MotoGP
G
GP d'Austria
14 ago
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
11 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
31 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
39 giorni
25 set
Prossimo evento tra
46 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
95 giorni
20 nov
Canceled

Oliveira smentisce Binder: “L’incidente non è andato come dice”

condivisioni
commenti
Oliveira smentisce Binder: “L’incidente non è andato come dice”
Di:
27 lug 2020, 09:32

Brad Binder offre la propria versione dell’incidente con Miguel Oliveira che ha portato al ritiro del pilota Tech 3 alla prima curva del Gran Premio di Andalusia, ma il portoghese non è d’accordo con il portacolori KTM.

Il Gran Premio di Andalusia di Miguel Oliveira scattava dalla quinta posizione in griglia di partenza, miglior risultato per il pilota KTM, ma purtroppo in partenza non ha avuto un grande spunto ed alla prima curva si è ritrovato a lottare con Binder in nona posizione. Mentre il gruppo affrontava Curva 1, Danilo Petrucci ha inserito la propria Ducati nella traiettoria interna di Binder, che è stato colto di sorpresa ed è stato costretto ad alzare la moto. Con questa manovra ha colpito il posteriore della Tech 3 di Oliveira, che è finito pesantemente a terra.

L’incidente tra Binder ed il suo futuro compagno di squadra in KTM è stato messo sotto investigazione dalla Direzione Gara, ma non è stato preso alcun provvedimento. Binder è poi caduto all’ultima curva del 13esimo giro, mettendo fine anche alla sua gara. Il sudafricano offre la propria versione dei fatti riguardo l’incidente: “Per quanto mi riguarda, io ero l’unico all’interno. Quindi non potevo immaginare che qualcuno arrivasse ancora più all’interno di me. Appena ho visto che c’era qualcuno all’interno, sapevo cosa sarebbe successo. Nell’attimo in cui ho tirato su la moto ero letteralmente sulla ruota posteriore di Miguel, è stato incredibile. Per me è orribile, perché è il mio compagno di marca ed inoltre aveva ottenuto la sua miglior prestazione in qualifica con KTM, quindi si aspettava una bella gara. Tutto ciò che posso dire è che mi dispiace, si vive e si impara. Proverò a non farlo mai più”.

A fine gara, Binder e Mike Leitner, team manager KTM, sono andati da Oliveira per chiedere scusa ed il portoghese non ha contestato il punto di vista del pilota, non avendo visto il replay dell’incidente. Ma dopo aver riguardato le immagini, Oliveira ha affermato di non credere che Danilo Petrucci fosse in errore e che Binder fosse stato ‘un po’ troppo ottimista’.

“Ci sono sempre diverse versioni di ciò che succede, ma è molto difficile dire quando sei nella prospettiva del pilota – afferma Oliveira – ma guardando tutta la sequenza, penso che Brad fosse un po’ troppo ottimista alla prima curva. Probabilmente non sapeva dove andare e ha colpito il posteriore della mia moto. Io sono caduto”.

“Abbiamo parlato con Mike Leitner e Brad. Indubbiamente, sono venuti a chiedere scusa perché saremo compagni di squadra il prossimo anno e non vogliamo alcun attrito. In quel momento però io non avevo visto le immagini, quindi non avevo nulla da contestare. La loro versione è che Danilo si è infilato all’interno e per questo Brad ha sollevato la moto, ma dopo ho guardato il replay e non è successo questo. Quindi ho due versioni qui, ma ho accettato le scuse, queste sono le gare”.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”

Articolo precedente

Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”

Prossimo Articolo

Report MotoGP: qual è il vero Rossi?

Report MotoGP: qual è il vero Rossi?
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Andalusia
Sotto-evento Gara
Location Circuito de Jerez
Piloti Brad Binder , Miguel Oliveira
Team Red Bull KTM Factory Racing , Tech 3
Autore Lewis Duncan