Penalità più severe da Aragon per i track limits all'ultimo giro

Dopo una discussione in Safety Commission, è stato deciso che all'ultimo giro scatterà automaticamente un arretramento di posizione o una penalità in tempo se un pilota va fuori dai limiti della pista, a meno che non sia evidente che è stato svantaggiato dalla cosa.

Penalità più severe da Aragon per i track limits all'ultimo giro

Per Fabio Di Giannantonio e la Speed Up sarà sicuramente una magra consolazione, ma il modo in cui si sono visti portare via la vittoria da Augusto Fernandez a Misano ha fatto giurisprudenza, perché a partire dal GP di Aragon è stato infatti deciso di inasprire i controlli sui track limits nel corso dell'ultimo giro di gara.

Nel GP di San Marino, il pilota romano aveva iniziato l'ultimo giro al comando della corsa, ma poi era stato superato dallo spagnolo, con tanto di contatto, alla curva 14. Il tema della contestazione però non era stato tanto il sorpasso in sé, quanto il modo in cui il portacolori del Pons Racing lo aveva preparato, andando largo sul cemento verde all'esterno del Curvone.

Leggi anche:

Il regolamento attuale, infatti, prevede cancellazione automatica del tempo nel caso di un turno di prove libere o di qualifica. In gara invece dopo il terzo passaggio sul "verde" scatta il warning, che si tramuta in una Long Lap Penalty al raggiungimento della quinta infrazione.

Tuttavia, non c'erano indicazioni specifiche relative all'ultimo giro e questo quindi ha permesso a Fernandez di farla franca, visto che per lui si trattava solamente della terza infrazione nel corso della gara di Misano.

Dopo l'incontro della Safety Commission di ieri, però, è stato deciso che d'ora in avanti, un'infrazione avvenuta nel corso dell'ultimo giro di gara e che ha avuto un impatto sul risultato, deve essere punita con un cambio di punizione o con una penalità in tempo, a meno che i commissari non ritengano che ci sia stato un chiaro svantaggio nella manovra.

Questo proprio con l'intento che i piloti evitino di provare a trarre vantaggio sui propri avversari ed avere una certezza che chi è andato oltre i limiti della pista nell'ultimo giro si debba trovare in una posizione peggiore rispetto al rivale con cui è in battaglia.

condivisioni
commenti
Moto3, Aragon, Libere 3: Lopez brilla sull'umido, Q2 invariata

Articolo precedente

Moto3, Aragon, Libere 3: Lopez brilla sull'umido, Q2 invariata

Prossimo Articolo

Moto3, Aragon: grande pole di Canet, Dalla Porta solo 12esimo

Moto3, Aragon: grande pole di Canet, Dalla Porta solo 12esimo
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021