Pedrosa: "L'anno prossimo girerò anche di più con la KTM"

La perdita delle concessioni non avrà un grande impatto sul lavoro di collaudatore per la KTM di Dani Pedrosa, che ieri a Portimao ha rivelato che nel 2021 avrà ancora più lavoro da fare.

Pedrosa: "L'anno prossimo girerò anche di più con la KTM"

Le vittorie ed i podi ottenuti dalla KTM in questa stagione significano che la Casa austriaca perderà le concessioni a partire dal 2021. Questo significa che perderà parte dei vantaggi che le hanno permesso di diventare, in questo momento, una delle squadre più competitive della griglia della MotoGP.

In attesa del test di oggi e domani a Portimao, la Dorna ha organizzato una conferenza stampa con i collaudatori presenti, compreso Dani Pedrosa.

Lo spagnolo ha toccato l'argomento della perdita delle concessioni per la KTM, rivelando però che questo lo porterà addirittura a lavorare di più nel 2021.

"E' un cambiamento importante per la KTM. Soprattutto l'anno scorso e quest'anno abbiamo fatto molti test, provato su tanti circuiti, e questo ci ha aiutati a fare tanti passi avanti".

"Una volta perse le concessioni, dovremo riadattarci un po'. Non potremo più provare su così tanti circuiti o apportare modifiche alla moto durante la stagione. Dobbiamo adattarci ad una nuova strategia. Quanto cambieranno le cose? Non lo so, anche se è chiaro che sarà un cambiamento importante e che dovremo giocarci bene le nostre carte" ha spiegato, riferendosi alla perdita delle concessioni.

"A livello di girare penso che non ci saranno problemi, saranno solo meno i circuiti su cui potremo farlo. Anzi, credo che dovrò girare anche di più, perché quando c'erano i piloti ufficiali mi hanno tolto delle gomme e quindi dovevo dosarle. Ora questa cosa non sarà più possibile".

Leggi anche:

Essendo un grande conoscitore del Motomondiale, a Pedrosa è stato chiesto di questo insolito ed imprevedibile 2020 e su chi ritiene possa essere il favorito nelal corsa al titolo.

"In ogni gara vediamo molti cambiamenti nelle prestazioni delle moto e dei piloti. Penso che d'ora in poi sarà tutto un po' più stabile, soprattutto per i piloti che sono ancora in lizza per il titolo. Forse diventerà un po' più facile indovinare i risultati, ma per ora c'è stata un'imprevedibilità tale che è difficile fare un nome".

Come collaudatore KTM, Dani ha girato molto, utilizzando sia le gomme 2019 che quelle 2020, che stanno creando tanti grattacapi ad alcuni piloti.

"Sembra che il problema sia nelle gomme, ma io non corro, quindi non posso dirlo con certezza. Bisogna credere a quello che dicono i piloti che corrono e alcuni dicono che la moto va bene, poi all'improvviso non è più così. Ci deve essere qualcosa che fa succedere questa cosa, ma può essere la gomma o anche no. Però ci sono variazioni di prestazioni senza cambiare la moto e questo ha sicuramente a che fare con la pista, il grip e le gomme".

Infine, a Dani è stato chiesto della possibilità di tornare a dividere la pista con Jorge Lorenzo. Una cosa che non accadeva da parecchio tempo.

"Per me è bello dividere di nuovo la pista con Jorge. Lo facciamo da quando avevamo 15 anni e siamo ancora qui. Faccio tanti test in solitaria e questo è un bene, ma è più divertente quando siamo tutti qui. Poi avere Jorge, uno dei miei grandi rivali, che condivide la pista con me è molto buono. Mi piace. Non penso a batterlo, ma è bello essere nel paddock e parlare insieme" ha concluso il pilota iberico.

Gallery: 13 piloti che si sono riciclati come collaudatori in MotoGP

Casey Stoner - Honda y Ducati

Casey Stoner - Honda y Ducati
1/13

Foto di: Ducati Corse

Tras su prematura retirada, el bicampeón de MotoGP ejerció de probador primero de Honda y de Ducati después.

Dani Pedrosa - KTM

Dani Pedrosa - KTM
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Después de toda una vida ligado a Honda, cuando abandonó la competición aceptó la propuesta de KTM para ser su probador.

Randy de Puniet - Suzuki y KTM

Randy de Puniet - Suzuki y KTM
3/13

Foto di: KTM

Tras un breve paso por el WorldSBK, el francés fue uno de los encargados de llevar el desarrollo de Suzuki y KTM en su vuelta a MotoGP.

Stefan Bradl - Honda

Stefan Bradl - Honda
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Honda confía en el ex campeón de Moto2 para desarrollar la RC213V.

Bradley Smith - Aprilia

Bradley Smith - Aprilia
5/13

Foto di: Miquel Liso

Smith compagina su participación en MotoE con sus labores como probador de Aprilia desde 2019.

Jonas Folger - Yamaha

Jonas Folger - Yamaha
6/13

Foto di: Miquel Liso

El Síndrome de Gilbert obligó a Jonas Folger a retirarse temporalmente de la competición. Tras recuperarse, aceptó la propuesta de ser probador de Yamaha.

Sylvain Guintoli - Suzuki

Sylvain Guintoli - Suzuki
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

El ex campeón del WorldSBK es uno de los probadores de Suzuki desde que dejó el campeonato de las motos derivadas de serie.

Michele Pirro - Ducati

Michele Pirro - Ducati
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

El italiano compite en el CIV de Superbike, realiza algunos wild cards en MotoGP y es el probador de Ducati.

Hiroshi Aoyama - Honda

Hiroshi Aoyama - Honda
9/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

En sus últimos años como piloto, Aoyama ejerció de probador de Honda.

Mika Kallio - KTM

Mika Kallio - KTM
10/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Junto a Dani Pedrosa, Kallio forma un equipo de pruebas de lujo para KTM, disputando además varios grandes premios cada año.

Nobuatsu Aoki - Suzuki

Nobuatsu Aoki - Suzuki
11/13

Foto di: Suzuki MotoGP

El ex piloto ha formado parte del equipo de pruebas de Suzuki desde hace años tras dejar la competición.

Franco Battaini - Ducati

Franco Battaini - Ducati
12/13

Foto di: Ducati Corse

El veterano italiano llevó el peso del desarrollo de la Ducati a principios de esta década.

Jorge Lorenzo - Yamaha

Jorge Lorenzo - Yamaha
13/13

Foto di: Yamaha MotoGP

condivisioni
commenti
Dovizioso: "Ogni GP è una nuova opportunità"

Articolo precedente

Dovizioso: "Ogni GP è una nuova opportunità"

Prossimo Articolo

Martin: "In 1 o in 1,5 anni lotterò per il podio in MotoGP"

Martin: "In 1 o in 1,5 anni lotterò per il podio in MotoGP"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Daniel Pedrosa
Team Red Bull KTM Factory Racing
Autore Germán Garcia Casanova
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021