Perché il titolo di Quartararo smentisce il valore di vincere in Moto2 e Moto3

Fabio Quartararo ha conquistato il titolo in MotoGP nel 2021 dopo aver avuto un passato piuttosto difficile nelle categorie inferiori del mondiale.

Perché il titolo di Quartararo smentisce il valore di vincere in Moto2 e Moto3

Fabio Quartararo si è laureato campione del mondo MotoGP nel 2021 a soli 22 anni e 187 giorni, diventando il sesto pilota più giovane a vincere nella classe regina, dopo Marc Marquez (20 anni e 266 giorni), Freddie Spencer (21 anni e 258 giorni), Casey Stoner (21 anni e 342 giorni), Mike Hailwood (22 anni e 160 giorni) e John Surtees (22 anni e 182 giorni).

Il pilota francese ha debuttato nel mondiale nel 2015, senza aver nemmeno compiuto 16 anni, grazie a un cambio di età minima introdotto dopo che ha vinto il Campionato spagnolo. El Diablo è stato paragonato subito a Marc Marquez, il riferimento in MotoGP in quel momento, però non è mai arrivato a soddisfare le aspettative né in Moto3 né in Moto2.

Al debutto, con il team Monlau con cui aveva vinto il suo secondo CEV qualche mese prima, è salito sul podio nella seconda gara ad Austin e ha fatto la pole nel quarto appuntamento a Jerez, ma ha perso terreno man mano che la stagione andava avanti e ha deciso di cambiare aria alla fine dell’anno. Nel 2016 è passato al team Leopard di Christian Lundberg, con cui nel 2013 aveva conquistato il suo primo titolo nazionale. Ma in una squadra dove correvano anche Joan Mir e Andrea Locatelli non ha mai trovato il suo spazio e non è mai salito sul podio.

Con un bilancio di due podi in due stagioni, Quartararo ha deciso di passare in Moto2 con Sito Pons. Il 2017 è stato un fallimento totale e non è mai riuscito ad arrivare in top 5. Nel 2018 è approdato nel team Speed Up e all’improvviso ha sorpreso vincendo a Barcellona e facendo secondo ad Assen. Allora, il team Petronas cercava un pilota per la MotoGP e ha scommesso proprio su Quartararo nel 2019. Il resto è storia: il pilota di Nizza è stato il miglior rookie quell’anno con sette podi e sei pole, nel 2020 ha conquistato le sue prime tre vittorie lottando per il titolo e nel 2021 si è laureato campione del mondo.   

Leggi anche:

La carriera di Quartararo nelle classi inferiori del mondiale non è stata un ostacolo per l’arrivo in MotoGP, anche se è stato favorito dalle circostanze (Petronas aveva ricevuto risposte negative da altri piloti che aveva cercato, fra cui Dani Pedrosa). Sicuramente il pilota d’oltralpe non ha rifiutato l’opportunità, nonostante la sua giovane età e il non avere materiale ufficiale da Yamaha al debutto.

Fabio Quartararo è diventato il 17esimo pilota a vincere il titolo in MotoGP senza essere mai stato campione del mondo prima, una cosa che non succedeva dall’epoca di Stoner nel 2007. Nonostante questo fosse stato relativamente abituale tra i piloti americani e australiani che arrivavano direttamente alla classe 500cc, per trovare un europeo in queste circostanze bisogna risalire al 1982, con Franco Uncini.

Mentre Quartararo è riuscito ad arrivare in MotoGP con una sola vittoria e tre podi in quattro stagioni tra Moto3 e Moto2, un buon numero di campioni del mondo dello scorso decennio è rimasto fuori dal mondiale a meno di 30 anni.

condivisioni
commenti
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi
Articolo precedente

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Prossimo Articolo

Leitner: “Perdere concessioni ha condizionato KTM nel 2021”

Leitner: “Perdere concessioni ha condizionato KTM nel 2021”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021