Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?

La Honda ha raggiunto un accordo con Pol Espargaro per il 2021. Una mossa che apparentemente stigmatizza Alex Marquez senza nemmeno aver fatto il suo debutto come pilota HRC, oltre a danneggiare il programma KTM in MotoGP.

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?

La Honda ha raggiunto un accordo con Pol Espargaro per il 2021. Una mossa che apparentemente stigmatizza Alex Marquez senza nemmeno aver fatto il suo debutto come pilota HRC, oltre a danneggiare il programma KTM in MotoGP.

L'accordo tra le due parti è stato chiuso, anche se mancano ancora la firma ed un annuncio ufficiale, che per il momento non può essere fatto a causa di una clausula del contratto che lega Pol Espargaro alla sua squadra attuale.

Le trattative tra le due parti sono iniziate qualche settimana fa, dopo che la Honda ha deciso di voler rispondere alle mosse fatte dalla concorrenza sul mercato piloti.

La Yamaha ha mandato un messaggio importante alla concorrenza, rinnovando Maverick Vinales e promuovendo Fabio Quartararo nella squadra ufficiale, mettendo da parte il romanticismo e lasciando a Valentino Rossi solo l'opportunità di accasarsi al Team Petronas, con il quale sta discutendo proprio in questi giorni.

In casa Suzuki ci sono stati i rinnovi di Alex Rins e Joan Mir, che significano una continuità nella crescita che lo scorso anno ha portato la Casa di Hamamatsu a conquistare due vittorie. Una delle quali, quella di Silverstone, particolarmente dolorosa per la Honda, perché Rins ha battuto Marquez in volata.

Leggi anche:

A questo punto era la volta di Ducati e KTM di fare le proprie mosse. La Casa austriaca al momento non è un rivale diretto per la Honda, ma potrebbe diventarlo a medio termine. Quella di Borgo Panigale invece è stato l'avversario più temibile negli ultimi tre anni, ed ha reagito a questo domino promuovendo nel team ufficiale Jack Miller per la prossima stagione.

Secondo le informazioni raccolte da Motorsport.com, Ducati non è mai stata interessata ad ingaggiare Pol, un pilota che alla KTM guadagna 1,8 milioni di euro all'anno, circa tre volte lo stipendio pagato dalla Rossa a Danilo Petrucci.

Non sarebbe sorprendente se il più giovane dei fratelli Espargaro decidesse tuttavia di rinunciare a parte del suo ingaggio per entrare in HRC, salendo su una moto che finalmente gli potrebbe permettere di dare la caccia alla sua prima vittoria nella classe regina.

Cosa farà KTM?

In ogni caso, l'accordo tra il #44 e la HRC ha fatto svanire qualsiasi opzione di un approdo in Ducati al posto di Andrea Dovizioso, qualora non andasse a buon fine la trattativa per il rinnovo del forlivese.

Il cattivo rapporto tra KTM e Honda negli ultimi anni non deve essere perso di vista, con le dichiarazioni dei rispettivi vertici e le relative accuse di giocare sporco. Nulla è paragonabile, però, al colpo che KTM subirà con la perdita di "Polyccio", il pilota che finora ha guidato il progetto tecnico, conquistando anche il primo podio nella classe regina per il marchio di Mattighofen, a Valencia nel 2018.

Allo stesso tempo, i vertici Ducati non credono che KTM voglia o possa ingaggiare Dovi, cosa che teoricamente li mette ancora in una posizione di forza per proseguire il dialogo con il vice-campione del mondo.

Alex Marquez debutará este año en MotoGP con Repsol Honda Team

Alex Marquez debutará este año en MotoGP con Repsol Honda Team

KTM, invece, nello spazio di pochi giorni si è ritrovata a dover fare i conti con la perdita delle sue principali scommesse per il presente ed il futuro. Convinti di non poter fare nulla per impedire la partenza di Pol, gli austriaci hanno cercato una strategia per provare a confermare Jorge Martin, al quale hanno offerto addirittura una moto ufficiale per il 2021. Ma ormai sono in ritardo, perché lo spagnolo si è già impegnato con la Ducati e il suo passaggio al Pramac Racing sarà annunciato ad inizio luglio.

Espargaro è un pilota che, sulla carta, ha uno stile di guida che si adatta alle esigenze della RC213V. Inoltre gode del gradimento del team manager Alberto Puig, che non ha mai nascosto di apprezzarlo. L'arrivo del catalano garantirebbe che l'intero peso della squadra ufficiale non cada esclusivamente su Marc Marquez, che nel 2019 ha praticamente fatto la "Tripla Corona" da solo.

Puig in realtà questa idea la cullava già dallo scorso novembre, quando Jorge Lorenzo ha annunciato in fretta e furia il suo ritiro. Allora, l'opzione più logica sarebbe stata quella di promuovere Cal Crutchlow, offrendogli il posto del maiorchino in HRC e far approdare Alex Marquez in LCR con Takaaki Nakagami.

Alex Márquez, Repsol Honda Team, Cal Crutchlow, Team LCR Honda

Alex Márquez, Repsol Honda Team, Cal Crutchlow, Team LCR Honda

Situazione difficile per Alex Marquez

Tuttavia, i vari impegni commerciali hanno sconsigliato una mossa di questo tipo. Privare la squadra di Lucio Cecchinello del pilota di Coventry sarebbe stata una cattiva soluzione per tutte le parti, per non parlare delle continue insinuazioni di Cal riguardo ad un possibile ritiro a fine 2020. Una minaccia permanente che ha costretto Puig a coprire le sue tracce.

"HRC pensa sempre al suo futuro, dai team della Moto3 fino alla MotoGP. A causa delle circostanze in cui siamo immersi, questa stagione non si sta sviluppando normalmente, ma questo non impedisce alla Honda di continuare a pianificare il futuro dei suoi piloti nel miglior modo possibile" ha detto Puig dopo che Motorsport.com aveva rivelato l'accordo con Espargaro.

Con l'arrivo di Pol alla Repsol Honda, nessuno sa cosa succederà ora ad Alex Marquez: il giovane spagnolo non ha ancora fatto il suo debutto nel team ufficiale della Casa giapponese e potrebbe essere stigmatizzato da questa mossa.

Leggi anche:

La logica suggerisce che Alex potrebbe passare in LCR, una squadra che si addice alla crescita nella classe regina per un campione del mondo della Moto2.

Il problema è che prima di questo Alex dovrà reggere una pressione enorme, e forse controproducente, di trovarsi sotto i riflettori del confronto diretto del con il fratello Marc, uno dei migliori piloti di sempre e il riferimento di questo momento storico.

A questo punto è logico che sorga un dubbio: non c'era un modo per scomporre questo puzzle senza esporre così tanto il più giovane dei Marquez?

Sicuramente no. Sei mesi fa le circostanze hanno impedito ad Alex di accasarsi nel posto giusto e ora c'è questa possibilità. Tutto quello che Puig e la Honda stanno cercando di fare potrebbe essere cercare di correggere un'anomalia e lasciare le cose come avrebbero dovuto essere fin dall'inizio.

condivisioni
commenti
Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Articolo precedente

Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Prossimo Articolo

MotoGP, Mugello: ufficiale la cancellazione del GP d'Italia 2020

MotoGP, Mugello: ufficiale la cancellazione del GP d'Italia 2020
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021