, soprattutto dopo una stagione in piena pandemia".

"Vogliamo continuare ad essere veloci e competitivi, sappiamo che ha fatto parte di squadre ufficiali durante la sua carriera. Ma possiamo assicurargli che siamo molto professionali, anche senza la pressione di una squadra ufficiale. Penso che potrà anche andare da Morbidelli per qualche consiglio".

MotoGP: che effetto avrebbero i messaggi radio sui piloti?

Articolo precedente

MotoGP: che effetto avrebbero i messaggi radio sui piloti?

Prossimo Articolo

Gresini: una settimana senza febbre, ma il percorso è lungo

Gresini: una settimana senza febbre, ma il percorso è lungo
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Team Petronas Yamaha SRT
Autore Léna Buffa
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021
Andrea Dovizioso e l'impareggiabile esperienza di 19 anni nei GP Prime

Andrea Dovizioso e l'impareggiabile esperienza di 19 anni nei GP

Mai assente da un Gran Premio dal 2002, Andrea Dovizioso sta chiudendo un capitolo che rappresenta più della metà della sua vita e che gli ha regalato lezioni di incomparabile valore.

MotoGP
11 feb 2021