MotoGP | Zeelenberg: "Rispettiamo la decisione di Dovizioso"

Il team manager Wilco Zeelenberg avrebbe preferito che Andrea Dovizioso finisse la stagione con la RNF Yamaha, ma rispetta la decisione del 36enne italiano. L'ex pilota olandese sentiva da tempo che la partenza del Dovi si stava facendo imminente.

MotoGP | Zeelenberg: "Rispettiamo la decisione di Dovizioso"
Carica lettore audio

Il giovedì prima del Gran Premio di Gran Bretagna, Andrea Dovizioso ha annunciato che si ritirerà dopo il Gran Premio di San Marino. Non è riuscito ad adattare il suo stile di guida per essere veloce con la Yamaha M1. Di conseguenza, Dovizioso ha trascorso l'intera prima metà della stagione nelle retrovie. Prima della pausa estiva, ci sono state speculazioni sul suo futuro, ma Dovizioso ha annunciato a Silverstone l'intenzione di fermarsi dopo la gara di casa.

"Correva con un approccio diverso rispetto ai giovani piloti, non doveva farlo per i soldi o la fama", ha detto Wilco Zeelenberg a Motorsport.com e ad altri media. "Voleva cercare di salire di nuovo sul podio. Poi sai che sarà una stagione molto lunga se non funziona. Siamo riusciti a motivarlo a lungo a rimanere e a divertirsi. Ha lottato per questo, ma Andrea è molto serio. È un ragazzo aperto e simpatico, ma è difficile divertirsi con lui".

Cercare di mantenere il divertimento nel lavoro è stato difficile per un pilota che ha ottenuto solo pochi punti nella prima metà della stagione. "Si diverte di più quando riesce ad esibire il suo talento. Ha capito che quest'anno non sarebbe successo. Non ha lasciato nulla di intentato con noi, ma durante la pausa estiva ha preso la sua decisione".

Zeelenberg si è accorto della decisione dopo una conversazione telefonica all'inizio della pausa estiva. "Dopo Assen abbiamo parlato dei suoi piani. Non gli ho chiesto come o cosa, ma gli ho detto che stavamo prenotando per il Giappone e lui mi ha risposto: 'Per il Giappone è ancora un po' troppo presto per prenotare'. Non ha detto altro. Prima di Silverstone, Lin (Jarvis) ha chiamato dicendo che avrebbe smesso. Del resto, il suo contratto è con la Yamaha".

Nel suo discorso alla squadra prima della conferenza stampa a Silverstone, Dovizioso ha sottolineato di aver apprezzato molto la solidarietà del team. "Sapeva come ci sentivamo", ha continuato Zeelenberg. "Gli ho anche detto di farci sapere cosa stava succedendo e che se aveva un piano chiaro in mente, noi avremmo rispettato la sua decisione, qualsiasi cosa accadesse. Volevamo davvero che finisse la stagione, ma non si può costringere un pilota a salire su una moto, è l'ultima cosa che si dovrebbe fare".

Andrea Dovizioso, RNF MotoGP Racing

Andrea Dovizioso, RNF MotoGP Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Yamaha non ha sfruttato le conoscenze di Dovizioso

Dovizioso ha rifiutato un posto in Aprilia nel 2021, ma ha ritenuto che un ritorno alla Yamaha fosse un ottimo modo per iniziare la sua seconda vita in MotoGP. Per il costruttore giapponese è stata anche un'enorme opportunità poter beneficiare dell'esperienza del forlivese.

È noto nel paddock della MotoGP come un pilota molto intelligente, che capisce come funziona la moto e come migliorarla. La MotoGP è cambiata radicalmente negli ultimi anni con l'avvento degli abbassatori e dell'aerodinamica, ma Zeelenberg dice che il suo anno sabbatico non è l'unica ragione della mancanza di prestazioni di Dovizioso in questa stagione.

"È stato in sella a una Ducati per otto anni e ha sottovalutato quanto siano diventate diverse le due moto", ha risposto Zeelenberg. "Aveva avuto un'esperienza con la Yamaha ed aveva anche portato la moto sul podio, ma il gioco è cambiato. Prima potevi essere quarto o quinto a dieci secondi dal vincitore, ora sei dodicesimo o più in basso. Nei primi tre o quattro giri si perdono dieci secondi quando si è nel traffico e si lotta. Questo richiede molto tempo. Non c'è un modo giusto o sbagliato, ma noi come squadra avremmo voluto che continuasse fino alla fine della stagione. Non si vuole essere la squadra in cui i piloti dicono basta in continuazione, e l'anno scorso Valentino si è ritirato con noi".

Anche la Yamaha non è stata in grado di trarre sufficienti benefici da Dovizioso. "L'approccio della Yamaha è stato quello di cercare di imparare dalla moto che è stata una grande rivale per otto anni", ha detto Zeelenberg riferendosi alla Ducati.

L'hanno fatto a sufficienza? "Questo bisogna chiederlo alla Yamaha, ma in termini di sviluppo non è stato sufficiente per lui. Voleva cambiare cose che a Fabio non piacevano affatto e la domanda è se fosse il caso di dedicare tempo e sforzi a questo. Le risorse sono limitate anche da questo punto di vista, ma Fabio non si lamenta delle cose di cui si lamenta Dovi e allora bisogna chiedersi se è il caso di investire molto tempo ed energia in questo".

"Si è posto questa domanda costantemente, perché lo avevano preso anche per le sue conoscenze e le sue capacità di sviluppo. Pensava che tutti alla Yamaha sarebbero andati più veloci grazie a questo. Questo era il suo obiettivo ed è stato anche in grado di analizzare la moto e di indicare alcune cose che potevano essere fatte meglio per migliorare la M1. Bisogna avere le risorse per farlo però. Non so se alla Yamaha ci fossero e se fosse possibile con l'assetto attuale".

Cal Crutchlow, Yamaha Factory Racing

Cal Crutchlow, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

La reunion con Crutchlow: "Sarà divertente"

Dopo il ritiro di Dovizioso, Cal Crutchlow prenderà il suo posto alla Yamaha RNF nelle ultime sei gare della stagione. Zeelenberg conosce l'inglese dai tempi del campionato mondiale Supersport. Sono diventati campioni insieme nel 2009. "Sarà divertente", ha detto Zeelenberg parlando dell'arrivo di Crutchlow alla RNF.

L'ex pilota della Honda si è ritirato dalla MotoGP alla fine del 2020 ed è diventato collaudatore della Yamaha. L'anno scorso non ha potuto girare molto, ma in questa stagione ha completato un programma di test più intenso. In precedenza Crutchlow aveva dichiarato di non essere interessato a tornare alle corse, ma la Yamaha aveva poche altre opzioni in questo caso.

"Chi altro metteresti? Non è una situazione semplice per tutti. Dobbiamo assicurarci di avere un buon sostituto per la squadra e per gli sponsor. Se mi chiedete se pensiamo di poter stare davanti insieme? No, ovviamente non credo. Lo spero, ma ne dubito. Andrea è stato sulla nostra moto per un anno, Cal sulla moto ufficiale. Non credo che cambi molto in termini di prestazioni, ma fatemi un nome migliore che avremmo potuto scegliere".

Zeelenberg può condividere la decisione della Yamaha, anche se a livello sportivo ci saranno pochi progressi per il team RNF. "Anche questa è una decisione della Yamaha, è la moto su cui sale anche Fabio. Cal sta già provando la moto dell'anno prossimo, non ci mettono sopra chiunque. Lui è il collaudatore e probabilmente hanno del lavoro da fare. Guardiamo gara per gara, dobbiamo prendere le cose positive e poi lavorare per il 2023. Non si può fare molto, ma quello che possiamo fare, lo farà la Yamaha. L'obiettivo della Yamaha è comunque quello di ottenere qualcosa dal suo impiego comunque".

Leggi anche:
condivisioni
commenti
MotoGP | Marini: "Voglio continuare a lavorare sulla nuova carena"
Articolo precedente

MotoGP | Marini: "Voglio continuare a lavorare sulla nuova carena"

Prossimo Articolo

La carta VR46 ti porta a Misano con uno sconto del 30%

La carta VR46 ti porta a Misano con uno sconto del 30%